sabato 24 settembre 2016

Monet... chi era costui?

#ispirazioni and co
#monet








Come diceva il buon vecchio Abbondio? Monet.. chi era costui?
No! Forse all’epoca Monet non esisteva ancora e comunque il don non lo avrebbe conosciuto. Meglio parlare di Carneade...
Va beh! Tanto è la stessa cosa. Cambierà il nome ma la sostanza è la stessa.
Come per me.

Le Comari di Ispirazioni and Co vogliono che parli di Monet. Oh, boia fauss! E che posso dire? Ci ho già anche provato ma è venuto fuori un pastrocchio unico.
Però, insistono… :)
Uhm… Monet...Monet… pittore impressionista di origine... nato a….. il…., morto a…. il ……
Sì! Mancano solo i dati di tutti i suoi avi a partire dai genitori e tornare indietro e poi potrei benissimo fare la concorrenza all’ispettore Fazio che fa inalberare Montalbano con la sua sindrome dell’anagrafe. Ahhahahaha
Lasciamo stare. Cambiamo genere. Altrimenti chi la sente il chief in command, la… maga Squittix? :)

Monet...anagramma di Monte.
Sai che roba! E allora? Un raccontino? Un acronimo?

M onet
O nirica
N otturna
E spressione
T …..

Orribile!

Un raccontino a questo punto… dai, provaci Patri.

La mostra di Monet

Sul manifesto pubblicitario appeso per tutta la città parlavano del Re dell’Impressionismo. Dell’esperienza più pura dell’arte.
E lei si era lasciata tentare. Aveva comperato il biglietto (e pure caro era!) ed era entrata. Era stata la prima visitatrice come se morisse dalla voglia di vedere l’esposizione.
Il fatto che fosse in città presto e non avesse voglia di tornare a casa per dover di nuovo uscire solo per delle tele nessuno lo sapeva. Tanto a chi poteva fregare?
Comunque era entrata ed aveva iniziato il suo giro.
Belli! Indubbiamente belli. Realistici. Forse… sì, forse davano anche un’idea di pace.
C’era in essi qualcosa di aulico che le faceva ricordare quella campagna del nord della Francia che aveva visitato tanti anni prima.
Ad esempio quel campo di papaveri…. Quelle macchie rosse che parevano bucare il verde di un pavimento mosso dal vento…. Le nuvole biancastre in cielo che paevano correre.. e gli alberi sullo sfondo… scuri come in ombra… e le due befane che avanzavano nel prato tra l’erba e i papaveri.
Un fruscio di sete pesanti e ingombranti. I movimenti difficili dalla gonna lunga fino a terra.L’erba le solleticava le caviglie, i piedi stretti in scarpe strane… l’odore di erba fresca, di fiori… il leggero vento sulle guance…
Non può andare più avanti di così! Non vede i nastri?” si sentì chiedere bruscamente e sobbalzò.
Scusandosi arretrò di un metro.
Sul pavimento rimasero fili d’erba e petali di papavero.
Myrtilla






Immagine fotografata sul libro
GLI IMPRESSIONISTI -
MONDADORI
Anno 1961

PS sotto ci sono il mio divano e la mia vecchia agenda ma voi non fateci caso... sorvolate!!!
ahahahahha

22 commenti:

  1. Sorvoliamo, sorvoliamo... ammetti però che l'hai fatto apposta per farci vedere che bel divano che hai ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mannaggia, Ivano... e io che speravo mi diceste te ne regaliamo uno nuovo!!!!
      Ma poi, in fondo ha soltanto 32 anni...nemmeno ancora compiuti. Praticamente quasi nuovo ahahhaahhahh

      Elimina
  2. Risposte
    1. Hai presente quando ti dicono di parlare di una cosa che tu non conosci? Ecco! Io di arte.... :)

      Elimina
  3. Cara Patrizia, sono qui per augurarti, un buon fine settimana con tanta tranquillità.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao carissimo. Un bacione enorme! Buon fine settimana

      Elimina
  4. Sono una grande ammiratrice di Monet, la sua pittura ha per me qualcosa di coinvolgente, mi piacciono i toni, le delicatezze delle sue tele, la sua capacità di cogliere la luce....comunque a parte questa premessa complimenti per il tuo racconto, mi è piaciuto la tua disilvoltura, e la capacità di tratteggiare alcune tele di Monet. Ciao Stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Stefyp
      Io di arte capisco proprio nulla. Posso dire mi piace, non mi piace. Altro però....
      Ciao e buon fine settimana

      Elimina
  5. "Impressionata" da Monet! Brava ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AHAHAHAHHAHA sì, come su una pellicola fotografica
      Bacio!

      Elimina
  6. La sua pittura trasmette grandi sensazioni.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo proprio di s, Vincenzo.
      Buona domenica

      Elimina
  7. L'arte non necessariamente deve passare per sublimi dissertazioni, perché è un patrimonio di tutti, basta che susciti emozioni. Per i grandi approfondimenti ci sono i manuali ;)
    Quindi... il post è assai divertente, soprattutto sul finale col raccontino... e le due befane XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso proprio di sì, Glò. Non possiamo essere tutti esperti.
      Il fatto è che viaggiamo su due treni diversi la pittura ed io.
      Ho cercato di metterla sull'ironico proprio perchè mi conosco e so quanto sia ignorante in materia e che la voglia di scoprirne di più, soprattutto ora, sia meno che zero.
      E' una di quelle arti di cui mi dimentico facilmente :)
      Le befane... una potrei essere io ma l'altra??????? HHAAHAH

      Elimina
    2. Eccomiiiiii! Son l'altra!!! ^_^

      Elimina
    3. AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHHAAHHAH che bella coppia!!!!

      Elimina
  8. Concordo con Glo'. E poi Pat che vuoi diventare mica come Sgarbi?
    Sei stata brava invece, e il racconto è divertente ^-^
    Un bacione
    Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marina Zanotta, noooooooooooooooooo!!!!
      Sapessi dove mi sta Sgarbi!
      Prendetela come uno scherzo tanto per fare un post.
      Mai vorrei incorrere in una fattura della Squittix ahahahahahaha
      Bacio stella

      Elimina
  9. Fantastica Pat! Grazie, grazie, grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma va, Barbara! ahhahhaahahhaahahh
      Ho paciugato in qualche maniera! :)
      Bacio!

      Elimina
  10. Ma lo vedi che, a forza di rompere, siam riuscite ad ottenere un risultato?
    Brava, davvero.
    In fondo, come dicono sopra, non occorre essere Sgarbi. E se hai scritto questo racconto, il quadro, in qualche modo, ha suscitato qualcosa, o no?
    In fondo questo è lo scopo dell'arte, questa è anche l'ispirazione!
    Ottimo lavoro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa volta mi rompe REgina visto che è lei che mi ha dato l'idea di un raccontino.... ahahahahahh

      Sgarbi no, eh.... non vi parlo più!!!!!!!!!!!!!!!! ptrrrrrr

      Elimina