sabato 27 febbraio 2016

Soffoco (racconto)


Oddio! Che è successo? Ho sentito un rumore sordo e mi son ritrovata al buio. Qualcosa mi schiaccia. Sento un peso sulla testa... sul corpo... soffoco! Mi manca l'aria.
E' come se la notte fosse scesa improvvisa. Ma la notte non pesa. Almeno non per noi. Viviamo nascoste che paura può farci la notte? Viviamo al buio. Siamo abituate a questa oscurità. E allora perché sto così male? Forse... forse perché mi mancano quei lunghissimi corridoi, le compagne che vanno e vengono, la vita che ferve. Sempre attiva. Veloce.
Calma la paura. Respira... sì.. così... piano... piano.. con calma... ecco! Va' già un po' meglio. Riesco anche a vedere qualcosa. Un punto là in fondo. C'è luce. Chissà se.. sì. Riesco a muovermi. Posso camminare. Allora niente è perduto.
Non so cosa mi sia caduto in testa ma se mi sposto un po' magari... ecco! Là è più alto. C'è più spazio. Magari riesco a capire meglio la situazione. A vedere.... Forza! Dai! Si è mai vista una come te che si arrende? No! E vorresti essere la prima? Ecco! Brava! Ancora un passo e ci sei. Guarda su ora, guardati intorno.
Ma è solo una foglia! Grande, sì, ma è una foglia! Niente che non si possa spostare. Porti cose che pesano fino a cinque volte il tuo peso... cosa vuoi che sia una foglia? Anche le briciole sono molto più grevi. Dai! Poco per volta ce la farai e potrai tornare a casa.
Certo che quando tornerai al mio nido avrai una bella avventura da raccontare alle compagne. Investita da una foglia...” pensò la formica.
Myrtilla

15 commenti:

  1. Cara Patricia, con calma e serenità accogli serenamente il mio buon fine settimana cara amica, con un abbraccio e un sorriso:)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao stella.
      Buon fine settimana a te!
      Un bacione!

      ps qui piove!

      Elimina
  2. bellissimo Patty, ormai sei entrata nella schiera degli scrittori "quasi horror" spero che King non ti legga o morirebbe dall'invidia!!!!
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Addirittura Flo?????
      HHAHAHAHAHAH troppo buona!

      Elimina
  3. Simpatico! Nel leggere mi era venuto da pensare a una suola da scarpe anziché a una foglia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla suola da scarpe non avevo pensato.
      Mi è venuto in mente vedendo una formichina che portava una briciola di pane che era almeno sei volte più grande di lei.

      Elimina
  4. Quando vuoi, mi farebbe molto piacere ospitare uno dei tuoi racconti nel mio blog.
    Saluti a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe un gran piacere per me, Vincenzo.
      Se ce n0è uno che ti piace in modo particolare e vuoi postarlo sei libero di farlo già ora.
      Altrimenti il prossimo che scrivo te lo invio volentieri
      Grazie!
      Buon fine settimana

      Elimina
  5. Che carino :-)
    La mente di Patricia è laboriosa come una formica ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa Patricia, ho il cellulare nuovo che quando commento spara a raffica quello che vuole lui.
      Ho cancellato la ripetizione :(

      Elimina
    2. Tranquilla Anna Maria.
      Col mio capita sempre! Due o anche tre a volte.Vittima preferita Ivano Landi.... ahhahahahaahh una volta o l'altra mi blocca come spammatrice uffiiciale di g+ ahhahahahh

      Elimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. E brava patricia!!!!!! Inizialmente avevo pensato a qualcuno che si risveglia in una bara, poi ad una clinica psichiatrica poi non vedevo l'ora di arrivare alla fine per capire e....geniale!!!!!
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :)) Finale a sorpresa!
      Grazie stella. Buona domenica!

      Elimina