domenica 5 giugno 2016

A CENA CON... DANTE ALIGHIERI


A cena con.... 

si gioca e volete che io stia a guardare?
Non sia mai detto! Quando poi il gioco nasce da amiche come FATA CONFETTOANNA MARIA FABBRI non si può proprio tirarsi indietro.



Di cosa si tratta? Semplicemente di scrivere un post sul proprio blog intitolato

                                    A CENA CON (nome dell'invitato)

preparando per questo personaggio una cena completa, dall'antipasto al primo, dal secondo al dessert.
In via eccezionale, questa volta si può scegliere un personaggio storico del lontano o recente passato, uno sportivo, una persona di spettacolo... insomma! Fate un po' voi!
Basta mettere una foto di questo esimio personaggio... ops! Foto o ritratto perché in epoca antica le foto... uhm... mi sa tanto che le facessero coi pennelli.... e poi preparare il menù spiegando perché si è scelto quel dato personaggio.

Le regole le copio e incollo dal blog di FATA CONFETTO ma sono semplicissime.

Come si partecipa
 
Pubblicare un post intitolato "A cena con ( personaggio prescelto)" che contenga:
  • Un'immagine del personaggio
  • una breve motivazione della scelta
  • il menu: antipasto, primo, secondo dessert  con il link alle ricette, se sono pubblicate nel proprio blog o altrove ( nel caso citare la fonte)
  • Foto delle ricette, anche riunite in un'unica immagine ( facoltativo)
  • Lasciare un commento di adesione all'iniziativa  nello spazio commenti del post di presentazione del gioco.
*A cura della Fata Confetto  ogni vostro contributo sarà riassunto in un post che verrà pubblicato su  
"Parole di contorno" 
composto da un'immagine come quella proposta qui sopra a scopo esemplificativo”

*Ogni immagine porterà nella didascalia il nome e il link del blog, in modo che i lettori curiosi possano risalire al menu originale...e visitare il vostro spazio virtuale.
*Per coloro che non hanno un blog di cucina si accettano anche contributi senza riferimento alle ricette e alle foto:
basta l'immagine del personaggio e l'elenco delle portate.   “

Ah..naturalmente il banner eh... quello che vi ho messo in alto! Non dimenticatelo!!!

E adesssi via  col menù!!!!
 





Io inviterei..... beh... l'avete capito ormai...Dante Alighieri!!!!

Perchè? Ma si chiede? E' il padre della lingua italiana! E' l'autore di quel librone che tra diecimila anni sarà ancora stupendo leggere e temo attualissimo!!!! Presente la Divina Commedia?
Ecco! Proprio quella!
Mi sa che all'inferno il divindiabolico Dante ci abbia spedito troppo poche persone!!!! :)))


Che gli preparerei?
Di certo gli farei assaggiar prodotti nostrani... piemontesi voglio dire. Non si vive mica solo di fiorentine eh.... :))



Antipasto
Peperoni grigliati alla bagna caoda (così dopo vedi la Beatrice come scappa ahhaahhahaha)
Primo
Agnolotti alla piemontese con la ricetta di Beatrice (non quella di Dante, mia suocera ahhahah)

Secondo
fritto misto alla piemontese (sperando che Dantuccio mio non soffra di fegato perché fritto vuol proprio dire fritto eh.... e di tutto un po', dal fegato alla bistecca, dalle carote ai cavolfiori, dal cervello alla milza, dal semolino dolce all'amaretto...)

Dessert
Zabaione: tuorlo d'uovo, zucchero marsala...... slurp!!!!
http://ricette.giallozafferano.it/Zabaione.html 

Naturalmente il tutto accompagnato da un buon Barolo fresco di cantina.
Doppiamente naturale, dopo tutto questo, caffè e spusacaffè (l'amaro) … magari un bel fernet!
Myrtilla

26 commenti:

  1. buon menu... poi devi devi "scarpinare " (camminare) un bel pò per digerire il tutto...magari dissertando del più e meno con messer Dante ;))
    buona domenica ;))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì..diciamo che è per stomaci forti ahhahhahha
      Ma dopo, una bella passeggiata con il mì Dante... e chi si ricorda più di aver mangiato ahahahahahh

      Elimina
  2. Mia cara madamigella Patricia, sono venuta a conoscenza che ha invitato al suo desco un certo Dante Alighieri, ho letto il menu e non dubito che il suo illustre toscano lo gradirà. So che tal messere da lei invitato è particolarmente ferrato nella lingua volgare, dicono che abbia scritto un certo De vulgari eloquentia. Cara amica non potrebbe cortesemente indagare indagare se tale messere è disposto a erudire e correggere il linguaggio del mio caro amico e ospite GGG?
    La ringrazio anticipatamente.
    Cordiali saluti
    alla padrona di casa
    Madamigella Patricia Moll.
    e al suo ospite
    Dante Alighieri

    Anna Maria Fabbri del blog -Se vuoi una vita da sogno... dormi-
    *__*
    (P.s. felice che tu abbia aderito alla simpatica iniziativa di Marilena)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O preziosa madamigella Anna Maria,
      provvederò senz'altro a parlare del suo problema con Messer Dante se il messere si degnerà di accettare il mio invito.
      Sono convinta che di fronte a tanto dilemma, messer Alighieri non si tirerà indietro. Al limite, se proprio il suo ospite GGG non sarà disposto ad imparare si correrà il rischio di ritrovarlo nel girone infernale dei tontoloni, creato apposta per la di lui testardaggine.
      Mi inchino alla sua presenza salutandola con affetto.
      Patricia

      ps ma te possino, Anna Maria ahahhahahahahahahah
      pps potevo perdermi un'occasione simile???????

      Elimina
    2. Ahahahahahah!!! Certo che no, madamigella Prezzemolina ;-)

      Elimina
    3. Appunto! ahahahahahahahah Ciaoooooo

      Elimina
  3. Buon appetito con la speranza che Dante abbia uno stomaco di ferro!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un modo per scoprire di che pasta sono fatti questi fiorentini ahahahahhahaahha

      Elimina
  4. Ciao Patricia,
    un ospite di rango che più non si può!
    Parole di contorno, Fata C e tutto lo staff(??) sono in fibrillazione!
    Il Sommo Poeta avrà di che farsi "lustrare il pelo"...un po' di volgare eloquenza non può che fargli piacere!
    A presto con il rilancio del post e grazie, grazie infinite:-))
    Marilena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stavolta non partecipo, troppe foto, troppa roba e io quando non mi riesce di postare foto poi mi ci incazzo e sbatto tutto per mezzora.
      Ma se potessi inviterei ad un bel prenzetto Rosalba P. una mia bellissima compagna di classe al liceo. Francamente l'unica vera amica che ho avuto. Si meravigliava anche lei che noi si potesse essere così amici senza averci mai provato. Culto dell'amicizia si chiama. Se tenti un approccio vai a finirci a letto. E poi? Quasi sempre l'amicizia finisce. Allora non facciamone niente, Rosà. Hai ragione tu, Enzò.
      È morta in un banalissimo incidente d'auto trenta anni fa.

      Elimina
    2. Grazie a te, FAta Confetto :*)

      Ciao Vincenzo, ahia, mi dispiace! Almeno però il ricordo di una bella amicizia ti è rimasto.

      L'unica foto che ho messo l'ho fatta io alla Divina Commedia che ho in casa.
      Per il resto... lin e basta.

      Elimina
    3. Pardon, mi intrometto, anche se non conosco Vincenzo, mi sento chiamata in causa come ideatrice del gioco.
      Mi ha colpito questa storia di amicizia, il suo tragico finale e come, a distanza di tanti anni, il ricordo sia così vivo e presente, tanto da coinvolgere anche persone sconosciute, come me. Talvolta dietro a un gioco si scoprono pezzi di vita vera.
      Buona serata a tutti
      Marilena

      Elimina
    4. Pezzi di vita era, sì, Marilena.
      Grandi storie di amicizia.

      Elimina
    5. @Paticia. Mi spiace se i miei ricordi siano amari in questo caso. Non so come né perché ma appena ho letto il tuo post, ho pensato ad un invito e mi si è spalancato davanti agli occhi il radioso sorriso di Rosalba P. Rideva cogli occhi, coi capelli, coi fianchi, con le scarpe e coi vestiti. Scaldava d'inverno e rinfrescava d'estate. Si metteva vicino al mio banco nei compiti in classe e copiava latino e greco. Non solo ero bravo io, ma avevo la vista d'un aquila e davanti a me c'era quel mostro di mio cugino: quello che non mi riusciva lo copiavo da lui. Che bei tempi!

      @Fata Confetto. Giocando si vive e ri rinnovano gioie e dolori. Io non vedevo l'ora di diventare grande. Sono diventato grande e grosso, ma sono rimasto quello di allora. Secondo tanti un grave manco, una colpa che sconterò all'inferno. Secondo me....va bene così, Marilena.

      Elimina
    6. Tranquillo Vincenzo.
      I ricordi non sono sempre allegri e piacevoli. Dai tuoi però viene fuori una sorta di serenità per quello che hai vissuto allora. Una serena malinconia. E se ricordi un aneddoto come il copiare i compiti, così, col sorriso, vuole dire che quell'amicizia ti ha dato tanto.
      E questo è veramente bello!

      Elimina
  5. Caspita, che ospite e che menù! Insuperabili, tutti e due.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu sei andata più sul leggero Sinforosa... io... bello stoto eh!

      Elimina
  6. che bella idea! Carina davvero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bell0idea davvero! E tu chi inviteresti?

      Elimina
  7. Accidenti! Addirittura il "sommo poeta"
    Ottimo menù che si sposa perfettamente con l'ospite illustre.
    Buona domenica Pat!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dice che verrebbe???? Magari potrebbe anche offrire una bottiglia di Chianti eh....
      Buona settimana Mari

      Elimina
  8. Mangiate leggero in Piemonte, eh, ahah!!😂 Buoni però gli agnolotti alla piemontese! A presto!👋

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì... diciamo per stomaci forti! ahahahahah
      Ciaooo

      Elimina
  9. Ecco ci sono: ma che brava Patricia, anche al vino hai pensato! E la bagna cauda sarà un po' pesantuccia, ma so che è buonissima, del resto sono certa che l'Alighieri avrebbe gradito ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sfinge, da buona piemontese... praticamente astemia ahahahhaha
      La bagna cauda pesante? Ma no!!!! Solo olio, aglio e acciughe...:) piuttosto puzzolente sì, però

      Elimina