mercoledì 11 maggio 2016

Il calore del sangue


Il calore del sangue
di Irene Némirovski
Adelphi (2008)







Un romanzo molto breve o un racconto abbastanza lungo che sia, è un viaggio speciale nella vita di provincia del secolo scorso. Provincia francese ma uguale a quella che conosco io, piemontese.
Gente riservata, chiusa al limite dell'impossibile.
Ognuno si fa gli affari propri ma sa tutto di tutti. 
E i panni sporchi si lavano in famiglia. Che nessuno sappia! 
Proprio come i contadini delle mie parti dello stesso periodo.

Un romanzo profondo che va in profondità nell'animo umano. Che mette il dito nelle varie “piaghe” delle persone “perbene”. Tra virgolette perché ovviamente ognuna di queste persone ha i suoi scheletri nell'armadio.

Il calore del sangue che scorre non solo nelle vene dei personaggi ma nelle stesse pagine del libro permeandolo di passionalità individuale e individuali ipocrisie.
Nessuno è pulito come vuole mostrarsi.
A partire dalla voce narrante alla moglie perfetta, dalla sposa novella all'amante della figlia illegittima.

Romanzo potente comunque. Una prosa a volte lenta a volte trascinante ma d'impatto.

Non avevo mai letto nulla di Irene Némirovski ma credo che questo sarà il primo libro di una bella serie.
Myrtilla

10 commenti:

  1. sai che amo questa scrittrice per la capacità di analisi dell'animo umano nelle sue più profonde pieghe , analisi spietata di una donna che ha sofferto sulla sua pelle le ingiustizie di una società borghese filistea e perbenista, sola in una famiglia incapace di amore, soprattutto la madre, della cui presenza non potrà mai liberarsi e che ha pagato con la vita l'odio razziale
    di una folle Germania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so, Flo. Questo mi è piaciuto molto.
      In libreria ho anche la Suite Francese e penso che presto lo inizierò.
      Diciamo che l'autrice aveva alle spalle e dentro di lei le storie che narrava. Credo ci sia molto della sua vita e soprattutto dei suoi sgtati d'animo.

      Elimina
  2. Cara Patricia, vedo che ti tieni informata di tutto, così se avo bisogno di un consiglio, saprò ha che rivolgermi!!! Ciao e buona giornata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tomaso. <Diciamo che i piace leggere e parlare... ahahahah
      Bacio!

      Elimina
  3. Risposte
    1. Molto interessante Max. Sembra di ritrovare nel libro personaggi che abbiamo conosciuto o di cui per lo meno abbiamo sentito raccontare dai nostri vecchi.

      Elimina
  4. Un' ottima recensione, complimenti Pat!

    RispondiElimina
  5. Ho letto soltanto Jezabel della Némirovski, mi è piaciuto moltissimo! Annoto! ^_^ Sono certa che saprà catturarmi anche con questo libro, visto il tuo parere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me è piaciuto molto.
      Il suo prossimo libro sarà Suite francese su suggerimento di Luz.. forse!

      Elimina