mercoledì 16 novembre 2016

Al ristorante


Il ristorante era bello. Elegante ma senza strafare.
Gliene avevano parlato bene. Un po’ lento il servizio le avevano detto ma valeva la pena aspettare qualche minuto di troppo.
Ora, seduta al suo tavolo, si guardava intorno curiosa.
Partendo dalla sua destra c’era una coppia di mezza età, marito e moglie indubbiamente. Mangiavano quasi senza parlarsi.
Due uomini soli ognuno al suo tavolo, le valigette appoggiate sulla sedia vuota. Giacca e cravatta. Eleganti. Uomini d’affari senz’altro.
Un’altra coppia però anziana. Lei parlava Ia raffica e lui annuiva col capo continuando a mangiare. In automatico, come solo una lunga esperienza permette di fare. A parte questa differenza, erano la fotocopia l’uno dell’altra. Entrambi con gli ochiali di tartaruga. Capelli bianchi corti, abito grigio lui, tailleur a pantaloni grigio lei. Almeno quarant’anni di matrimonio.
Di interessante c’era solo la coppia al tavolo lungo la parete verso la strada.
Lui capelli bianchi, occhiali, distinto. Anziano, decisamente anziano.
Lei giovane, carina, capelli lunghi biondi, ben truccata, in jeans bianchi e camicetta a fiori. Sui venticinque, trenta. No! Meno di trenta di sicuro.
Molto espansiva questo sì. Troppo. Mangiando continuava ad accarezzare la mano dell’uomo. A volte anche il volto gli accarezzava, tra un sorriso e l’altro. E parlava, lei, perché lui continuava a sorridere e ad annuire e solo ogni tanto riusciva ad intromettersi nella conversazione quasi a senso unico.
Scosse la testa. “Queste ragazze! Per due soldi si buttano via”.
Certo.. il vecchio era distinto, anche un bell’uomo, tipo signore d’altri tempi, ma da quello ad andargli a letto assieme…
Mah.. certe cose non cambiano mai!”
Vide il cameriere portare il conto. Vide lei impedire a lui di mettere mano al portafogli, aprire la borsa e tirare fuori la carta di credito.
Uno gigolo? A quell’età?” si domandò.
La vide portarsi dietro all’uomo e trafficare con la sedia.
Mentre le passava accanto spingendo la sedia a rotelle a sentì dire: - Che bell’ora! Sono così contenta di aver potuto stare sola con te un po’ come facevamo quando mi portavi alle giostre… ricordi, nonno? Ora posso ripartire per l’America felice!
Myrtilla



25 commenti:

  1. Bello!
    ...pregavo perche la storia finisse così.

    podi-.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me non poteva finire diversamente, Carlos.
      Io odio i giudizi affrettati. I giudizi in genere soprattutto sulla vita privata.
      Ola!

      Elimina
  2. Risposte
    1. Da evitare come la peste, Serena, vero?

      Elimina
  3. L'apparenza spesso inganna... Bel racconto...
    Sono felice quando riesco a leggerti...
    Baci Patri!!!

    Maira

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao stellina! E' sempre un piacere ritrovarti ma tu, quando torni sul serio, per fermarti sul tuo blog?
      Bacio stella

      Elimina
    2. Forse mai... non so perché, ma mi manca proprio la voglia... ho conosciuto un sacco di belle persone, ma ora mi limito a leggere e commentare quando posso.
      E' brutto da dire, ma davvero è come se il blog non fosse più nemmeno mio.

      Maira

      Elimina
    3. Capita Maira. Ci sono momenti così. Di stanca e disamore.
      Passerà? Forse... per noi lo spero. Per te... tu devi fare quello che ritieni vada bene per te.
      Bacio gioia

      Elimina
  4. Bellissimo racconto, cara Patrizia, tu dai sempre una vera impronta, in ogni tuo post!!!
    Ciao e buona giornata con un forte abbraccio cara mica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  5. 'L'apparenza inganna', com'è vero!Bello , brava :)))
    Mara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mara. :)
      Soprattutto mi piacerebbe che prima di giudicare per stereotipi si cercasse di capire qualcosa di più delle persone in questione. Poi, se non si giudica è ancora meglio
      Ciao e grazie!!

      Elimina
  6. Insomma, si è zoccole solo in apparenza. In realtà si è italo-americane XD
    Bel racconto ;)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh,, sì, Miki prrrrrrr
      Diciamo che il mio intento era un altro :) Guardare oltre le apparenze. Almeno, cercare di farlo.
      Ciaoooooo e grazie!

      Elimina
  7. Mai giudicare dalle apparenze. Bello.
    Buona serata.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai giudicare in primis Sinforosa. Dalle apparenze poi anche meno
      Buon pomeriggio

      Elimina
  8. Ahahah è davvero solo un racconto!
    Brava!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mariella!
      Sì, solo un racconto ma n on credo che si discosti poi molto dalla realtà purtroppo

      Elimina
  9. Molto bellino, ma son morta dalle risate leggendo la serie di commenti culminanti col Moz Pensiero XD

    Però è vero che tendiamo a vedere quello che vogliamo! Siamo tutti portati a considerare da un solo punto di vista ciò che non conosciamo affatto ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, sì! I pregiudizi hecchè se ne dica son sempre duri a morire...
      Mozzino lasciamolo stare. E' unico! :)

      Elimina
  10. siamo proprio vittime dei pregiudizi, ci hai raccontato una bella storia e invitato ad aprire bene gli occhi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Flo, purtroppo è così per tutti. Prima o poi,, di più o di meno, tutti cadiamo in errore.
      Buon pomeriggio

      Elimina
  11. NONNO, avevo immaginato che fosse il nonno.
    Per fortuna il finale era proprio così.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nonvolevo farlo finire diversamente. Odio i pregiudizi

      Elimina