mercoledì 17 agosto 2016

Lampi di luce



 

Esplosioni. Flash luminosi. Nessun rumore, solo luce.
Nella mia testa una successione continua di lampi colorati.
C’era quel tipo, quello coi baffi strani…
come si chiamava? Non ricordo il nome. Beh.. lui aveva i periodi colorati. Lo so perché lo avevo studiato a scuola. C’era quello blu. Anche quello rosso mi pare.
Io invece ho questi periodi di luce. Come bombe accecanti, stordenti o come diavolo si chiamano. Dieci dodici giorni consecutivi e poi un po’ di tregua. Prima. Ora anche sei giorni. No! Che dico? Sei sono meno di dodici, vero? Non lo so più.
E pensare che una volta lo sapevo. Adesso invece… ma è colpa delle luci. Mi confondono.
Mescolano tutto quello che ho nella testa e ne viene fuori un guazzabuglio incredibile.
Colori colori colori… solo colori. Ma che importa? I numeri tanto non mi servono mica per quello che faccio”.
Si guardò attorno. Una dozzina di secchi di pittura colorata in tinte diverse. Scelse quella verde. Vi immerse una ciotola. La riempì, prese la mira come un cecchino e la lanciò contro la tela.
Centro!” esclamò soddisfatto.
Myrtilla

17 commenti:

  1. questo è + o - quello che sento io quando prendo in mano i colori e pennelli ...ahhh e fare quello che hai descritto tu(la ciotola) sembra facile farlo ma non lo è ...
    bravissima ;)) bella descrizione barava come sempre con le parole
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tissi, io col pennello do soltanto la tinta alle pareti. Per il resto sono la negazione assoluta!
      Ecco.. diciamo che nella mia ciotola ci sono le parole 😊
      Grazie! Bacio

      Elimina
  2. wow!!! un applauso per questo meraviglioso post

    RispondiElimina
  3. Cara Patrizia, questi lampi di ricordi di un bel passato ti riporta indietro nel tempo...
    Ciao e buona giornata cara mica, con un abbraccio e un sorriso:)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero Tomaso. E con un sorriso.
      Bacio

      Elimina
  4. Questi tuoi lampi di luce mi inquietano un po'. Assomigliano alle stelline fluorescenti che a volte vedi attorno agli occhi e che non ti fanno mettere a fuoco le immagini. Nooo... ai lampi di luce.
    Bel post. Ciao ciao
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no,Sinforosa. 😊
      Sono lampi di genialità di un pittore..strambo!

      Elimina
    2. Ma no,Sinforosa. 😊
      Sono lampi di genialità di un pittore..strambo!

      Elimina
    3. Vedi come è soggettiva l'interpretazione delle parole?
      Ciao carissima
      sinforosa

      Elimina
    4. E' solo perchè per fortuna non siamo tutti uguali :)
      Ciaoooo

      Elimina
  5. Il lancio della pittura su tela non è poi così facile e scontato ma è terribilmente liberatorio :D
    Posso dirlo perché l'ho fatto!
    Ancora più divertente sul muro ;)
    Bel mini racconto Pat.
    Oggi lampi di luce anche per me ^-^
    Baci Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahhahahahah io non c ho mai provato... con la tinta. Una volta che ero particolarmente inca****ta ho lanciato una pesca contro il muro.
      Mai più!!! Dopo ho dovuto prendere la scala e pulire..che schifezza era venuto fuori ahahhahahahahahahaha
      Bacio stella

      Elimina
    2. Ah ah ah ... anche tu! Si sa che le macchie di pesca sono le più difficili da togliere! :D
      Non ho mai tirato il cibo neanche quando non mi piaceva; da arrabbiata faccio tutt'altro. Bacio

      Elimina
    3. Solo quellavolta, Marina. Pulire è stata dura 😊

      Elimina
  6. Bellissime parole davvero complimenti!

    http://dolphincreations.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laura,
      grazie infinite. Ho fatto una visita al tuo blog Mamma mia! Non ti manca la fantasia e nemmeno la capacità!!!
      Bravissima!

      Elimina