venerdì 16 dicembre 2016

La potenza della nebbia


Che potenza la nebbia!
Attutisce i rumori rendendoli sussurri appena pronunciati. Rombi biascicati da leone afono.
Rende evanescenti le figure. Alberi appena disegnati, vallate senza fondo, colline all’orizzonte sbiadite come fantasmi anemici.
Riempie gli spazi. Si insinua in ogni anfratto e ne diventa padrona. Strisciante come denso gas .
Non esiste più il vuoto con la nebbia. Ogni angolino per nascosto che sia è di sua proprietà. Invadente e invasiva prende possesso di ogni angolo di mondo e racchiude dentro di sé l’universo intero, come bozzolo di farfalla.

C’è solo un vuoto che non riesce a raggiungere, che le impedisce l’ingresso. E’ quello del cuore. Lì, non può entrare. La porta è sprangata.
E pensare che sarebbe ben accetta. Caccerebbe il dolore e porterebbe l’oblio e con l’oblio, la pace.
Myrtilla



21 commenti:

  1. Del cuore affranto non si incarica la nebbia ma il tempo.

    podi-.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parole sacrosante Carlos!
      Noi diciamo che il tempo è galantuomo e fa passare il dolore. Peccato che come esseri umani non abbiamo la pazienza di lasciarlo trascorrere.
      Un bacio Carlos

      Elimina
  2. Un abbraccio forte e caldo per allontanare tristezza e affanni, almeno per un istante.
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Accettato,goduto e ricambiato stella.
      Bacio a te

      Elimina
  3. Buongiorno Pat,
    non ci crederai, ma sto tornando proprio dalla nebbia, ovvero dalla profonda
    e uggiosa Padania, ove mi sono trattenuto una decina di giorni.
    Non immagini quale impresa sia stata guidare per quelle strade, senza riuscire a vedere quasi nulla.
    Ho apprezzato molto il tuo brano, ma su una cosa mi permetto di eccepire, sul fatto che la nebbia non possa penetrare nel cuore; lo fa eccome, gentile amica, tant'è che i parenti che vivono su, in questi giorni, sono abbastanza tristi.
    Un cordiale saluto e a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao carissimo,hai ragione anche tu.Lanebbia penetra anche nel cuore. Non è umida come quella ambientale ma è così gelida da farci perdere la sensibilità nei confronti di tuto il resto. A volte ci rende egoisti e ci fa vedere solo il nostro dolore.
      Bacio a te e auguri di buon compleanno perchè mi pare di aver letto qualcosa del genere sul web 😊

      Ps la padania è un'invenzione. Non esiste come regione 😆😆😆

      Elimina
  4. Sarò fatto male io ma mi sa che sono l'unico meridionale a cui piace la nbebia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nick, amico mio, te l'ho già detto che le cicogne che hanno consegnato noi due hanno invertito gli indirizzi 😊
      Tu ami nebbia e neve e sei napoletano, io il sole e il caldo e son piemontese

      Elimina
  5. Un saluto in fratta, cara Patrizia. La nebbia la ho vissuta nella gioventù, oggi qui da noi si vede poche volte. Ciao e buona giornata cara amica con un forte abbraccio.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tomaso, qui ce n'è parecchia in questi giorni.
      Bacio

      Elimina
  6. Anche la nebbia ha il suo fascino.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  7. Tu lo sai che adoro la nebbia, adoro il grigiore, adoro questo periodo dell'anno che va dalla fine di settembre alla fine di dicembre. La nebbia è illusione.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so, contrariamente a me 😊
      Illusione però sì. E da illusionista ti lascia immaginare anche quello che non c'è

      Elimina
  8. Quanto mi piace leggerti cara Patricia.
    E l'odore della nebbia??? Sempre lo stesso, dappertutto.
    In questi giorni ogni tanto si fa vedere anche qui, il che è insolito.
    A presto. =)
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Dani, l'odore.... di freddo, umido... preferisco il profumo della primavera. Germogli, fiori,nuova vita
      Bacio

      Elimina
  9. E' vero che la nebbia riempie ogni spazio vuoto, tranne il posto vuoto nel cuore. Io non amo molto la nebbia, a causa sua, ho avuto un incidente con la macchina anni fa. Nessuna grave conseguenza, solo una macchina da buttare, un grande spavento e qualche livido ma no, non amo la nebbia. Però apprezzo molto quello che hai scritto. Ciaoooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mirtillo.
      Ti dirò che pur odiandola, ho meno paura auando c'è la nebbia che quando nevica. Anzi...sinceramente se nevica preferis o non uscire.
      Proprio a causa ne e a marzo ci hanno tamponati. Noente di gra d nemmeno per noi mal'auto... beh,diciamo che è finita in infermeria
      Bacio

      Elimina
  10. Una volta la nebbia non mi piaceva, ora la sto riscoprendo. C'è da dire che non guido e quindi me lo posso permettere... ! In questi ultimi giorni ci sono stati degli autentici muri a Milano. Ricordo però la nebbia della mia infanzia, quella sì che era impenetrabile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me proprio non piace. Dà un senso di oppressione.
      In questi giorni mi è sembrata spessa ma poi mi sono ricordata di quella volta in cui era andata a prendere la figlia all'asilo.
      A metà strada mi aveva chiesto dove eravamo e le avevo dovuto rispondere non lo so.... tra il buio e la nebbia non capivo dove mi trovavo e nota che quella strada la facevo 4 volte al giorno...
      Ora la figlia ha quasi 27 anni fai tu il conto di quanto tempo fa....

      Elimina