martedì 22 marzo 2016

Periodi

Ci sono periodi storti ma così storti che nemmeno l'architetto e ingegnere, insieme a mille altre qualifiche, Filippo Brunelleschi sarebbe riuscito a raddrizzare.
Gira storto e basta. Più che prenderla come viene, non pensarci e correre non si può fare. O forse, sì... forse qualcosa si può fare di diverso. Non serve a granchè ma magari è uno sfogo :)) Almeno l'ulcera scappa :)
Avete capito di cosa parlo, vero?

Già! Parlo proprio di quell'incavolarsi di brutto, smadonnando  a più non posso tanto per tirar fuori la bile che ci rende amara la digestione.

Va beh! Potrebbe quasi essere  alla fine questo periodo ma NON LO DICO!!!!!! Mi rifiuto perchè non cambi idea e decida di prolungare....

Allora sapete cosa faccio?
Piglio la sfiga e la piglio per il chiulo. Vediamo se è suscettibile oppure è dotata di ironia...


Ci sono periodi neri, più neri dei carboni
in cui qualunque cosa è più complessa che far milioni.
Ci sono periodi in cui niente va dritto
fai da pranzo e ti brucia anche il soffritto.

E voi sapete dirmi la colpa di chi è ?
Di quella che ride se ti chiedi di nuovo a me, perchè?
Di quella che si diverte e ingrassa
quando tu perdi il bandolo della matassa;
quando hai sette cose da fare tutte insieme
e figurarsi poi se vengon bene.
Dicono che di Murphy sia la legge
ma se  lo becco io, sto Murphy, vedi se regge
se regge a lungo le mie legnate
oppur se implora gratia e pietate.
Tra lui e sua sorella Sfiga
vedrai se non li metto in riga.
Cazzuola e cemento, bastone e mattarello
mi faccio costruir da loro un bel castello
con torrioni merli e finestrelle
e in sottofondo la romanza Lucean le stelle.
E ci voglio pure spettri cingolanti
e  truci fantasmi saettanti
che mettano paura a quei due
e li mettano al giogo come un bue.
Myrtilla




 


18 commenti:

  1. I saggi dicono che non esistono periodo dove vada tutto bene e periodi dove vada tutto male, semplicemente siamo noi, nel momento, a dare il peso agli eventi, spesso sopportandone una mole e altre volte non reggendone manco qualche grammo.

    La vita tranquilla e serena non esiste, perché alla fine troviamo sempre qualcosa che non va.
    Neanche io ho capito sinceramente quale possa esser la vita tranquilla, rilassata e giusta, non è semplice, c'è sempre qualcosa che non va, e quando va tutto bene è perché forse ci illudiamo che vada tutto bene nella "nostra scatoletta sicura".

    La vita è quella, e poi quando non siamo soli, possiamo essere influenzati dalle azioni altrui, positive o negative che siano.

    Un abbraccione a te Patri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, Dani! Non esiste l'assoluto.
      Ci sono momenti in cui però le cose no si accavallano l'una sull'altra, fanno mucchio, e diventano un peso insopportabile.
      Tutto insieme diventa poi difficile da gestire. Il rischio di schiattare a volte c'è.
      Ciao bello!

      Elimina
  2. Il povero Murphy ha solo scoperto la legge non l'ha inventata. Sii clemente -_-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero? Ah.. mi sta talmente antipatico il tipo che la clemenza non so dove sia finita :)))
      Poi, a qualcuno bisognerà pur dare la colpa, no?

      Elimina
  3. Forza Pat! Passerà. E poi tu con la tua penna magica li fai a polpette.
    Un abbraccio
    la effe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici, Effe? A volte più che la penna vorrei avere la bacchetta magica.
      Naaaaa! Forse è meglio di no! ahahahhahah Non so cosa combinerei!

      Elimina
  4. La tua filastrocca è spassosissima... Un bel modo per sdrammatizzare questi periodacci... Dai che passano sempre!!!

    Maira

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao stellina!
      Che i periodacci passano lo so. La vita va a fasi alterne. Avesse almeno il buon senso di dosare con giudizio i problemi...

      Elimina
  5. Esorcizziamo il periodo con la tua divertentissima filastrocca! :D Sorridere è un primo passo!

    RispondiElimina
  6. Non me ne parlare!...avessi la tua capacità di scrittura ci avrei fatto su un poema epico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Fortunata!
      Bentornata!
      Capacità? O rabbia? :)))

      Elimina
  7. Direi che ti sei spiegata. Tostissima amica mia. Personalmente mi deprimo se è un periodo nero per le persone che amo, temo per loro, soffro per loro. Quando tocca a me, mi sale una carogna tale che in qualche modo risolvo, cazzarola se risolvo, e se la causa dei miei mali è una persona... povero lui.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io sono come te, Max. Sto peggio per gli altri che per me stessa.
      Per me, mi arrabbio e poi.....

      Elimina
  8. Dei divertenti versi per scacciare via la sfortuna!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema è che non bastano, Romina.
      Però, se non si sorride un po'....

      Elimina
    2. Per non sclerare, sì!
      Come diceva la pubblicità? O così o pomì! :)))

      Elimina