martedì 14 giugno 2016

Community


Qualche giorno fa, è successa una cosa “strana” su una community che frequento volentieri. Niente di grave forse ma, sì... è diventato grave per forza.
Praticamente le proprietarie hanno deciso di fare un po' di pulizia di primavera e di eliminare gli iscritti che non si sono mai degnati di pubblicare un post, metter un +, commentare.
Tutto sommato può anche non essere sbagliato, però ne è nata una grande discussione e tra accuse più o meno velate di dispotismo un'utente se ne è andata offesa.

Dico subito che ognuno è libero di fare ciò che vuole, sia le proprietarie che l'utente in questione. Non sta a me giudicare né lo voglio fare.
Dico anche che il post in cui si preannuncia questa pulizia mi ha fatto riflettere.
Su cosa? Non di certo sulla scelta effettuata dalle proprietarie né tanto meno su quella di chi se ne è andata.
RIPETO: ognuno è libero di fare ciò che vuole e ci mancherebbe pure altro!

No! Ho riflettuto sul senso di community. Sul fare community.

Io penso che significhi interagire, partecipare, commentare, postare, condividere. Fare squadra, insomma.
 
E allora.... allora io che sono iscritta a non so più quante community e non ci vado mai?
Sono iscritta, anzi ero iscritta, a molti gruppi perché quando mi invitavano accettavo senza problemi. Mi sembrava quasi di far una cosa sbagliata a dire no grazie. Da neofita si fanno questi errori :)
Poi, però, col tempo, oltre a essere diventate tante, e il tempo sempre meno, molte di loro proprio non le guardavo mai. Che senso aveva allora esserci iscritta?
Solo per dire partecipo a xxx community? Non l'ho nemmeno mai fatto questo.
Posso capire non poterci andare per un certo periodo ma mai.... o solo all'iscrizione per dire ciao, ci sono anch'io...
E allora?
Allora mi sono resa conto che qualcosa di sbagliato da parte mia c'era. E fare il fantasma per una prezzemolina come me... ahahahahaahahha non è il meglio :)

Così, sono andata sull'elenco delle community a cui sono iscritta e ho fatto una scelta. Questa sì, questa no. Questa sì, questa no...
Insomma! Per farla breve le ho ridotte a meno della metà.
Naturalmente ho tenuto care quelle che frequento con più assiduità, sulle quali trovo argomenti che mi interessano, amici blogger che stimo e coi quali ho cose da condividere. Anche quelle sulle quali ultimamente ho latitato ma ho tutta l'intenzione di tornarci presto, tempo permettendo.

Volete che vi dica una cosa? Mi sembra di essere più leggera. Di aver buttato una zavorra che mi ingombrava anche se non me ne rendevo conto.

A questo punto ringrazio chi mi ha dato modo di fare questo ragionamento. Chi mi ha fatto capire che community significa gruppo, comunità e in un gruppo, in una comunità si interagisce sempre.
A volte anche discutendo ma se c'è l'intenzione, poi ci si capisce.
Myrtilla

25 commenti:

  1. Anche io ho fatto questo errore! Sono iscritta ad alcune comunità
    (poche a dire la verità), che non frequento per nulla. Come te, all'inizio ho accettato per gentilezza, magari anche con l'intenzione di partecipare, ma poi, un po' la mancanza di tempo, un po' di interesse, hanno fatto di me un fantasma. Credo che rimedierò anch'io a questa leggerezza.
    Buona giornata! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Iara. A quanto pare è un errore che tutti all'inzio commettono quindi.... facciamoci un sorriso sopra. :D)
      Io sinceramente dopo il fatto raccontato nel post ho proprio fatto una bella pulizia. Forse serviva più profonda però.... poco per volta...
      Ciaoooo

      Elimina
  2. Ora come ora io sono iscritto a una sola Community su G+
    Mi sono presto cancellato da tutte quelle a cui avevo aderito solo per cortesia verso chi mi aveva invitato. Stesso discorso per le pagine facebook. Dipende molto anche dalla capacità di chi la gestisce se riesce o no a farti rimanere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero anche questo Ivano. Se nella community si parla di cose che interessano, se chi scrive sa attirare l'attenzione e non farla cadere nel vuoto si rimane e si partecipa. Altrimenti....
      come per i blog in fondo. A volte ricambi un'iscrizione perchè ti sembra poco gentile non farlo ma se gli argomenti trattati non interessano si finisce di non visitarli mai

      Elimina
  3. Ciao Patricia,
    il tuo post interpreta la condizione di molti utenti della rete.
    L'eccessivo numero di profili e adesioni porta alla latitanza e anche all'approssimazione nell'aggiornare e seguire il tutto.
    La scelta si impone perché l'attività online abbia senso e correttezza:-)
    Marilena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marilena, d'altronde come si fa stare dietro a tutto? Impossibile! Tanto vale essere onesti con sse stessi e con gli altri e.... potare!!!

      Elimina
  4. Cara Patrizia, un post molto ma molto delicato, è sempre difficile trovare che ha ragione, da una parte non si puÒ obbligare uno ha dover fare una cosa, ma ce anche l'altra faccia delle medaglia, se ti sei inscritto dovresti partecipare, forse stabilire delle regole un post minimo ogni 3 mesi!!! Questo è un mio pensiero.
    Ciao e buona giornata con un abbraccio e un sorriso.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, Tomaso. Chi ha ragione e chi torto... entrambi in entrambi i casi. Infatti io sono partita da quel fatto per spiegare che mi ha fatto riflettere. Non voglio assolutamente dare giudizi. Ognuno di noi deve essere libero di agire come crede.
      Credo però che la tua proposta di rendere obbliggatorio pubblicare un post almeno ogni tre mesi non è affatto male sai...
      Bacio stella!

      Elimina
  5. Cara Patrizia, il tuo post esprime una posizione molto comune in rete,è fin troppo facile iscriversi all'inizio su gruppi e community, è un errore che abbiamo fatto in parecchi. Credo che anche io ben presto dovrò decidermi a fare pulizia sia su Fb che su G+. Come dici tu il senso di una community è la partecipazione e lo scambio tra iscritti. Se viene a mancare questo viene a mancare il senso stesso dell'appartenenza ad un qualsiasi gruppo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nick, io facebook non ce l'ho e così ho risolto il problema. Permane ancora su g+ perchè forse potevo ripulire meglio.... la prosima volta, daiiiii. Il più è fatto! :)

      Già! L'appartenenza... c ome essere parte di una squadra. O si gioca per la squadra o si sta fuori.

      Elimina
  6. Ogni tanto mi arriva la notifica di qualcuno che mi ha inserito in qualche gruppo senza che io lo abbia chiesto. Magari gli stessi, vedendo che non interagisco, mi eliminassero! Mi farebbero un favore, perché risulto qua è là senza sapere esattamente dove!
    Di molti facevo parte con consapevolezza, ma non riesco a interagire su tutti... Purtroppo il tempo si fa sempre più tiranno e sono costretta a fare delle scelte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaahahh Marina anche a me capita. I primi tempi quando ricevevo la notifica Tizio ti ha aggiunto lo facevo a mia volta. Adesso non più soprattutto se non h o molto in comune.
      Come si fa ad interagire con tutto e tutti? Quante ore dovrebbe durare la nostra giornata? E tutto il resto?
      E allora si sceglie, per forza di cose.
      Ciaoooo

      Elimina
  7. È normale sentirsi leggeri quando si elimina ciò che non ci rappresenta più, non ci interessa più, non ci piace più. Anche con le community o i blog o i profili, ecc. Hai fatto una cosa sana e positiva per te stessa. Pensa che io mi sono sentita meglio dopo aver sfoltito il curriculum ;-)
    Così si crea uno spazio fisico ed energetico per dedicarti ai tuoi veri interessi.
    Ti abbraccio e ti leggo sempre con piacere, per la tua capacità di andare al cuore delle cose.
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Francesca.
      Sai... non ci pensavo nemmeno ma quello che è successo anche se non rigurdava me direttamente mi ha fatto riflettere.
      Pensandoci sopra sì, sono convinta anch'io di aver fatto cosa buona e giusta. E magari anche corretta :)
      Bacio stella!

      Elimina
  8. Un conto è scegliere di non appartenere più a uno spazio per tempo, leggerezza iniziale, ecc. Altro decidere di fare pulizia tra i propri iscritti: non si può pretendere partecipazione attiva, ma educazione e rispetto delle regole certamente.
    Personalmente, dopo vari trascorsi, non sono iscritta a community o gruppi Fb, le mie interazioni sono volute dove commento o condivido. Però... trovarsi cancellati da un "gruppo" per mancata iterazione, bah... o.O

    RispondiElimina
    Risposte
    1. REgole ci vogliono senz'altro altrimenti anche nelle community o blog o social in genere regnerebbe l'anarchia.
      Correttezza, educazione, rispetto degli altri utenti, niente razzismo, oscenità eccetera mi stanno benissimo.

      Quanto alla pulizia "etnica" di utenti che non partecipano... mah... ritengo che ognuno sia responsabile delle proprie scelte. Sì... magari prima potevano avvisare questi utenti e dir loro di far vivi almeno con dei più o delle condivisioni.
      Poi, sai... ognuno a casa sua in un certo senso detta legge e come ospiti ci si adegua.
      Su facebook sinceramente non so proprio come funziona, io non ci sono :))

      Elimina
    2. Non sono del tutto d'accordo sulla questione, nel senso che gestire il proprio spazio secondo delle regole va bene, ma cancellare utenza perché disattende le proprie aspettative è un'altra cosa. C'è una bella differenza: si può partecipare non attivamente, certamente sarebbe bello che l'utenza si palesasse, pensa anche ai blog, ma non è realistico pensare possa essere in questo modo. Sarebbe come se ci mettessimo a cancellare o bannare chi è iscritto ma non commenta nel nostro spazio.
      Certamente che ognuno può fare come vuole, infatti la cattiva gestione è diffusissima:D

      Elimina
    3. Se dovesi cancellare i lettori fissi che non commentano ne avrei 10/12 ahhaahhahah
      Questo è vero, non si può fare e non è nemmeno giusto. c'è chi preferisce leggere e non lasciare segno del suo passaggio.
      Diciamo che la cosa forse non è stata gestita bene. Non so come si possa fare velocemente ma un post bloccato per richiamare un po' all'ordine chi non dà segno di vita...
      Comunque ognuno faccia come crede :)) c'è varietà nella vita.
      Qui, nessuno è bloccato o bannato. Gli unici due utenti che ho bloccato su g+ erano due giovanotti di belle speranze che si divertivano a mandarvi filmino porno :D)
      Forse non sapevano la mia età... hahahahahahaa
      E tu invece non ti smentisci mai! ahhahahah quello che pensi dici e chi ti ferma??? E fai bene!
      Guarda cosa ti dedico QUI
      Bisogna sempre dire quello che si pensa. Di falsità ce n'è già abbastanza al mondo :)))
      Bacio!

      Elimina
    4. Dimenticavo una cosa.... ieri una mia lettrice è venuta sul vostro blog a leggere quello che hai scritto sul libro L'ora del diavolo dopo che gliel'ho segnalato.
      Ha messo il libro nell'elencod acquisti :)))

      Elimina
    5. Ho letto poco fa il tuo commento da noi *__* Mi fa moltissimo piacere, alla fine la "vetrina" ha proprio lo scopo di proporre libri che difficilmente (mai XD) rientrano nei canali ufficiali ;)
      E aggiungo che l'autore è un tipo veramente simpatico e collaborativo!

      Tornando a ME XD Lo so, sono un panzer XD Diciamo che non riservo brutte sorprese però :D sono piuttosto diretta muahahhah! Grazie per la dedica ^_^
      Un abbraccio!!!

      Elimina
    6. Anch'io a voce. Scrivendo invece riesco a moderarmi un po' non so perché ahahah mi sa chi di persona faremmo a testate :)
      Flo è una persona che legge moltissimo quindi dono andata tranquilla
      Ciaooooo

      Elimina
  9. Anni fa un tipo (peraltro uno che nemmeno mi seguiva) mi ha rotto più e più e volte con la richiesta di entrare nella sua community sui fumetti. Alla fine ho ceduto, però non ho mai partecipato. Tempo fa ho voluto fare un po' di pulizia e mi sono cancellato da tutte le community a parte due. Lì ho scoperto che il tipo mi aveva cancellato dalla sua community.
    In ogni caso uno può anche non partecipare attivamente, ma può farlo passivamente, anche solo leggendo. Non mi piacciono queste prese di posizioni autoritarie, chiedere prima è sempre una forma di educazione. Anche perchè spesso l'unico intento per chiedere l'iscrizione a destra e a manca è quello di far aumentare di numero i membri della community e basta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahhhahahahahahha e tu stavi per cancellarti!!!!
      Come ho detto a Glò sopra sì, forse prima avrebbe potuto avvisare questi utenti che non postano, non mettono un +, non condividono... però le ho anche detto che ognuno a casa sua dette le sue regole e gli ospiti si adeguano.

      Certo, a volte capita anche di andare sulla solita community (o anche blog) che frequenti e non trovare post che ti interessano perchè parlano di argomenti di cui non ti frega niente. A quel punto ovviamente è un controsenso mettere dei + o condividere se effettivamente l'interesse non c'è.

      Elimina
  10. Personalmente ormai accetto difficilmente l'iscrizione a nuove community, appunto perché già sono iscritta a troppe ed è anche vero che in realtà invece non ne frequento più di 5-6 e senza neanche grande assiduità, però credo che molto dipenda da come uno vuole concepire una community: è una piazza? Allora ci sta che entri ed esca chi vuole e che alcuni passanti siano silenziosi, in fondo chi non posta, né commenta potrebbe però aprire e leggere alcuni post, commentare e/o condividere sui blog (questo come lo controlli?) o semplicemente limitarsi alla lettura. Se la community viene concepita come una piazza o una esposizione (in piazza) dalla quale guadagnare visibilità per i post, va bene che siano iscritti tutti, compresi quelli realmente o apparentemente inattivi. Diverso è il caso che la community venga concepita come un salotto privato, dal quale logicamente è opportuno allontanare discretamente gli ospiti noiosi e musoni... e vabbè io non farò pulizia fra le community: dove sono iscritta ormai sono iscritta, a meno di una rottura con proprietari e moderatori, ci resto ;-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capire chi passa a leggere senza commentare nè interagire in alcun modo non so se è possibile. Io personalmente non ho e non ho intenzine di avere una community mia.
      Diciamo che la community di cui ho parlato io è privata, mi ero dimenticata di dirlo, e quindi si accede su invito.

      Io pulizia l'ho fatta per il futuro però mi regolerò meglio :)))

      Elimina