mercoledì 21 settembre 2016

Rapporto impari

Un rapporto impari? Volete un esempio?
Quello tra noi e i ricordi.
Quello che pesa non è tanto il rapporto che noi abbiamo coi ricordi bensì l'opposto. Quello che i ricordi hanno con noi.
A volte, sanno essere infingardi, i ricordi. Crudeli. Tosti. Appaiono e scompaiono a loro piacimento senza chiedere il permesso a nessuno. Son prepotenti e se si accorgono che sono forti più di noi, ci stracciano. Noi soccombiamo, cediamo alla loro pressione e torniamo a soffrire.

Buttarli non si può perchè sono parte integranti del nostro essere ma a volte bisognerebbe riuscire a vincere anche la guerra contro di loro e non solo una battaglia. Fare in modo che se ne stiano buoni buoni nella loro scatola come quelle scarpe che abbiamo comperato e mai usato perchè ci facevano male ai piedi.
Ecco! Scarpe che teniamo lì, non si sa mai... ma che tanto sappiamo non indosseremo più.
Myrtilla

26 commenti:

  1. cerco di non essere vittima dei ricordi ma loro si vendicano e tornano nei sogni, trasformati a volte più brutti e crudeli, mi sfidano a farsi riconoscere e al mattino dopo.......tanta tristezza
    flora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, Flora, esserne vittima assolutamente no. Non si può vivere nel passato. Bisogna lasciarlo libero di andarsene.
      Certo che non sempre comandiamo noi. A volte, appunto, questo passato torna come ricordo e può far ancora tanto male.

      Elimina
  2. A proposito di ricordi. Ho visto un bell'episodio di Black Mirror (una serie che ti consiglio caldamente perché tanto ha episodi autoconclusivi che puoi vedere totalmente a caso) in cui si mostrava un mondo in cui quasi tutti hanno un cip dietro l'orecchio che registra tutto ciò che si vede. La cosa bella è che puoi riguardarti e condividere ogni momento vissuto come e quanto vuoi. Un modo di trattare la propria memoria tutto diverso.

    Il titolo della puntata è Ricordi Pericolosi. Consigliatissima! ;)

    CervelloBacato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao DAvide, grazie dell'informazione. Cercherò la puntata che dici.
      Poter rivedere il nosro passato. Può anche essere piacevole resta però un'arma a doppio taglio.. Certe situazioni, col passar degli anni le vivremmo diversamente.
      Può far bene? Può far male? E chissà. Dipende da ognuno di noi.
      Ciao fanciullo!

      Elimina
  3. Cara Patrizia, tu lo sai che io vivo molto di ricordi, se non avessi quelli, dove sarebbe la mia vita!!! Ciao e buona giornata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tomaso, senza ricordi non si può stare. Siamo noi i nostri ricordi. Siamo quello abbiamo imparato e conosciuto e se nnon avessimo ricordi ce ne dimenticheremmo.
      Un bacione!

      Elimina
  4. Tutto il mio essere è permeato di ricordi, non perché io viva nel passato, ma sicuramente perché le cose che hanno influito nella tua vita in qualche modo condizionano il presente. C'è poco da fare. Riflessioni molto belle le tue, mia cara Patri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, Max.
      Come ho risposto a Tomaso e a Flo non si deve vivere di ricordi ma siccome sono una parte troppo importante di noi dobbiamo mantenerli vivi. Dormienti magari perchè non diventino assillanti ma vivi
      Bacio!

      Elimina
  5. E i falsi ricordi? Quando credi di aver vissuto una cosa e invece no. Oppure i ricordi che si sono impastati tanto col tempo da avere i contorni sbiaditi e confusi. Una tortura. Ho sempre preferito ricordare bene... ma ora si comincia a fare i conti con il tempo che passa e confonde.
    un abbraccio
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tempo che passa e confonde... conosco purtroppo!
      Ti sembra di aver visto, detto, fatto e invece il tempo ha scolorito quelle immagine, sbiadito quelle sensazioni.
      Per questo scrivo. Proprio per fregare la memoria prima che lei Francesca

      Elimina
  6. Condivido in pieno quello che dici ma .. è difficile tenerli nella scatola, spesso ci s-travolgono senza ritegno :D
    Baci.
    Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marina.
      Sì, sanno essere veramente crudeli i ricordi e più parlano di cose ed eventi dolorosi e più vivi si fanno sentire.
      E sempre quando decidono loro. Vale a dire quando noi non siamo pronti.
      Bacio

      Elimina
  7. I ricordi sono una parte imprescindibile del mio essere, a volte mi avvelenano l'esistenza altre volte mi addolciscono la giornata però proprio non riuscirei mai a farne a meno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non possiamo farne a meno, Nick. Sono dentro di noi... sono quel noi che ha vissuto sulla sua pelle determinate situazioni.
      Vero che a volte sono malinconici, a volte struggenti, o dolci. Altre invece sono come pugnalate che tornano a far sanguinare.
      Buon pomeriggio Nick

      Elimina
  8. E' vero sai quello che scrivi.
    I ricordi sono una parte di noi, a volte sono piacevoli ... nel mio caso di rei la maggior parte, altri sono piacevoli ma tristi al tempo stesso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già! Ad esempio se si parla di mio papà e son trent'anni quest'anno che non c'è più, i ricordi sono dolci e malinconici.
      Di quella tristezza fatta di tenerezza e affetto.
      Se parlo di altre persone... grrrrr.. megli che non le veda più!

      Elimina
  9. I miei ricordi fluiscono liberi e arrivano quando meno me li aspetto.
    Basta nulla, un profumo, la sensazione di avere già vissuto quel momento, una piccola parola, uno sguardo che ricordo di avere già visto.
    Non riuscirei a tenerli chiusi in una scatola ( igurarsi non lo faccio con le mie scarpe ahahah), ma li sostengo. Fanno parte di me, di quello che sono ora.
    A volte sono pesanti, ma lascio passare il tempo della durezza fino a quando non si scioglie in malinconia.
    E allora posso farli tornare a riposare. Fino alla prossima volta che busseranno forte. E io aprirò la porta perché non posso fare altro.
    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella l'idea dei ricordi che riposano!
      Comunque sì, basta un nonnulla per riportarli in mente. Anche solo una nuvola in cielo che ti ricorda di quella volta in cui...
      Non vanno mai buttati. Siamo fatti anche di ricordi. Li abbiamo perchè abbiamo vissuto, conosciuto, imparato, sbagliato...
      Alcuni vorresti che non tornassero più ma come scrivi tu, quando bussano dobbiamo farli accomodare per forza.
      Ciaoooo

      Elimina
  10. Ma quando i ricordi rapportano solo immagini e parole anziché emozioni, possiamo dire che abbiamo decisamente dimenticato i ricordi.

    podi-.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che così sono monchi. Privi di una parte fondamentale.
      Forse non erano ricordi così importanti o di cose che ci hanno segnato troppo se ne perdiamo i pezzi.
      E' anche vero che il tempo li può modificare, renderli più sfumati, magari meno dolorosi Qualcosa però quando tornano lo fanno rivivere

      Elimina
  11. I miei ricordi diventano quasi sempre sogni, molto spesso incubi notturni. Sembra che mi aspettino appostati dietro l'angolo. Del resto, i ricordi sono ciò che sono stata, ciò che ho vissuto, sono parte di me. Non ho nemmeno voglia, alla fini fine, di liberarmene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Liberarsene giammai! Perderemmo una parte importante di noi.
      Se quelli dolorosi se ne stessero più tranquilli, magari... non sarebbe male.
      Soprattutto se bussassero prima di arrivare invece di presentarsi e chiedere permesso quando sono già seduti in poltrona... :)

      Elimina
  12. I ricordi per me sono preziosissimi e mi auguro di non perdere mai la memoria. Molte persone sono sempre presenti nell'assenza grazie ai ricordi, una grande consolazione. Spesso anche supporto e aiuto nella crescita personale, devo riconoscere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Presenti nell'assenza.. che grande verità hai detto Glò.
      In molti casi, con certe patologie, è proprio l'unico modo che le persone soprattutto anziane hanno per sentirsi ancora vive.
      Il problema sorge per gli altri che non sanno più stabilire dove finisce il ricordo e dove inizia l'allucinazione, la fantasia... l'irrealtà.
      Come quando nel 2016 si vedono i nazisti fare rastrellamenti nel corridoio della casa di riposo e si cerca di scappare dal letto parlando tedesco (???) per non farsi arrestare...
      Lasciamo perdere...ultimamente non ci sono nemmeno più quelli.
      Comunque sì, sono preziosissimi. Dimostrano che abbiamo vissuto, fatto, disfatto, sbagliato, conosciuto...
      Sono "l'agenda personale" del nostro passato.

      Elimina
  13. Piacevoli o meno belli, sono sempre ricordi e bagaglio d'esperienza della nostra vita.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Vincenzo. Il nostro bagaglio anche se a volte diventa veramente pesante da spostare
      Buon pomeriggio

      Elimina