mercoledì 6 luglio 2016

Non vorrei


In tanti parlano delle cose che bisognerebbe fare o che vorrebbero. Io, da buon Bastian contrario come si conviene ad una gemelli, voglio scrivere di quelle che NON bisognerebbe fare o non vorrei.
Forse anche ad andare controcorrente si rischia di annegare ma fa lo stesso :))

1 NON VORREI alzarmi al mattino pensando, prima ancora di mettere gli occhiali sul naso, “che giornata! Quando finirà?”

2 NON VORREI ripetere in continuazione “un attimo” sotterrata dalle solite frasi di mammà “bisogna fare questo... e quello? Quest'altro quando lo facciamo?” Che poi son sempre le solite faccende di ogni giorno. Niente di che.
Col tempo si fa tutto. Magari una cosa per volta, eh... si “rischia” solo di sbagliare di meno! :)

3 NON VORREI correre e correre e correre per non arrivare da nessuna parte. Correre di meno ma con un traguardo, quello delle cose compiuti, delle faccende sbrigate. Insomma, arrivare a questo benedetto traguardo e guardarsi indietro ma non per accorgersi come sempre che le cose fatte sono la terza/quarta parte di quelle da fare. Perr poter dire “oh, là! Questa la cancelliamo dalla lista!”.

4 NON VORREI arrivare al punto di sentirmi mancare il respiro e non per l'asma. Non ne soffro. Per l'affanno e non il mio ma quello che gli altri ti buttano contro come una torta in faccia.

5 NON VORREI arrivare a sera provando quel senso di insoddisfazione o di incompiuto che si sente quando qualcosa tormenta e i pensieri stanno disputando la finale della coppa del mondo di calcio nella mente. Ola e tifosi fracassoni compresi.

6 NON VORREI avere scritto questo post. In fondo, la vita è questa. Correre arrabattarsi, inquietarsi... anche perché, sinceramente, NON VORREI MAI farne a meno. Della vita intendo :))

Myrtilla

19 commenti:

  1. Come mi sento vicina a quello che hai detto!" Non VORREI" e' così significativo! Comunque ci provo ogni tanto ad essere più forte e dire "non voglio" e di seguire la mia volontà a discapito di tutto e di tutti.Richiede le rinunce.In ogni caso come dici tu questa è la vita e non vorrei farne di meno della vita...ma quel ogni tanto da il valore al seguire...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io ci provo Biljana ma anon è semplice anche perchè rischi di spiazzare tutti visto che non ci sono abituati. Almeno le prime volte.

      Ogni tanto... l'importante è iniziare e ogni tanto può benissimo essere un inizio, non ti pare?

      Elimina
  2. Cara Patrizia, è sempre interessante leggere i tuoi post, che porti argomenti quotidiano di tutti noi, che abbiamo e non li sentiamo, ce ne accorgiamo solo quando uno li accenna.
    Ciao e buona giornata cara amica, con un abbraccio e un sorriso:)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tomaso, grazie Sei sempre così gentile!
      Il problema sai quale è? E' che siamo troppo abituati a certe cose, certi andazzi, tanto abituati da non farci più caso. Se ci fermiamo un momento a pensare ci rendiamo però conto di quante cose vorremmo fossero diverse.
      E' trovare il modo il tempo e il coraggio di cambiarle che è dura.
      Bacio

      Elimina
  3. Correre e affannarsi...non conosco altro modo di vivere da almeno vent'anni, metà della mia vita.
    E non prevedo miglioramenti per il futuro;)
    A giorni ci rido, a volte ci scherzo, molto spesso mi arrabbio, talvolta mi deprimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dalla nascita quasi, diciamo... :
      Miglioramenti? Mah... mai mettere limiti al destino peròho seri dubbi.
      Anch'io ci rido, poi ci scherzo, poi mi arrabbio, urlo bisticcio... le cose non cambiano però

      Elimina
  4. Correre e affannarsi...non conosco altro modo di vivere da almeno vent'anni, metà della mia vita.
    E non prevedo miglioramenti per il futuro;)
    A giorni ci rido, a volte ci scherzo, molto spesso mi arrabbio, talvolta mi deprimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nemmeno io stella.
      Sarà che chi si ferma è perduto o almeno ti insegnano così ma corrrere corrrrere corrrrrereeeeeeeeeeeeeeeeee
      Bacio!

      Elimina
  5. NON VORREI alzarmi in tutta fretta alla mattina e vedere mia moglie che già spolvera e riassetta senza dire una parola con il che già tutto disse, dimenticando una vita passata a continuare la ronfata mentre io uscivo alle sei in punto...tanto per dire.

    NON VORREI dover andare in cucina per prepararmi un caffellatte e dovermi togliere da qui e da lì perché lei, sempre in silenzio, sta pulendo vedi caso sempre dove mi trovo io...

    NON VORREI sedermi al tavolo dopo mangiato con un SUDOKU nuovo in mano e sentirmi trafitto da sguardi di fuoco e interpretare il silenzio che ancora rimbalza tra le pareti come una minaccia impellente, tipo "oggi non ti cucino niente"....

    NON VORREI essere costretto ad aprir bocca per tirarne fuori quell'avvizzito "ma che cavolo hai stamattina, si può sapere?", che in fondo mi fa tanto schifo...

    NON VORREI arrivare alla sera senza averne avuto risposta...

    PS. Ma come sapete tenere bene il muso voi femmine, mamma mia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Vincenzo, mi hai strappato un bel sorriso. E la voglia di chiederti da quanti anni siete insieme...
      Io non tengo il muso per più di dieci minuti.Non ci riesco proprio. Però quello che devo dire lo dico. Eccome se lo...urlo!
      Dopo quasi trentadue anni di matrimonio ormai il marito ci è abituato ahahahaha
      Dai, forza... abituati anche tu :)))

      Si scherza ovviamente. Col passare degli anni però ho notato che sarà la stanchezza, saranno i problemi, sarànon so che ci si capisce sempre meno.
      Un bacione!

      Elimina
    2. Esaudisco la tua curiosità: ci siamo sposati il 5 maggio 1963.
      Mai pensato di lasciarci. Io leggo nella sua testa, lei nella mia.
      Noioso? Ma quale? Se pensa solo a me e a quello che combino io dopo oltre mezzo secolo ed io cerco di farla fessa e quindi penso solo a lei come si fa a dire che sia noioso?
      Esilarante, direi. E poi mi basta fingere di sentirmi male per vederla in crisi. Lei a questo trucco non arriva, prché é migliore di me.
      Bacionissimo!

      Elimina
    3. Alla faccia!!!!! 53 anni sono decisamente una vita. E certo che ci si conosce.
      O lei è migliore di te o tu seiun birichino ahahhahaahaha
      Io ne ho due in casa, marito e figlia, che si coalizzano (ridendo) contro di me. Siccome li conosco ormai più che bene non faccio preferenze. Li mando a stendere tutti e due tanto quando hanno bisogno arrivano ahhhaahahhah

      Una volta ogni tanto si potrà anche scherzare? E' sempre così seria questa vita....

      Elimina
  6. Io NON VORREI LE TUE STESSE COSE, Patty!... Che di solito nn mi appartengono, ma l'aver accettato le ferie con mia suocera ha sognificato finirci per intero dentro...

    BUUUUUUUUUUUUUUUUUU

    NON VOGLIO LE FERIE CON MIA SUOCERAAAAAAAAAA

    UCCIDEEEETEEEEEEELAAAAAAAAA

    un abbraccio di solidarietà! :***

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti abbraccio. punto. solidarietà. punto.

      Francesca

      Elimina
    2. REginaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa! Ma che ti è saltato in mente????????????????? Non si fanno queste cose!
      ahhahahahahahahaha
      Ti penserò e mi dirò... non lamentarti che Regina sta peggio di te con la suocerina a fianco ahahhahahahaha

      Elimina
  7. Ciao Pat!
    Io non vorrei aver voglia di scappare quando torno a casa e le cose sono più pesanti di quello che riesco a gestire.
    Non vorrei vivere con affanno e peso le giornate.
    Non vorrei sentirmi sempre inadeguata...
    e la lista è lunga...
    Un abbraccio
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto Effe, la lista è talmente lunga che servirebbe u n anno almeno per scrivere la metà dei non.
      Sai cosa ti dico? Prendiamola così come è tanto... se cmabia peggiora :)
      Bacio

      Elimina
  8. Condivido... a me il "tempo per fare" non basta mai :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sapòessi Glò.... giornate di 72 ore almeno servirebbero.
      Però se mi conosco bene sono così scema che non mi basterebbero nemmeno quelle :))

      Elimina