giovedì 9 febbraio 2017

New York


La figlia è partita domenica per New York ma questo già ve lo avevo detto.
Tra Central Park, la Statua della libertà, Trinity Church hanno girato parecchio e altri giri faranno ancoraA.

Avevano lasciato come ultima tappa, il Memoriale per i Caduti di settembre 2001.

Non hanno resistito. Sono andate ieri.

Non ho sue foto da mostrarvi, posso però riferirvi le sue parole, quelle che ci siamo scambiati ieri sera.

E’ incredibile! Impossibile spiegare cosa si prova.. due immense vasche quadrate, sul bordo incisi i nomi di tutte le vittime…. Silenzio nonostante la città attorno… prende un’emozione pazzesca. Indescrivibile! Bisogna vedere dal vero per comprendere… si respira dolore!”

Due enormi vasche quadrate al posto delle torri abbattute, 400 alberi intorno e uno sopravvissuto all’attentato. Ferito, lesionato ma ancora vivo. Il Survivor Tree

Si capisce perché è diventato il simbolo dei newyorchesi.
E’ simbolo di speranza, di voglia di ricominciare… di NON resa di un Paese colpito al cuore quando si credeva intoccabile.

Nessuno lo è! Da non dimenticare!

Qui di seguito vi metto  linkpresi dal web
 




Se avrò foto sue ve le mostrerò.

Patricia

16 commenti:

  1. Io avevo salito a una delle torri e... Incredibile che non ci siano più, incredibile eppure averlo visto in diretta.
    Tutti i grattacieli della città si vedevano là, lontani, sotto di noi...

    podi-.

    podi-.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già! Ora al posto delle torri ci sono queste vasche..
      Quelle famose immagini...chi riuscirà più a dimenticarle?

      Elimina
  2. É la prova evidente della follia globale in nome di un fanatismo religioso senza senza... Il pericolo di cui parlava Oriana Fallaci che però nessuno volle ascoltare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto! Fallaci aveva visto giusto parlando del pericolo di diventare Eurabia. Speriamo che si sbagliasse. Certo che la follia aumenta giorno per giorno.
      Non dobbiamo dimenticare però, e qui forse mi farò dei nemici ma pazienza, che con altre armi noi stessi nei secoli andati abbiamo fatto la nostra parte. Basti pensare alle antiche civiltà sudamericane distrutte in nome di un Dio innocente,che si sta strappando i capelli ancora oggi per le vigliaccate dei auoi figli.
      Ho scritto Dio ma si può leggere attualmente Allah

      Elimina
  3. Una città colpita al cuore anche a causa dell'America stessa... a rimetterci sono sempre e solo poveri cittadini.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, a rimetterci sono sempre i soliti però forsd quei soliti sono proprio quelli che hanno dato il vito ai guerrafondai, che hanno applaudito certe scelte.

      Io non dimenticherò mai la figura di un uomo che si butta giù dal grattacielo per sfuggire alle fiamme... mai!

      Elimina
  4. Terribile. Terribile l'atto in se ma terribili anche i retroscena che non conosciamo e non conosceremo mai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Top secret Max. E chissà quante vigkiaccatd ci nascondono tra tutti.
      Il terrorismo è un cancro. È vigliaccheria che assale quando e dove meno te lo aspetti. Non possiamo vivere nel terrore come loro vorrebbero ma fermarli....

      Elimina
  5. Ci sono stata tre volte. So bene di cosa stai parlando. Bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Volevano andarci l'ultimo giorno poi....

      Elimina
  6. Ehhh, che emozioni!
    Un saluto alla figlia e alla sua amica.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perloro penso proprio di sì Sinforosa.
      Sentiremo poi il racconto

      Elimina
  7. Io sono salita sulle torri a Luglio e a Settembre ho visto in Tv sbriciolarsi... come dimenticare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Manu immagino cosa puoi aver provato in quel momento...

      Elimina