mercoledì 3 febbraio 2016

Parole tra noi

Lo guardò uscire. Lungo, non ancora appesantito dal passare degli anni ma già curvo. Già vecchio. Vecchio dentro.
Pensò a tutte le parole che c'erano state tra di loro negli ultimi tempi. Tante? Poche? Troppe?
O forse nessuna perchè quelle che contavano veramente erano state taciute. Avevano aleggiato tra di loro, fatto sentire la loro presenza  ma come ectoplasmi erano sparite prima che la bocca potesse pronunciarle. Inconsistenti. Sbiadite.

Le altre... le altre erano state urlate, masticate, borbottate ma senza costrutto. Senza significato.
No! Un significato l'avevano eccome! Sapevano di cattiveria, di ripicca. Di sfogo.
Avevano il gusto della rivalsa. Ti dico ora quello che non ti dissi quando sarebbe stato necessario. Quando tacevo perchè speravo che ci fosse qualcosa da salvare. Quando ancora vivevo di speranza.

Finita la speranza, anche le parole erano finite. Più nessun mugugno, nessun tentativo di sfogarsi, di scuotere l'altro. Di farlo ragionare. Silenzio.
Ecco cosa pesava ora nella stanza il silenzio della mancata presenza durata tutti quegli anni. Non assenza perchè c'era fisicamente. Mancata presenza perchè era tutto il resto che latitava. Tenerezza, complicità, amicizia, amore... quello poi!
Finito prima di iniziare probabilmente. Infatuazione. Testardaggine! Il voler fare di testa propria quando tutti consigliavano il contrario.

Al diavolo tutto e tutti. "Tu te ne vai ora ma ritornerai. Peccato che non mi troverai più."
Aspettò che l'auto di lui sparisse in fondo alla strada e andò a preparare la sua valigia.
Myrtilla

4 commenti:

  1. Così vero questo racconto.
    Brava Pat.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per fortuna, personalmente non conosco la situazione.
      Sì, ogni tanto minaccio i miei di mollarli da soli e andarene in ferie ma tanto ormai non ci credono più! :))
      In un caso serio... beh! C'è parecchia differenza. Forse però se qualche donna se ne fosse andata in tempo, sarebbe ancora viva. Forse....

      Elimina
  2. E' la storia di una donna coraggiosa: in tante restano incastrate in un rapporto arido per la paura di restare sole!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Fortunata. Paura di restare sole o anche soltanto perchè non potrebbero mantenersi.
      Il fatto è che scrivere un raccontino può anche essere semplice. Trovarsi nel caso.. non so! Non so come reagirei se mi ci trovassi.

      Elimina