giovedì 18 agosto 2016

La fine e il principio


Ho smesso di chiedermi che ci faccio qui. L’ho fatto da quando ho iniziato a muovere i primi passi fino a poco fa. Ora, non mi serve più domandamelo.
Son qui perché ho finito il mio percorso di vita.
Ma quando giunge la fine c’è sempre un nuovo inizio. Conta solo questo.
La mia fine e il mio inizio sono qui, in questo posto. Un cimitero per vecchiette come me. Qui morirò e nel contempo rinascerò. Varie mie parti serviranno ad altre. Quelle in buono stato almeno.
E con un sospiro rassegnato, la vecchia auto entrò nel cortile dello sfasciacarrozze.
Myrtilla



29 commenti:

  1. Risposte
    1. ahahahahhaha sì! Un semplice raccontino :)
      Ciaoooo

      Elimina
  2. Cara Patrizia, sembra quasi impossibile, ma tu sai trovare sempre i argomenti di grande interesse. Ciao e buona giornata cara amica,con un abbraccio e un sorriso:)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie stella.
      E' un piccolo racconto che mi frullava in testa da un po'. Mi mancava solo un finale... ad effetto.
      Bacioooooooooooooo

      Elimina
  3. Risposte
    1. Grazie Romina. Detto da te vale il triplo!

      Elimina
  4. Parole che fanno riflettere.
    Serena giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che sì, il raccontino è semplice. Un'automobile che finisce dallo sfasciacarrozze però... però in senso metaforico anche noi ad un certo punto ci dobbiamo finire anche se ha un nome diverso. E come per l'auto anche i nostri pezzi di ricambio se in buono stato possono ancora servire ad altri.
      Buona giornata a te!

      Elimina
  5. Risposte
    1. O siamo noi che la vediamo? Non so dirti io però con la mia macchinina ci parlo.... :))

      Elimina
    2. Io parlo con la mia moto. Una volta da ragazzo ho dovuto comunicare al mio Suzuki che saremmo rimasti soli, che non potevamo più permetterci la fidanzata.

      Elimina
    3. ahahahahahahahahahahhaahha
      io parlo con Sibilla... la mia computerina ahhaahhahaha

      Elimina
  6. Risposte
    1. ahahahahhhaahahhahahahahaha
      Ti ho spiazzato??? Allora il finale ha funzionato ahahhaahah

      Elimina
  7. Ma che bella! Per me anche gli oggetti hanno un cuore.
    Ciao ciao
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sinforosa.
      Ti rispondo come ho risposto a Ferruccio sopra. O siamo noi che lo vediamo? Non so però ai nostri oggetti ci affezioniamo. Sarà quello che ce li fa vedere come una sorta di amici
      Ciaoooo

      Elimina
  8. Davvero molto carino. Sarà un pochino sciocco, ma capita di affezionarmi ad alcuni oggetti. Buon pomeriggio. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io Iara. Non dirlo a nessuno maci parlo pure a volte :)
      Buonaserata :*)

      Elimina
  9. Raccontino, ma con un messaggio assai importante! Molte persone non vogliono sentire parlare della donazione degli organi, penso per una forma di tabù e paura. Mi sono iscritta all'Aido poco dopo aver compiuto diciotto anni: una delle cose migliori che abbia mai fatto, anche per un senso di responsabilizzazione ed emancipazione all'epoca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Temo che ci sia ancora troppo pregiudizio in proposito, sai... e se mi capitasse di dover ricevere un organo malato? E se mi credessero morto quando invece....
      Ci vorrebbe molta più pubblicità alla cosa e soprattutto molta più informazione chiara e precisa.
      Bacio stella!

      Elimina
  10. Per un attimo ho temuto che parlavi di te!!! Ah, ah !! Carino!! Ciaoo

    RispondiElimina
  11. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  12. senti Pat ma ciai sta macchina ??? un po tetra ne??? veramente a me m'era preso un colpo ... ma da te c'è da aspettarsi di tutto ... bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma nooooo! Mi pare un carro funebre!!! brrrrr
      HAHAHHAAHAHAHAHHAH ho fregato anche te? Bene!!!!!! Racconto riuscito allora :)
      ahahaahhahahahahahahah

      Elimina