martedì 5 luglio 2016

Trilogia minuscola


Dal blog di Romina Tamerici http://tamerici-romina.blogspot.it/
ho copiato (ma lei lo sa, eh... ahhahahahahah) l'idea di questo post http://tamerici-romina.blogspot.it/2016/06/200-caratteri-giugno.html

Praticamente, la Romina più famosa dei blog ha scritto una trilogia minuscola composta tra tre racconti da 200 battute l'uno.

I suoi titoli sono:
La dura vita del professionista
Troppo lavoro
O troppo poco

Potevo non farlo anch'io? Giammai... ahahahhahaahhaha
Ma che ve lo dico a fare? Tanto ormai mi conoscete e lo sapete che son fatta così :))
Prendere o lasciare... prendete prendete! Mi raccomando! :P)

Quindi ecco la mia piccola trilogia, modificata ovviamente in base ai miei lavori.

La vita dura della casalinga

Casalinghitudine? No! Non è una malattia di cui soffro. I miei lavori li faccio ma che barba! Sempre le solite cose, giorno dopo giorno. La routine mi uccide. Ho voglia di stimoli nuovi. Un blog!!!


Troppo lavoro

Ora di stimoli ne ho anche troppi. E' il tempo che manca. Ma trovo il modo di rubarlo. Non chiedetemi come. Spesso ci riesco e me ne stupisco da sola.
Certo che la mente esploderà un giorno.
Per ora penso e scrivo.
 
O troppo poco

Ecco! Lo sapevo. Doveva succedere prima o poi. Mille idee che frullano nella testa ma di testa ne ho una sola e di memoria nemmeno quella. Devo scrivere subito o scordo.
Dicevo?.... Ok, faccio pausa!

Myrtilla

8 commenti:

  1. Cara Patrizia, sono qui solo per augurarti una buona e serena giornata.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bacio stella!
      Tu lo sai che sei sempre il benvenuto vero? Smack!

      Elimina
    2. Ci provo come viene viene, che poi è il mio modo di fare ogni cosa.

      La dura vita del professionista.
      Grattatore di ascelle qualificato e raccomandato, a turno con entrambe le mani e con annusatina finale, ma solo per controllare. Alla sera ginnastica distensiva per le punte delle dita quasi atrofizzate dal prolungato sforzo.

      Troppo lavoro.
      Pensato tutto il giorno -nelle pause delle grattatine di ascelle- a come meglio spendere il tempo a disposizione. Una fatica inumana che non auguro a nessuno. Sudato così abbondantemente che ho preferito smettere.

      O troppo poco.
      Effettivamente mi è venuto il sospetto he potessi fare un pochettino di più, ma sarebbe diventato lavoro di massa senza quel quid che contradistingue il guizzo del genio, disteso all'ombra sotto un albero di ciliege che altri hanno raccolto.

      Elimina
    3. ahahahhahhhaaahahah bello Vincenzo! Umoristico.

      ps fare di più? Noooo! Con queta umidità e questa afa.... no non si può! :)

      Elimina
  2. Ma che idea carina ! Ma tu sei brava in queste cose, io son negata e non saprei da che parte incominciare !! Ciaooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio Mirtillo.
      Mi piace scrivere però poi mi butto!!! ahahhahaahahahh
      Diciamo soprattutto che mi diverto tantissimo!
      Ciao!

      Elimina
  3. Risposte
    1. Grazie Romina!
      Alla prossima idea ciaoooo

      Elimina