giovedì 2 febbraio 2017

Dove vai raminga


Dove vai,
raminga stella,
attraverso un cielo indaco
sul principiar della notte?
Insegui chimere
come
il più modesto uomo
o forse
all’amoroso appuntamento
ti rechi
di luminosa beltà vestita?

Viaggiatrice indefessa,
brillantezza instancabile,
tu sai
che il tuo viaggio estenuante
non avrà mai fine
Che notte dopo notte
ripercorrerai la stessa strada
alla ricerca dell’utopia.

Perchè il tuo camminar
non sia inutile,
mentre vai
non ti dimenticar di me.
Indicami
sogni leggiadri
pensieri soavi
dolci insonnie.
Donami
la tua costanza
la tua serenità
Myrtilla


10 commenti:

  1. E soprattutto, portaci un po' di fortuna :)
    Bellissimi versi, quasi d'altri tempi :)

    Moz-

    RispondiElimina
  2. Ciao Patricia, sei una grande! Ma hai mai preso in considerazione l'esorcismo? Secondo me sei posseduta da una legione di anime di poeti del passato....ahahahahahah!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio... l'anima del sommo Dante in mente... magari!!! prrrr
      Grazie!

      Elimina
  3. Molto belli questi tuoi versi.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina