venerdì 5 agosto 2016

Il settimino


IL SETTIMINO
di Fabrizio Borgio
Acheron (2016)



Che romanzo ragazzi!
Conoscevo già FABRIZIO BORGIO per aver letto i suoi libri precedenti ma questo è molto diverso.
Questo non è solo un romanzo che tratta di indagini paranormali inerenti il mondo delle tradizioni locali piemontesi. Qui c'è molto di più.
Pur essendo ambientato tra Asti, Torino e Vercelli, pur presentando la figura di questo settimino (bambino nato di 7 mesi) dotato di poteri sovrannaturali incredibili, la storia è molto più complessa. E' più ad ampio respiro. Come se invece di guardare da un piccolo foro si usasse un grandangolo.
Occulto, fantapolitica, trame eversive nere, poteri paralleli a quelli ufficiali, le solite porcate di servitori dello Stato infedeli allo stesso e fedeli solo al loro credo politico e al potere.
In questa giostra complicata, Stefano Drago si trova ad annaspare a volte in indagini sue e non sue. Il DIP, il Dipartimento di Indagini Paranormali della Questura presso cui lavora, è coinvolto in una inchiesta ma non in un'altra. Eppure si incrociano. Eppure, le morti sono collegate da un sottile quanto violento filo che le tiene ben strette. Una matassa difficile da dipanare. Ci riuscirà, alla fine, ma con l'amaro in bocca e in cuore.

In questo suo nuovo romanzo, Fabrizio Borgio si è superato riuscendo a mescolare tradizioni locali ad attualità e a storia di un passato recente, praticamente sconosciuto ai più. Alla gente comune come me e voi.
Solo la grande opera di ricerca che sta alle spalle di questo lavoro (trovate QUI i post sul suo blog) ha permesso a Fabrizio di rendere alla grande gli intrallazzi di cui nessuno parla e che nessuno deve conoscere. E dire intrallazzi è essere buoni perché si è giocato sulla nostra pelle con esperimenti osceni.
Infatti, è questo che mette i brividi più ancora delle scene in cui l'occulto prende il sopravvento.
Ecco! La differenza con i libri precedenti sta qui.
In questo caso, è il sovrannaturale che serve a presentare la politica sporca mentre negli altri erano le indagini che facevano da spalla a strani eventi occulti.
Tutto comunque legato ben stretto da un invisibile filo.
Il pensiero che quanto romanzato da Fabrizio possa essere successo, possa essere stato tentato o eventualmente anche succedere...altro che brividi!

Chiudendo, questo è secondo me il miglior libro di Borgio. Un libro che quando inizi “ti costringe” a portarlo a termine. Devi sapere. Devi capire.
Myrtilla


Con questo post partecipo a 
#ispirazioniandco      #pilloledilettura


12 commenti:

  1. Fabrizio è un grande scrittore. Il mio preferito al momento rimane Masche, sarà per il legame emotivo con l'argomento...
    Ho acquistato Il Settimino ma non l'ho ancora letto e sai perché? Perché preferisco leggere questo tipo di romanzi durante la steagione fredda, tra il buio e la nebbia che creano l'atmosfera giusta per storie simili. Una specie di lettura 3d! :-)
    E pensare che sto letterarlmente friggendo dalla voglia di leggerlo perché sicuramente non sarà una delusione, anzi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, Diego.
      Masche è stato il primo che ho letto poi La voce di Pietra, La morte mormora... questo è un po' diverso ma incolla alle pagine.
      Non resistergli :) Se lhai già in casa leggilo. Veramente merita!
      Delusione?No!!!!!!!!!!!!!

      Elimina
  2. veramente bravo Borgio anche quando si cimenta con una storia complessa ed inquietante.
    Questa volta chiede al lettore uno sforzo in più, andare a ripescare le proprie conoscenze filosofiche e rispolverare un pò del nostro passato prossimo
    Il racconto è avvincente e il ritmo sempre sostenuto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero Flo!
      O, se non si hanno conoscenze ma amiciwie... :))
      Comunque hai ragione. Il ritmo non cala mai e la narrazione scorre via che è un piacere

      Elimina
  3. Risposte
    1. Se link sul nome dell'autore trovi il suo blog.
      I libri di Fabrizio sono un misto di tradizione locale e di storia attuale ma quest'ultimo è più storia di un passato recente che tradizione locale. Diciamo che il sovrannaturale è un gradino sotto alla storia recente anche se ne è strettamente collegato.

      Elimina
  4. Cara Patrizia, è un piacere sentire, che ti piacciono certi romanzi, ciò vuol dire che sei una romantica, sentimentale!!!
    Ciao e buona giornata cara amica, con un abbraccio e un sorriso:)
    Tomaso

    RispondiElimina
  5. Lo leggerò, sicuramente *_*

    RispondiElimina
  6. Eccomi, finalmente, Patricia. Questo post meritava decisamente la raccolta.
    Un ottimo suggerimento, grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credimi.. merita anche molto di più il libro

      Elimina