martedì 17 novembre 2015

Non avrete il mio odio

Terzo post di oggi, perdonatemi, ma questo non deve passare inosservato.
Ringrazio Flora di aver condiviso con me questo articolo e faccio altrettanto con voi.


No, fanciulli, non sono parole mie.
Sono state scritte su facebook da un uomo che nell'attentato di Parigi ha perso la moglie.

Eccovi il link di    MASSIMO GRAMELLINI
Questo articolo tocca il cuore.

Leggetelo e poi ditemi se voi sareste capaci di pronunciare, addirittura scrivere, parole del genere.
Io, sono sincera, NO! Li odierei con tutte le mie forze. Chiederei (d'altronde già lo faccio senza aver perso per fortuna nessuno) la loro cattura e fucilazione.

Eppure c'è chi in fatta di dignità ne ha veramente tanta. Dignità, amore, per la moglie che non c'è più, per il bimbo che deve crescere senza mamma.
Amore per la vita insomma.

Massimo Gramellini dice che
"Se ciò che chiamiamo Occidente ha un senso, questo senso palpita nelle parole di" quest'uomo.
Sì! Ha ragione!
Non odio perchè un paese civile non può odiare. Perchè un essere umano non deve odiare. Perchè i terroristi neeno quello meritano.

Beato questo signor Antoine Leiris che è capace di tanto.
Ripeto, io non ne sarei affatto capace!

Myrtilla


32 commenti:

  1. Anch'io ho letto questa lettera e chapeau a quest'uomo.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  2. Ciao Pat,
    l'odio genera altro odio, la violenza altra violenza, freddezza, durezza, chiusura d'animo e dolore cieco, senza speranza. Non è facile avere un atteggiamento diverso, non si tratta di perdono, concetto nel quale non credo perché sostanzialmente atea, ma di non farsi abbrutire dall'odio e dalla disperazione.
    Il link non sono riuscita a visualizzarlo, però.
    Ti abbraccio
    la effe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero Fenice però è dura non odiare certe volte.

      Ho ritoccato il link. Ora dovrebbe vedersi

      Elimina
  3. No, non sono in grado di elaborare in questo modo. Prevarrebbe l'odio, il desiderio di vendetta. Bella prova Patricia pubblicare un simile post. Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Max.
      Nemmeno io elaborerei così. Già ora come ora chiedo severità, giustizia... punizione per questi pazzoidi. Se fosse toccato ad uno dei miei... forse imbracciavo anch'io il fucile. Magari come clava, però.....
      Ciao carissimo!

      Elimina
  4. Davvero, chapeau a quest'uomo dalla grande Anima.
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Dani. Uomo encomiabile di certo. Spero che riesca sempre a mantenere questa forza per lui e il suo bimbo.

      Elimina
  5. Ho letto questa mattina il buongiorno di Gramellini. Per me è un appuntamento fisso. Come te, non credo sarei capace di perdonare. A tal punto da insegnare anche a mio figlio a perdonare.
    Pat, qualche tuo post me lo perdo, ma poi arrivo eh...
    Bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ci sono problemi, Mariella. Tranquilla! Niente multa! :)))

      Perdonare, diceva mia nonna, è da cristiani. Dimenticare è da villani.
      Io però mi chiedo: se non dimentico, come faccio a perdonare? Se ricordo sempre il torto che mi hai fatto, come faccio a perdonare?
      In casi come questo poi, ancora più difficile.

      Elimina
  6. Ammiro queste persone che non sanno odiare, che reagiscono con questa grande forza e dignità al dolore enorme che li ha colpiti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giulia. Ammirevoli davvero!
      E ti confesso che un poco li invidio pure. Io non sono capace. Di fronte a certe cose la parola perdono sparisce dal mio vocabolario.

      Elimina
  7. come Giulia lù anche io ammiro queste persone che hanno un cuore grande, io sono sincera farei fatica a non odiare

    RispondiElimina
  8. Tanto di cappello a questo signore, ma io no, non ce la farei a non odiare e a non maledire finchè ho fiato. Se poi per assurdo, dovessi avere questi assassini sotto mano, aaaaaagggghhh, quanto verrebbe fuori tutto il mio odio... Che dici, sono troppo incivile Patty? ;P... Comunque bello questo che hai pubblicato :***

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao REgina, come ho detto a Massimiliano sopra... se fosse toccato ad uno dei miei non solo non avrei perdonato ma forse dal dolore e dalla rabbia avrei anche potuto combinarne qualcuna.
      Lo so, che rispondere alla violenza con altra violenza non serve. E' un circolo vizioso che non si chiude mai. Però certi atti, certe viltà vanno puniti! Estirpati!

      Elimina
  9. Non so proprio come faccia questo signore a reagire così, lo ammiro e spero che superi al meglio questo terribile momento, per se e per il piccolino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è davvero ammirevole.
      Spero anch'io che quando finalmente capirà che la sua compagna di vita non tornerà più qulacuno lo possa sostenere e aiutare. Per lui e per il bimbo,

      Elimina
  10. "Non avrete il mio odio" equivale a dire non vi considero degni neppure di quello, non vi considero umani. Non mi avrete mai. Non si tratta con il terrorismo, mai. E non si odia chi non è umano.
    Penso che al figlioletto voglia trasmettere qualcosa di più, che l'odio. E spero che possa almeno illuminare qualcun altro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande lezione la sua e grande desiderio il tuo, Glò.
      Io pperò sono sincera. Odio? Sì, tanto!

      Elimina
  11. Io non sò se ci riuscirei a non odiare, ammiro la grande forza di quest'uomo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti rispondesse ripeterei le tue stesse identiche parole, Rosy. Anch'io la penso così!
      Un bacio!

      Elimina
  12. Credo proprio che non ci riuscirei a non odiarli ....mi sarebbe impossibile ....anche se non riuscirei a ricambiare il male che loro hanno fatto ....provo una grande ammirazione per quest'uomo ....ma anche una grande pena ..... pensando a tutti gli attimi di gioia che avrebbe potuto condividere con la sua compagna.... alla vita assieme .... ed ogni momento che li vivrà da solo avrà in gola un groppo che lo impedirà di gioire appieno .... un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giusi, hai ragione sai! E' un uomo da ammirare ma al contempo ispira tanta tenerezza, triste tenerezza. Tutto quello che poteva condividere con la sua compagna di vita ora deve gestirlo da solo. Nel bene e nel male.
      Spero che abbia qualcuno vicino a sostenerlo e dargli conforto e aiuto.

      Non odiarli? NO!

      Elimina
  13. Grande forza d'animo...di un grande marito e papà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gianna, benvenuta.
      Sì, grande Uomo, decisamente con la U maiuscola!

      Elimina
  14. Ci sarebbe tanto da scrivere, ma quel che si può dire in merito è che a chi viene colpito da un'ingiustizia del genere ( perché si tratta di ingiustizia morire senza avere una colpa ) non importa, nel momento, delle cause dell' evento tragico, dei carnefici e delle vittime.

    Quel che ognuno di noi dovrebbe fare, è informarsi a dovere sulla situazione
    ( questo è il video che ho condiviso sul profilo di G+ e che ti chiedo di condividere per far studiare tutti la reale situazione che vi è in quella parte del mondo
    https://www.youtube.com/watch?v=rBNRJTs3Bf0 ) e non tanto per prendersela con chi è veramente la primaria causa di queste bruttezze, ma per capire che ci sono vittime che soffrono da tempo e che noi ignoriamo, che i nostri "imperatori" ci danno risorse primarie - che noi utilizziamo - intrinse di sangue umano.

    Nelle nostre auto c'è benzina e sangue. I nostri cibi sono dunque trasportati da mezzi che vanno a petrolio e sangue.

    Ho detto anche troppo.
    Ciao Patri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Daniele.
      Come dicono a Roma il più pulito ha la rogna ed è vero!
      Chi fabbrica le armi? Cho le vende? Chi ci guadagna?
      Però non possiamo anche urinare nelle auto per farle andare avanti. Però non possiamo tornare all'epoca della pietra per evitare che succedano cose simili.
      Poi comunque sono dell'idea che la follia, perchè di follia si tratta per me, c'entri poco con questo.
      Noi li sfrutteremo in diverse maniere ma ammazzare in nome di un Dio non è da esseri superiori. E' da vili!

      Elimina
  15. Neanche io onestamente. Perché questi sono peggio dei nazisti, davvero pensano di essere loro gli umani e noi degli insetti che, beh, sì, diamine, un insetto si può anche schiacciare, non è mica una cosa grave. I nazisti usavano gli ebrei come "cavie", no? Ecco, questi sono uguali. Pazzi megalomani fanatici che si credono migliori degli altri. Come non odiarli?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che hai ragione, Ariano.
      Noi avremo anche le nostre colpe ma gli atti di viltà, la crudeltà più bieca non può essere perdonata.
      Odio? Forse non lo meritano davvero ma tante belle legnate sì! Anche da parte dei musulmani onesti

      Elimina
  16. Difficile non odiare. Ciao e buon fine settimana.

    RispondiElimina