domenica 8 novembre 2015

Accidia

Nel post che ho pubblicato prima, ho elencato 5 "cose", tra stati d'animo, atteggiamenti eccetera che mi danno fastidio.
Tra tutte le risposte, Massimiliano Riccardi mi ha parlato dell'accidia. Di coloro che vedono ma non fanno niente per cambiare le cose.
Si tratti di vita sociale, di politica, di vita normalissima di tutti i giorni l'accidia è una piaga.
Quando poi si tratta di avvenimenti come quelli che link sotto, non è più soltanto accidia ma disinteresse totale per la vita altrui, per l'altrui sofferenza. E' egoismo allo stato puro. Menefreghismo. Magari anche paura, per carità, però non si dice di intervenire di persona. A volte basta un cellulare per chiamare le Forze dell'Ordine.
Qualcuno potrà obiettare che è successo in Argentina ma secondo voi, nella civilissima Italia, quanto probabilità ci sarebbero state di un pari menefreghismo?
Myrtilla

http://www.leggo.it/NEWS/ESTERI/picchiata_fidanzato_video/notizie/1668266.shtml

7 commenti:

  1. E' una piaga è vero, e i portatori sani di questa calamità sono proprio i ben pensanti, pacifici, innocenti cittadini che semplicemente scelgono di girarsi dall'altra parte, non necessariamente per cose gravi, alle volte per piccole cose che però dannano la vita di chi le subisce, quando basterebbe un gesto, una parola...

    RispondiElimina
  2. Partendo dalle cose piccole poco per volta si può arrivare a cambiare anche quelle grandi.
    Basta volerlo fare

    RispondiElimina
  3. Hai ragione, almeno un cellulare si potrebbe avere usato...

    podi-.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io credo che sarebbe bastato, per incominciare. Una telefonata alle forze dell'ordine. Almeno quello!

      Elimina
  4. Credo che cose del genere siano accadute anche in Italia. Purtroppo siamo talmente abituati all'impunità dei malfattori, al rispetto della magistratura nei confronti di chi delinque, alla rassegnazione dei poliziotti per l'immediata scarcerazione di chi commette reato, che alla fine ci viene da pensare "meglio non rischiare di prendere qualche cazzotto in testa per poi essere denunciato e condannato per aver tentato di fermare un povero delinquente indifeso".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come darti torto, Ariano? Impossibile!
      Penso che capitani ovunque nel mondo queste cose. Magari anche di peggio.
      La violenza ci sta dando assuefazione ormai. E dietro, c'è qualcosa? Poliziotti e carabinieri che arrestano qualcuno che delinque e i cittadini onessti che gli tirano i vasi in testa....
      Sul povero delinquente indifeso mihai fatto fare un sorriso. Molto amaro e amareggiato. Grande verità!

      Elimina
  5. Mi hai ricordato ciò che accadde qualche anno fa a Cagliari.
    Una giornalista del quotidiano locale era stata strattonata da un furfante che le aveva rubato la borsa e spinta a terra. Gridò aiuto ma nessuno intervenne. Disse che c' erano dei ragazzi sull' altro lato della strada, vicino a un locale, ma fecero finta di nulla.

    Accade più o meno così: quando succede a noi, gridiamo allo scandalo se nessuno è intervenuto, quando accade agli altri, non interveniamo. Molti non intervengono perché hanno paura dei tizi che commettono violenze ( forse hanno delle armi ) ma non si può non intervenire almeno in chi è stato colpito ed è in difficoltà.

    A me accadde da piccolo che nel supermercato dove andammo a fare la spesa ci fu una rapina a mano armata. Quando i ladri fuggirono con i soldi, ricordo che aiutai a raccogliere le monete sparse ovunque ( il ladro svuotò la cassa in modo veloce facendo cadere molti spiccioli )

    Ciao Patri!

    RispondiElimina