venerdì 22 luglio 2016

Finalmente la sera








Finalmente è giunto il momento desiderato. E' sera. E' ancora presto ma le gambe doloranti, la stanchezza, richiedono riposo.
Nel letto, semisdraiata, il cuscino dietro le spalle, il corpo in movimento a cercar la posizione giusta. Solo il lenzuolo a far da barriera alle poche zanzare nella stanza.
L'abat-jour accesa, un libro tra le mani.
Distensione totale. Relax! Godimento puro dopo una giornata sfiancante tra impegni, corse, intoppi, lavori in corso e cantieri stradali che costringono a deviazioni assurde.
Ora, un po' di pace. Silenzio e semioscurità.
In sottofondo il rombare arrotondato e morbido delle macchine sull'autostrada non lontana interrotto solo raramente dal clacson di qualche mezzo pesante; un abbaiar di cani in lontananza e di altri che rispondono; un uccello notturno che emette il suo richiamo rapido e improvviso. Da brividi. Il leggero russare del marito a fianco
La sua musica notturna. La sua ninnananna.
Pace! Che bella parola! Da godere fino in fondo. Qualche pagina del libro e poi dritta all'appuntamento con Morfeo, caro amico.
La porta che si apre in fondo alle scale col solito cigolio. Passi lenti e pesanti, faticosi, che salgono.
Puoi venire? Il gatto vomita....”
Il libro che vola sul letto tra sbuffi e silenziose imprecazioni.
Ciao, pace Alla prossima!”.
Myrtilla

17 commenti:

  1. Ah...conosco queste sensazioni...ciao Mirtilla, buona giornata!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Conosci? Bene! :) Allora sai cosa vuol dire... sob sob...
      E fosse l'unica scemata! ahahahahha

      Elimina
  2. Se non è il gatto che vomita è un figlio che ti chiede l'acqua.
    Ti capisco assai
    baci
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che la mia "bimba" ormai fa da sola :)) è mammà che non se la cava più... per niente va in confusione, si agita e mette in agitazione pure me...
      Bacio stella!

      Elimina
  3. E' sempre così, tutte le sere che Dio manda in terra, mou belin, ah la famiglia !!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando ci sono bimbi piccoli... quando ci son anziani che son tornati piccoli... e qualcuno nel nezzo ci deve pur stare no? hahahahah
      Non mi hai mai sentito urlare da Zena? Nooo????????????? Ossignur, e come mai! Dal paese mi sentono ahahahahahahahh

      Elimina
  4. Cara Patrizia, questi sono i momenti che non bisogna perdere la calma!!!
    Lo so che è difficile ma bisogna farlo, se non vuoi perdere proprio i nervi!!!
    Ciao e buona giornata cara amica, con un abbraccio e un sorriso:)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La calma Tomaso? SE prima mi spieghi cosa è... ahhahahahahahh
      Persa nei secoli passati e mai più ritrovata.
      bacio stella!

      Elimina
  5. Ahahahahahaha, ti dico la mia!
    Mammaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa, vieniiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ognuno ha i suoi bimbi, Squitty.
      Chi ha un bimbo di 8/10 anni e chi di quasi 81!!!!!!!

      Elimina
  6. BUUUUUUUU non parliamo delle mie nottate, specie le ultime... Un delirio di pianti, imprecazioni (del marito), lamenti (di tutti) e la veglia infinita (della sottoscritta)...

    RispondiElimina
  7. Immagino Regina, immagino.... però coi bimbi piccoli purtroppo è così
    Bacio

    RispondiElimina
  8. Che bella descrizione. È proprio così: i figli che rincasano, il marito che russa, il gatto che vomita, i pensieri che piano piano si dissolvono e finalmente è... pace.
    A volte mi chiedo che se morire è un po' come dormire dopo una giornata faticosa e pesante be' non sarà poi così male, no?
    Ciao ciao
    sinforosa

    RispondiElimina
  9. Ciao Sinforosa, sempre che non ci siano bambini ottantenni a chiamarti per sciocchezze.
    Per la morte come il sonno pesante può darsi ma sarà meglio scoprirlo più tardi possibile.

    RispondiElimina
  10. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  11. Bellissimo squarcio di vita....anche il mio gatto vomita sempre quando non è il caso! Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena.
      Purtroppo anche a loro capita di star male :)
      Il discorso più che altro è che ormai alcune persone non sono più in grado di gestire cose minime. E a chi tocca?
      Bacio a te e buon pomeriggio

      Elimina