lunedì 21 novembre 2016

Partenza

Faceva freddo fuori. Infilò cappotto, cappello, sciarpa, guanti,  un paio di stivali comodi ed uscì.
Mani in tasca. La sua meta era la stazione.
C'era poca gente quando ci arrivò ma era normale. Era appena l'alba. Il grande flusso di viaggiatori si sarebbe avuto un paio di ore dopo.
Guardò l'orario dietro al vetro sporco.  Bene! Nessun treno in arrivo  o in transito per almeno un'ora.
Si diresse ai binari. Percorse la banchina fino in fondo in direzione sud. Al termine della lunga striscia di cemento, nell'ultimo bidoncino dell'immondizia gettò portafogli documenti cellulare.
Scese e proseguì camminando sulle traversine. Aveva bisogno di aria.
Myrtilla


https://pixabay.com/en/railway-railroad-tracks-train-tracks-1245906/

19 commenti:

  1. bello...mi piace il finale aperto ...
    ma poi dove va ??? ;)))
    allora ti decidi a pubblicare questi racconti brevi ?...son bellissimi
    serena settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se fosse Patricia, un posto abbastanza lontano da non trovarsi i soliti noti davanti con la fatidica frase... passavo di qui.. 😊
      Ovviamente non mi riferisco ai blogger che conosco. Persone in carne e ossa.

      Pubblicare... quando riuscirò a respirare con calma... chissà!
      Buona giornata a te!

      Elimina
  2. Aveva bisogno di (cambiare) aria :p

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già! Chissà se è autobiografico.... 🤔😆
      Ciao bello!

      Elimina
    2. Ahaha, ce lo svelerai?^^
      Io intanto chiamo Chi l'ha visto? :p

      Moz-

      Elimina
  3. una volta sola nella mia vita sono stata tentata di fare più o meno la stessa cosa ... ma poi ci ho ripensato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io minaccio minaccio minaccio .... poi, però, perdo sempre il treno per Saturno :)

      Elimina
  4. Ma quanto mi piace, quasi quasi lo faccio anche io.
    Ciao Patricia, un bacio !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di scappare???? Dopo il calendario dell'avvento, però ahahhaha
      magari partiamo insieme :)
      Bacio a te!

      Elimina
  5. Il finale è bellissimo, totalmente aperto e poetico. :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Nick!
      Sapessi in certi momenti che voglia......

      Elimina
  6. Bisognerebbe trovare il coraggio di farlo, prima o poi...

    RispondiElimina
  7. Io il treno l'ho preso a 29 anni (come ti ho scritto su Google+) però non ho buttato via nè il portafoglio nè i documenti. Il cellulare ehm mai avuto neanche oggi...(su questo sono rimasta indietro ma finora non me ne sono pentita) Baciobacio bella amica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho perso all'epoca e ormai non passa più....
      Sì, a 24 anni (quasi) sono uscita di casa perchè mi sono sposata ed è già stato un bel salto, un bello stacco.
      L'educazione però, quei sensi di colpa di cui ti parlavo sono venuti con me, A volte li bastono a volta vincono loro.
      Ciao stella

      Elimina
  8. Quante volte l'ho fatto da bambina e come mi piaceva.
    Bacio.

    RispondiElimina
  9. Il raccontino mi piace molto! Tentazione eccome! :D
    A volte basterebbe poter "cambiare aria" rispetto alla routine, senza drastiche partenze... ma spesso non è possibile o è parecchio complicato :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Complicato? Utopia, direi.
      Che faccio? Scappo e mollo le mie due nonne a marito e figlia? La tentazione c'è, eccome, ma quei due poi vengono a riprendermi per i capelli ahahahhah
      E ridiamo per non piangere. Ho già di nuovo urlato stamattina.. ufff

      Elimina