venerdì 29 gennaio 2016

Mutazioni e sproloqui


Voglio chiudere il “mio” mese di #mutazioni con qualche pensiero confuso.




Mi sono chiesta più volte se noi mutiamo. E perché.
Certo! Dall'alba dell'universo è così. Evoluzione continua.

La mutazione fisica avviene spontanea e naturale. Veniamo concepiti, nasciamo, cresciamo, invecchiamo, moriamo... tutti quanti! Chi di più, chi di meno.
Possiamo anche modificare il nostro corpo a piacimento praticando sport ed ecco che si è più tonici, più muscolosi e in casi estremi, si esagera con il culturismo... il body building.
Oppure con la dieta a causa di malattie tipo ad esempio il diabete. O per fissazioni perniciose. Ed ecco spuntare l'anoressia che è ben peggio perché è malattia psicologica ma non si ammette di soffrirne. Ma qui il tema è troppo vasto ed io sono impreparata a parlarne.
Oppure ancora perché ci si rimpinza di sostanze stupefacenti ed il fisico cede a lungo andare. Non regge oltre ad un certo limite.
O anche perché si pratica sesso non protetto e molto “allargato” e quindi si va incontro ad altre malattie terribili come l'AIDS.

Poi, c'è quella mutazione altrettanto spontanea che si chiama crescita e che porta alla maturità col passare del tempo. Si imparano cose nuove, si studia, si hanno esperienze diverse e gioco forza, si cambia. Si muta.

Ma c'è anche un'altra mutazione molto personale ed è quella più intima che nel corso degli anni ci trasforma dentro. Ognuno a suo modo.
E' quell'insieme di esperienze che nella vita capitano.
La nascita di un figlio ad esempio trasforma radicalmente non solo il corpo di una donna ma anche il suo essere. Il suo e quello del papà. Rende più consapevoli di rinunce e sacrifici. Spinge verso progetti per un futuro non nostro ma al quale teniamo molto. Troppo a volte.

Ma c'è anche quella negativa. Estrema. Che ci sbatte in faccia una realtà alla quale non abbiamo mai pensato. Tanto... a me non può capitare! Scemata!
Quando però le nostre convinzioni in tal senso vengono sconvolte, quando i nostri punti di riferimento traballano e improvvisamente cambiano può anche capitare che il negativo diventi forza. Per noi e per chi ci è vicino.

E' una cosa difficile da comprendere all'inizio. Nebulosa. Si fa fatica ad accettare questo cambiamento di eventi non programmato. A comprenderlo. Ma ci si può anche riuscire. Giorno dopo giorno, battaglia dopo battaglia.
Le priorità diventano altre poco per volta. E ci se ne convince sempre di più.
Già! Perchè quella valanga che scivola a valle al rallenty è continua. Inarrestabile.
Una volta innescato il meccanismo non è più possibile né tornare sui propri passi né bloccare il tutto.
Così, si scoprono desideri sopiti, sogni relegati in un angolo. Prospettive nuove. Prospettive che se non ci sono si inventano.
C'è chi decide di ritornare a studiare per migliorare una lingua straniera, chi si iscrive all'UTEA, chi impara a nuotare.... chi apre un blog.
Tutto un mondo nuovo che si spalanca ai nostri occhi. Che riporta a galla quello che magari già facevamo ma poi abbiamo abbandonato senza saperne con precisione il motivo.
D'improvviso, si decide di riprendere in mano i propri sogni. Di condividerli. Di confrontarsi con altri. Sentire pareri sul proprio operato.
E, sembra quasi impossibile, ma post dopo post, la mutazione continua. Il modo di scrivere, le idee, i pensieri.... quelle che io chiamo “follie” cioè lanciarsi in imprese che fino a poco tempo prima si ignoravano.
Ed è una continua scoperta del noi stessi più profondo. Un nuovo paio di occhiali per una visione più ampia non solo dell'insieme ma di ogni singolo particolare.
Cosa ci ha sempre dato fastidio ma in silenzio abbiamo sempre sopportato... cosa vorremmo e al quale abbiamo rinunciato tante volte....

A quel punto, si impara a fregarsene di cosa può dire la gente. Di cosa può pensare se ti vede seduta per terra in cortile su una coperta a parlare con il cane e a cantarle una canzoncina. Presente Marina Marina Marina? Ecco, è diventata Papaya Papaya Papaya.
Ad uscire senza trucco al mattino perché non si è fatto in tempo a “dipingersi”  fregandose delle rughe o delle occhiaie in mostra. O in blue jeans perchè sono comodi e la mia comodità vale la tua maldicenza, il tuo guardarmi con superiorità, al tuo “alla sua età non ha altri pantaloni?”.

Sì! La risposta alla domanda delle prime righe è sì. L'uomo è in continua mutazione. Non è pietra che nei millenni resta uguale. E' carne e sangue, pensiero e volontà.
E se nel corso della vita le idee cambiano, se cambia il nostro progetto per il futuro è soltanto perché siamo esseri umani.
Fallaci, ma desiderosi di andare avanti, di scoprire sapere provare...

Bene! Chiudo questo lungo sproloquio, abbiate pazienza ma invecchiando troppe volte si ragiona “ad alta voce”. :))

Partecipo a #ispirazioniandco #mutazioni.
Myrtilla


22 commenti:

  1. Vero, mutiamo certamente. E' strano, nella mia famiglia d'origine nessuno me l'aveva mai detto e quando con gli anni sono mutata ne sono rimasta sorpresa. Ai miei figli, ventenni ricchi di idee, principi e convinzioni (come è giusto che sia) lo dico "Muterete, perché la realtà intorno a voi muterà"...mi guardano perplessi, non ci credono! ;-) Grazie per questa interessante riflessione.
    Maris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non ce lo hanno detto! Il cambiamento ci ha colte impreparate. Ma forse lo fa d'abitudine di non avvisare. Capitano cose che ti cambiano e basta.
      Informare i nostri figli è giusto. Chenon ci credano è normale e umano. Ma capiterà anche a loro coi loro figli.
      Ciao Maris. Buon pomeriggio

      Elimina
  2. “Nessun uomo entra mai due volte nello stesso fiume, perché il fiume non è mai lo stesso, ed egli non è lo stesso uomo.” Eraclito
    “Non c'è realtà permanente ad eccezione della realtà del cambiamento; la permanenza è un'illusione dei sensi.
    Eraclito

    RispondiElimina
  3. “Io stesso muto nell'istante in cui dico che le cose mutano.
    Eraclito
    nessuno ha spresso meglio la verità del mutare e del divenire

    RispondiElimina
  4. infine:
    “Nulla è durevole quanto il cambiamento. Non c’è nulla di immutabile, tranne l’esigenza di cambiare. Tutto fluisce, nulla resta immutato.”
    Eraclito

    RispondiElimina
  5. Ciao Flo, sacrosante parole!
    In fondo nemmeno le pietre restano uguali nel corso delle migliaia di anni. Corrosioni di ogni tipo le modificano.
    A maggior ragione, le esperienze della vita modificano noi. Sono le nostre "corrosioni". A volte di distruggono. Altre ci fortificano.
    Graazie carissima!

    RispondiElimina
  6. Mi piace pensare che mutiamo anelando alla libertà vera...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello! E magari che riusciamo a raggiungerla!
      Bacio!

      Elimina
  7. Hai ragione cara Pat..anche qnd tutto sembra immobile in realtà il cambiamento c'è, tutto muta..e prima o poi si manifesta..un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immobile? Forse niente nell'intero universo. Tutto evolve o involve, anche le stelle. E noi uomini come possiamo nn cambiare mai?
      Buona notte cara!

      Elimina
  8. Avevi voglia di esprimere pensieri...

    Sì, tutti mutiamo, al punto che a volte penso che quel che diceva e attuava così tanti anni fa non ero mica io... non l'io di oggi, era / ero un altro, diverso. E forse la mutazione è stata piccola, ma significativa al punto di non riconoscere le decisioni prese in qualche precisa situazione, ...che non vuol dire che si sia stato più o meno assennato d'oggi.
    Invece, in altre cose io sono lo steso (si muta ma non tanto).

    podi-.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, CArlos, non eri il Carlos che sei oggi. Come io non sono la Patricia che ero.
      Cambiando dentro è normale pensare che oggi avremmo fatto scelte diverse, non dico migliori o peggiori... diverse. Perchè noi siamo diversi.
      Anche di poco a volte però quel poco noi lo sentiamo.
      Ciao e buona serata

      Elimina
  9. Che il tuo sproloquio sia di monito, dovremmo rifletterci più spesso.
    Hai perfettamente ragione, mutiamo così tanto che sembra di aver vissuto vite differenti. Io sono stata molte altre persone e quella di oggi è il risultato migliore che potevo diventare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E più passano gli anni iù cambiano.
      Siamo stati, siamo, saremo... nel fisico si nota il decadimento fisico ma dentro di noi ci deve essere un miglioramento continuo, una maturità che giorno dopo giorno ci porta a vivere meglio.
      Ciao bella!

      Elimina
  10. Le esperienze della vita ti segnano e sicuramente fanno si che dentro di te ci siano dei cambiamenti, l'importante è saperli accettare e continuare ad amare la vita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Corso personal trainer,
      benvenuto prima di tutto Oggi sono in ritardo a rispondere, scusa.
      Le esperienze di vita devono per forza cambiarci. Non servirebbero a nulla se restassimo uguali a prima.
      A volte segnano poco, altre troppo.
      Accettarle sempre e comunque e continuare a pensare alla vita come una nostra possibilità di crescita e miglioramente è più che importante. Chi si arrende alle esperienze e ai suoi cambiamenti si arrende, alza bandiera bianca e vegeta.
      Lottare! Sempre! E se si riesce, sorridere.
      Ciaoooo

      Elimina
  11. Bellissimo post Patrizia, molto significativo. Nella vita andiamo incontro davvero a moltissimi cambiamenti, spesso senza nemmeno rendercene conto.
    Ti auguro una buona notte cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Poiana. A volte ci rendiamo conto dei cambiamenti quando sono già avvenuti. Sono talmente piccoli ma continui che quando ci rendiamo conto che qualcosa di diverso c'è, loro sono già passati perchè stanno di nuovo mutando.

      Elimina
  12. Mi è piaciuta molto questa riflessione! Alla fine dei conti, è la vita stessa il mutamento incessante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì! Incessante, inevitabile e necessario.
      Se non cambiassimo mai cosa saremmo? Robot?

      Elimina
  13. Un post spettacolare, Patricia.
    Sfondi una porta aperta .... sono in pieno cambiamento e non ho la minima idea verso dove io stia andando.
    Naturalmente sono guardata come una specie di alieno, ma, onestamente, non me ne può fregare di meno.
    Che dire? E' difficile cambiare, sopratutto quando per una vita sei rimasta quasi immobile ...
    Un abbraccio cara amica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Fede.
      Sapessi quanto sono cambiata io negli ultimi anni... è che sto diventando impossibile. Non ne lascio passare una che rispondo immediatamente. Non è che il cambiamento e la vecchiaia mi abbiano portato saggezza. Mi hanno tolto quella poca che avevo ahahahah però mi tolgo dei pesi dallo stomaco :))

      Elimina