martedì 10 maggio 2016

Echinopsis




Arrivo nella notte come un sogno
e come sogno sono effimero.
In silenzio, giungo,
né profumo né respiro.
Solo presenza
taciturna.
Mi presento all'arrivo del buio,
onirica irreale realtà.
Sole non mi bacia.
Amo Selene,
lattiginosa amante,
e
quand'essa mi saluta col suo sorriso ghiaccio
e
parte ad illuminar altri me,
mi struggo di malinconia
e mi spengo.

Come sogno,
svanisco all'alba.
Myrtilla

10 commenti:

  1. Cara Patricia, ti ho risposto, per mail e tutto è chiaro!!!
    Ciao e buona giornata cara amica sempre sorridendo.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tomaso, scusa ma a volte mi dimentico di aprire la mail del blog..... sarà l'età??????? :)))

      Elimina
  2. Che spettacolo questo fiore!
    E anche i tuoi versi. =)
    Dani

    RispondiElimina
  3. Continua a non voler pubblicare mai eh, mi raccomando. Timidona !!! E fai sta raccolta, belin !!! Dai, su, su.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La raccolta c'è su g+ ahaahhahahahh

      Ma un amico così rompiscatole mi dovevo trovare???????? ahahahahhaahha Ci penserò!
      Bacione Max!

      Elimina
  4. Ciao Patricia,
    Sempre bellissimi i tuoi versi. Mi fanno ricordare che ho perso due edizioni di "insieme raccontiamo" :( aspetto la prossima sperando che ci sarà.
    Un abbraccio :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Poiana.
      Il 20 di maggio si riparte.. uhm... devo preparare l'incipit!!!!
      Bacio

      Elimina