mercoledì 13 luglio 2016

Viaggiar leggeri






In questo periodo si parla di vacanze e di viaggiare leggeri.
Per andare in ferie si può fare. In fondo, non serve portarsi dietro mezza casa soprattutto se non si hanno bimbi piccoli.
Nella vita invece, viaggiare leggeri non si può.
Tutti ci portiamo appresso bagagli pesanti, fardelli opprimenti fatti di esperienze, prove, confronti. Tribolazioni.
Possiamo al limite metabolizzarli e gettarne l'esubero per far sì che sembrino più leggeri.
Possiamo far sì che questi fardelli ci insegnino e diventino parte integrante di noi, come quel “maledetto” chilo in più
.
Ma per vivere servono spalle robuste, braccia forti, muscoli tonici perché arrivare a questa “leggerezza” è dura. E' difficile. Qualcuno nemmeno ci riesce. E perde il senso del reale.
Però, senza bagagli vuol dire che non si è vissuto. Nè patimenti né godimenti, né prove né confronti. Niente sconfitte e niente vittorie. Nemmeno pareggi.
E che vita è, allora? Come possiamo dire di aver vissuto se continuiamo ad essere intonsi come quando nascemmo?

Non si può giocare nel fango senza sporcarsi la pelle. E la vita a volte è proprio come giocar nel fango. Ci si diverte a ci si insozza.
Mentre togliamo quella mota dalle mani però cerchiamo di capirne il senso. Di darle il giiusto valore. Poi mettiamola in valigia. Magari diventerà davvero più leggera.
Myrtilla

12 commenti:

  1. L'esperienza nella vita aiuta molto.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' quella che ci insegna, se vogliamo imparare :)
      Ciao Vincenzo

      Elimina
  2. ..ecco.. sicuramente sarà più leggera ...
    serenità

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Tissi, se riusciao a trasformare in serenità le nostre esperienze dando loro il giusto peso, sì... leggera!

      Elimina
  3. Cara Patrizia, nella vita specialmente4 se hai la fortuna di vivere ha lungo, l'esperienza che hai avuto, ti fa riflettere e superare ogni cosa...
    Ciao e buona giornata cara amica, con un abbraccio e un sorriso:)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, sì... più si vive e iù si fa esperienza, Tomaso. E' quella che ci insegna, se vogliamo imparare.
      Bacio stella!

      Elimina
  4. Ciao Patricia: considerazioni intriganti le tue! Tempo fa credo di avere scritto qualcosa sui bagagli e sulla zavorra di cui liberarsi... a mio avviso qualcosa va eliminato, sempre, bisogna conservare le cose utili e liberarsi della spazzatura, sennò non si può andare avanti. Un bacio forte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Almeno nasconderlo in dondo a quel vecchio baule da seppellire in soffitta.
      Io però prima dii buttare....

      Elimina
  5. Io sono per il riuso XD Non si butta nulla, si deve cambiare visuale e modo di pensare, attingere dalle brutture per rafforzarci. Vivere non è buttare e nemmeno nascondere, ci vuole pazienza e intelligenza, tutti i pezzi pian piano vanno a ricomporsi. E la vita non sarà mai assenza di problemi, ma noi tutti, col tempo, saremo in grado di affrontarli al meglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Glo, io tengo tutto ben stretto. Purtroppo anche i ricordi che fan soffrire. È vero che fan crescere ma a volte tolgono il sonno.
      senza problemi la vita? Ma ti immagini che noia??? 😉

      Elimina
  6. Un balsamo questo post, Patricia. Brava!!!!
    Mi piace la prospettiva del riuso qui sopra ... in effetti ... da tenere a mente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il riuso di Glo 😊 piace arnche ame, riuscirci petò

      Elimina