mercoledì 18 maggio 2016

Passeggeri notturni

Passeggeri notturni
di Gianrico Carofiglio
Einaudi Stile libero (2016)



Del libro di Carofiglio che vi posso dire senza tema di ripetermi?
Mi piace moltissimo come scrittore e penso che mi piacerebbe anche come persona se lo conoscessi.

Con semplicità, poco alla volta, riesce a mettersi a nudo e raccontare di sè tante piccole cose che messe insieme ne fanno un bel ritratto. Bello e umano.

Se nel suo alter ego, l'avvocato Guido Guerrieri, sono convinta che ci sia molto di suo, della sua personalità privata e intima, in tutti i suoi libri credo si mescolino memorie familiari, accadimenti personali che narrati con maestria danno l'idea di chi sia Carofiglio come uomo e non solo come scrittore o ex magistrato.

In questo libro, letto nel viaggio di ritorno dal salone di Torino, tutti i "racconti" sono tessere di un puzzle che trasferiscono su carta riflessioni e aneddoti personali, magari adeguatamente modificati e romanzati per non dar modo di riconoscere certi personaggi noti. Scritti appunto come racconti brevi, per me sono momenti facenti parte della sua vita.  Piccole e grandi  confidenze ad un amico.

Come sempre la scrittura è veloce e accattivante; intimistica in certi passaggi, divertente in altri. Piacevole e umana sempre.
L'unica pecca del libro è che è terminato troppo presto.
Myrtilla

11 commenti:

  1. Ho preso l'appunto...leggerlo prima possibile.Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Biljana,
      è un libricino sottile che a tratti fa sorridere e a tratti riflettere.
      Pensieri che come i passeggeri arrivano e ppartono.
      A me è piaciuto molto ma ho una passione per Carofiglio :)

      Elimina
  2. Non ho mai letto Carofiglio ma ne ho sentito parlare, appena lo adocchio in biblioteca lo prendo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me piace moltissimo!
      Questa è una raccolta di racconti/aneddoti/memorie romanzate. Brevi, due tre pagine non di più.
      Ma Il passato è una terra straniera è un romanzo lungo, di una realtà cruda.
      Quelli che ha elencato sotto Glò soo anche romanzi lunghi ma ti pare di vivere dentro al libro, al fianco dell'autore.

      Elimina
  3. E' uno di quelli in lista. Azzarola... ho una lista che non finisce più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Max.... ho finito i soldini in questo momento ma su ibs ho già di nuovo segnato titoli nella list dei desideri... ommammma!!!!
      A parte tutto è che non so più dove metterli ma darne via NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!
      Più gelosa dei libri che del marito ahahahahah

      Elimina
  4. Oh potrebbe piacermi tantissimo *__* L'avevo adorato in Né qui né altrove. Una notte a Bari, dove forse si mescolano finzione e ricordi personali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Glò, io li ho letti tutti i suoi libri e nessuno mi ha delusa. Forse è proprio quella mescolanza tra finzionne e ricordi, tra fantasia e aneddoti reali la forza della scrittura di Carofiglio.
      Se non lo hai mai letto, Il passato è una terra straniera è bellissimo. Crudo, violento in alcuni punti ma reale, non solo realistico.

      Elimina
  5. Ciao ho letto tutti i racconti di Carifiglio e pure quelli di suo fratello,li trovo piacevoli.
    Ciao,fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Fulvio.
      Io adoro Gianrico Carofiglio. Credo di aver letto tutti i suoi libri.
      Abbiamo ovviamente vite e ambienti diversi però sarà anche il fatto di essere coetanei me lo rende vicino. Non sono magistrato, non conosco Bari o la Puglia però inn lui trovo tante piccole cose anche del mio passato. Minuzie forse ma molto simili.
      Ciao e buonn pomeriggio

      Elimina
    2. Fulvio dimenticavo una cosa. Non conosco il fratello come scrittore ma me e hanno parlato molto bene.

      Elimina