giovedì 10 marzo 2016

Labirinto


La vita è un viaggio. Il viaggio in un labirinto.
Ci si entra quando si nasce. Se ne esce quando si muore.

In mezzo, durante il percorso DA QUI A QUI quante false porte! Quante direzioni sbagliate!
Quante facciate contro muri invalicabili!

Una cosa però è certa. Come si entra in questo labirinto di sicuro se ne esce.
Ossa rotte o meno.
Myrtilla


 #ispirazioniandco       #viaggi





30 commenti:

  1. Non a tutti è concesso avere un filo di Arianna e spesso si è costretti a provare e riprovare, ognuno combattendo col proprio Minotauro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero Annalisa. Siamo noi il nostro filo di Arianna a volte.

      Elimina
  2. Sono d'accordo!
    Ti auguro una serena giornata.

    RispondiElimina
  3. Cara Patricia mi piace veramente questo del labirinto!!!
    Ciao e buona giornata, cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. Risposte
    1. meno male che ti sei ritrovato !!!!

      Elimina
    2. :) Flo, hai ragione! Come facevamo a scoprire un nuovo autore altrimenti?

      Max... tutti ci perdiamo nella vita. Arriviamo di fronte ad un bivio e non sappiamo che strada intraprendere,ì.
      Però, una volta che abbiamo fatto la nostra sudata scelta, che sia giusta o sbagliata stiamo vivendo la nostra vita ed è così che deve essere.

      Elimina
    3. Quanto è vero Patri. Quanto è vero.

      Elimina
    4. @Flo... ritrovato è una parola grossa hahahaha

      Elimina
    5. Certo che perrdere te deve essere difficile eh.... 1.95!!!
      Se ti perdi tu io che faccio? Tappo sono!!!!! :))

      Elimina
    6. ehi mi sono persa pure io ... chi mi cerca ???? ahahaha mi volete scaricare eh ..... se le piante sono alte ... però anche una persona molto alta non si vede ... ... lo sapete che qui in provincia di Parma hanno inaugurato un labirinto ...prima o poi ci vado ... voglio perdermi li dentro ....poi vi chiamo ne?
      ciao Tappa ... abbiamo una Topa e ora anche una Tappa ...che assortimento ....

      Elimina
    7. Tranquilla Giusi! Facciamo gruppo e ti cerchiamo tutti insieme!
      Un labirinto? Col mio senso dell'orientamento? Per carità! Uscirei dopo tremila anni!
      Firmato Tappa :P ahahahahah

      Elimina
  5. Una verità nuda e cruda. Eppure in mezzo al quel viaggio c'è la poesia della vita, sublime e straziante.
    Ti abbraccio
    la effe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, effe. La poesia della vita che può essere filastrocca allegra e giocosa o elegia o ancora un dramma in versi.
      Però, è sempre la nostra vita!
      Smack!

      Elimina
  6. Quando i nostri genitori ci mettono al mondo dovrebbero avere l'accortezza di dotarci subito di un bulldozer col quale potremo poi abbattere tutte le pareti ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ariano, poi non ci divertiamo, daiii! :)
      A parte che in certi momenti non mi servirebbe nemmeno il buldozer.. basterebbe un mio urlo. Tipo un Tarzan che ha mancato la liana ahahahahahha

      Elimina
  7. E' vero, bella l'associazione tra il viaggio della vita e il labirinto.
    Ciao Pat. =)
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte è anche molto complicato da percorrere.
      Ciao Dani!

      Elimina
  8. ...speriamo meno che non c'ho voglia, vah...

    RispondiElimina
  9. Già proprio così un labirinto da percorrere per prova ed errore.
    Cara Patti mi hai fatto venire in mente la canzone della Pausini: Simili.
    Un Abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella canzone Anna Maria! :)
      Dicono che sbagliando si impara. Speriamo! :)
      Bacio!

      Elimina
  10. E poi, non si sa mai che troveremo al prendere una strada che ci sembri adatta.

    podi-.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto Carlos! Non sappiamo mai cosa ci aspetta oltre. Da una parte però è anche giusto così. Il fattore sorpresa deve renderci forti.
      Un abbraccio!

      Elimina
  11. Ottima interpretazione del viaggio, è un continuo entra esci da labirinti!
    Brava, come sempre, Pat!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' così la vita Rosy. Quante volte troviamo il cartello strada senza uscita. Che fare? Si torna indietro e si ricomincia!

      Elimina
  12. Interessante interpretazione questa Patricia.
    La cosa essenziale è che, trovandosi in un vicolo cieco, non ci si perda d'animo, si inverta la rotta e si riprenda il cammino.
    Un abbraccio cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concediamoci due minuti di paura e affanno, dai! Almeno due minuti :) Po però, dietrofront e si riparte!
      Guai a fermarsi! Si perde la coincidenza per la vita.
      Bacio!

      Elimina