domenica 31 gennaio 2016

Quando tace il giorno

Quando tace il giorno
parla la  notte.
Dorme il passero
si desta la civetta
Myrtilla

10 commenti:

  1. Molto bella!Buona domenica a prestooooo

    RispondiElimina
  2. In pratica un'equazione matematica in forma (quasi) di haiku. O viceversa :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di equazioni non mi ricordo più nulla. Le ho cancellate con moooolto piacere.
      In origine era più lunga ma poi ho preferito accorciarla. Mi pareva che rendesse di più.

      haiku... io sono sempre lì che provo. Prima o poi ci riuscirò... :))

      Poteva essere

      Passero dorme
      si desta la civetta:
      parla la notte

      Elimina
  3. Cara Patricia, io direi quasi, i primi tuoi versi!!!
    Buona domenica cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. Oh santo cielo
    ..mi piace tanto
    ..in pratica. ..veglia sempre c qualcuno su un altro. ...baci che sia una splendida giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che la vita non si ferma mai, Giusi.
      Un bacio!

      Elimina
  5. Molto bella !! Sento spesso parlare di haiku, queste poesie brevi. Credo non sia facile crearle, io almeno penso proprio che non ci riuscirei. Ciao e buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio Mirtillo.
      Non è un haiku quello che ho postato. Forse quello che ho inserito nel commento a Ivano.
      3 righe, di 5. 7 e 5 sillabe. E queste sono le regole più semplici e "facili" da seguire. Le altre... molto complicate.
      Io infatti mi sono arrangiata alla bell'e meglio da buona italiana. Nell'etichetta ho scritto haiku e poesie brevi. Se non è un haiku, qualcosa è ahahahahhah. io non demordo. Prima o poi magari ci riuscirò anche.
      Grazie comunque. :)

      Elimina