domenica 21 febbraio 2016

Fantasmi nella notte


"Vieni con me!" si sentì dire.
Una voce sconosciuta. Non sapeva dire se maschile o femminile. Strana poteva soltanto definirla. Gentile. Calda. Ma strana. Pareva nemmeno umana. Non incuteva paura, però. Infondeva serenità, al contrario.
Sì! Si sentiva tranquilla mentre si alzava, mano nella mano con questa entità che non vedeva. Percepiva soltanto.
Docilmente seguì il suo invisibile anfitrione che le stava dicendo "Ti faccio vedere!"
Leggera, si ritrovò a passeggiare in un luogo scuro. Non si muoveva. Le gambe non compivano movimenti eppure viaggiava in uno spazio infinito, più nero della notte profonda.
Scorse strane luminose figure, come cornici di porte, che improvvisamente comparvero dal nulla. Luce pura! Ma non calde. Sembravano venirle incontro e oltrepassarla a forte velocità, una dopo l'altra. Ed erano tante! Impossibile contarle.
Sapeva però che era lei ad attraversarle come se si fosse librata incorporea.
Poi, le vide. Strane figure luminescenti, luminose ma trasparenti, come ali di libella che riflettono i raggi del sole.
Ammirò affascinata le informi entità svolazzanti dal volo rapido, dai bruschi cambiamenti di direzione. Saette parevano. Erano centinaia, in arrivo da ogni parte.
Le sembravano.. sì! Le sembravano quei fantasmi dei cartoni animati, quelli ricoperti dal lenzuolo bianco.
Ma non erano fantasmi. Lei, senza chiedere nulla al suo accompagnatore, sapeva benissimo cosa erano. Anime! Erano anime in pace! Piene di serenità. Lontane dalle piccinerie e cattiverie del mondo reale.
"Ora basta!" le disse la voce e si ritrovò in camera sua. Sul letto, il suo corpo che dormiva profondamente. Rilassato. Tranquillo.
Dolcemente scese e vi rientrò.
Myrtilla

22 commenti:

  1. Eh, è la speranza di tutti. Che il "dopo" doni una sennsazione di serenità e non di tristezza per la fine del "prima".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me basterebbe stare tranquilla..... :))) andarmene lasciando dietro i casini vari al completo. Viaggiare leggera, insomma

      Elimina
  2. bellissima descrizione questa visione del dopo ..poi ritornando al prima ...mi è piaciuta molto ;)
    Buona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tissi.
      Ma... sogno o viaggio astrale? Non so! E tutto sommato mi va bene anche così.
      Ciaoooo

      Elimina
  3. Near-death experience. Ben fatto così. Queste cose è meglio lasciarle alla poesia, o all'esperienza personale, che alle indagini stile "Mistero".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti confesso che mi è successo veramente. Solamente il finale è diverso. Licenza poetica :))
      Quando ho riaperto gli occhi ho visto la finestra della camera, i tendoni.... ho sentito il marito russare... non ho mai visto il mio corpo dormire!
      Po... che sia stato un sogno o un viaggio astrale non so dirti e come ho scritto a Tissi, mi va anche bene così :)))

      Elimina
  4. Bello bello. Poi un giorno racconto una cosa "strana" che mi è successa quando ho portato per la prima volta a casa il mio ultimo nato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Max!
      E noi aspettiamo il resoconto della cosa "strana".
      Penso che capitino a molte persone ma c'è chi non ne vuole parlare, chi addirittura non ci vuole pensare... e chi modifica leggermente e ne fa un raccontino :))

      Elimina
  5. Ci sono cose che non possiamo spiegare. Semplicemente accadono ed è importante accoglierle.
    Un abbraccio Patricia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E se anche si potessero spiegare.... A volte è meglio lasciare il dubbio.
      Ciao carissima!

      Elimina
  6. I sogni sono lo specchio dell'anima.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì.Desideri paure ansie... tutto si riflette nel sogno.
      Ciao e buon weekend

      Elimina
  7. Spesso ,i sogni ci spaventano, ma poi quando ti svegli sei contento che era solo un sogno!!!
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. VEro Tomaso. A volte però paiono reali!

      Elimina
  8. I sogni potrebbero essere lo specchio di un'altra realtà...quando è morta mia madre una notte l'ho sognata e svegliandomi ho sentito il suo profumo, o forse era solo l'effetto del sogno e il desiderio di averla ancora accanto a me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow! Lo specchio di un'altra realtà! Mannaggia! Se ci avessi pensato sarebbe stato un ottimo titolo!
      Io credo in un'altra realtà anche se non ho ancora deciso bene come chiamarla. Non paradiso o inferno... mondo parallelo, forse.
      So di cosa parli riguardo al sogno. Il nostro desiderio di averli vicino è sempre tanto forte!

      Elimina
  9. Risposte
    1. Forse ci fa paura il pensiero che tutto finisca... dell'ignoto.
      Cosa c'è dall0altra parte? Cosa c'è oltre la vita?
      Dipende da noi, penso. Dalla nostra fede, dal nostro ateismo.

      Elimina
  10. bello, Patricia. spesso penso che mi piace pensare che fra quelle "anime" serene ci sia anche mia mamma. Un giorno racconterò un sogno che ho fatto dove c'era lei. mi manca tanto, semnpre

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Azzurrocielo.
      C'è senz'altro insieme a mio papà e tutti gli altri. :)

      Aspetto il tuo scritto allora.

      Elimina
  11. Molto bello, hai descritto un'esperienza incredibile. Quoto Ivano!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Glò! :))
      Ti confesso che è un argomento che mi intimorisce ma al tempo stesso mi stuzzica molto.
      Vorrei approfondire ma ho paura. Diciamo che navigo nel mezzo. Se faccio sogni del genere li accetto e se non li faccio non li vado a cercare.
      Bacio!

      Elimina