domenica 6 dicembre 2015

C'è mancato poco

Aveva fatto le sue commissioni. Poteva tornare all'auto. Con calma, guardando le vetrine natalizie e le varie offerte del periodo, allettanti sicuramente ma così tante da rendere difficile la scelta, arrivò all'incrocio.
Era una stradina a senso unico, molto stretta, tre metri o poco più, di una via di cui non ricordava mai il nome. L'unica cosa che sapeva con certezza era che portava al Pronto Soccorso del vecchio ospedale, quello ormai in disuso e abbandonato a se stesso.
Si fermò e guardò a sinistra. Nessuno in vista. Nessuno con la freccia almeno. Sul corso principale solo un'auto proveniva dalla direzione opposta alla sua. Procedeva molto lentamente, una donna al volante.
Scese dal marciapiede e attraversò.
Mancavano due passi per giungere dalla parte opposta quando, per istinto, fortuna o caso... non sapeva dire bene... con la coda dell'occhio vide l'auto svoltare improvvisamente rischiando quasi di salire  sul marciapiede.
Si bloccò di colpo con un "OOOOOOOOOOOOH! STO ATTRAVERSANDO".
Il suo urlo fece voltare i passanti e inchiodare la macchina.
La guidatrice era col cellulare all'orecchio, una sola mano sul volante, e stava parlando concitatamente guardando ovunque tranne che la strada.
Subito rimise la prima e sterzando ripartì passandole dietro e rischiando di urtare le transenne che delimitavano un passaggio pedonale... una specie di marciapiede che  costeggiava i negozi.
Con le gambe che tremavano, raggiunse una pseudo salvezza  con i due passi che le mancavano per raggiungere la sua meta.
Imprecando chiuse gli occhi. La voglia di correre dietro a quella cretina, prenderla per i capelli e farle inghiottire il cellulare era forte. Molto.
Fu la voce di Marco, il titolare di  un bar  a distoglierla dall'idea.
"Vieni... vieni a sederti un attimo... ti dò un po' d'acqua..."
La insultò pesantemente augurandole di ritrovarsi con ben quattro gomme a terra.
Myrtilla

PS
Successo alla sottoscritta venerdì mattina. Se i freni nnon le funzionavano a quest'ora ero in ospedale mmezza fracassata. Mi beccava in pieno il fianco sinistro.

E' andata bene....
Patricia

24 commenti:

  1. Si vede che hai l'angelo custode attivato ^^
    In effetti c'era un sapore di vita vissuta, anche se non sapevo bene, fino all'ultimo, se dovevo attendermi o no il colpetto di scena finale che rimescolava tutto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Ivano... menomale che non dormiva... mannaggia a quell'accidenti!!! Se le si rompesse quel malefico cellulare....

      Elimina
  2. Oh, quanti incidenti ho schivato io da quando ho la patente! Certi proprio sarebbero potuti essere tranquillamente i primi e gli ultimi. Io sono un po' fatalista, quindi penso se qualcosa di brutto deve accadermi, mi accadrà... certo, l'attenzione in strada non è mai troppa. ;)


    Ispy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ispy, guido anch'io e capisco perfettamente che un attimo di disattenzione può capitare a chiunque ma esistono delle cose chiamate auricolari,.. o anche blue tooth... difficili da usare????

      In genere accidenti non ne mando però... 4 gomme a terra gliele ho augurate di cuore. E tutte contemporaneamente eh,,,,

      Certo che se avesse messo la freccia.... grrr

      Elimina
  3. Ormai si deve concludere che i cellulare, in effetti, possono danneggiano la salute, ma non per le micronde, lo fanno per l'uso che ne facciamo!
    Ci piace che stia bene!

    podi-.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero Carlos. Forse i cellulari danneggiano più per la disattenzione con cui si usano che per le onde....
      Grazie comunque. Lo spavento è passato. Toccare non mi ha toccata...

      Elimina
  4. Ahi ahi, dai, però... almeno sei qui a raccontare lo spavento... ;)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Miki, sono qui a ... rompervi ahhahaah.
      Certo che metterle le mani addosso.... :)) il cellulare lo mangiava dii sicuro.

      Elimina
  5. Meno male Pat ... è un attimo ....un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giusi. Sì, un attimo... e pensare che con due passi ero sull'altro marciapiede...
      Boh... ormai si guia facendo qualsiasi cosa...
      iao bella!

      Elimina
  6. Pat se vuoi scroccare un bicchiere d’acqua al bar non e’ il caso che tenti d farti investire… poi dicono dei liguri… hahahahahahahaha …
    Per fortuna successo nulla… io a quelli che parlano al cellulare senza auricolari ritirerei la patente per un annetto poi vedi che gli passa la voglia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stella... antenatiliguri io... di Albenga... ahahhahahahaha
      Scherzo ora ma che voglia di prenderla per i capelli e farle mangiare il cellulare....
      Nemmeno si è fermata per vedere se era successo qualcosa.. niente! Ripartita..
      Forse aveva fretta... mah!

      Elimina
  7. Cacchio! Mi sono spaventata solo a leggere! Meno male Patricia... ti abbraccio forte forte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Fortunata. :*)
      La raccontiamo dai....

      Elimina
  8. Ne ho visti arrivare in pronto soccorso devastati o già morti a causa di guidatori con cellulare, sigaretta o altre distrazioni. E' un attimo falciare una vita. Anche gli auricolari andrebbero proibiti. Dai Patri, ti è andata bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Max. E' andata bene così e vada al diavolo. :)

      Elimina
  9. L'importanza che sei qui a raccontare e per fortuna è andato tutto bene, purtroppo alcuni non si rendono conto della pericolosità dell'uso alla guida.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti Vincenzo. Guidare richiede attenzione e una svista purtroppo può sempre capitare. Quando però l'attenzione è rivolta altrove....
      Comuqnque sì, è andata bene così e lasciamo stare.
      Quattro gomme a terra però... le starebbero bene :)))

      Elimina
  10. Risposte
    1. ahahahah sì, Azzurrocielo. Anche se a dirti la verità non è proprio quello che ho esclamato io... Ops!!!!!!!

      Elimina
  11. L'importante è che sei qui a raccontarlo... Di deficienti al volante ormai ce ne sono fin troppi :/
    Un abbraccio immenso Patty!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Regina.
      Sì, l'importante è quello e il resto... ma che vada al diavolo!!!!
      Bacione!

      Elimina
  12. ciao
    meno male che non ti sei fatta nulla ed è stato solo uno spavento. Non sopporto chi parla al cellulare mentre guida.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Robby. Sì, per fortuna è andata bene.
      Lasciamo perdere va, tanto....

      Elimina