venerdì 24 marzo 2017

La rosa


Si chinò ad annusar la rosa. Amava quella varietà. Arancione come un sole maturo il bocciolo, rosa sbiadito i petali vizzi.
Come la vita. Esplosione di colorate gioie e passioni la gioventù, calmo sfiorire la vecchiaia.
Le ricordava la sua vita, anche se gli anni passati da tanto non le avevano portato solo colorate gioie ma esplosioni improvvise di problemi e brucianti dolori.
Ma anche il fuoco, guardando con attenzione, ha fiamme rosse che tendono all’arancione. Dipende dalla legna che si brucia.
Il passar del tempo invece era proprio come quei petali che giorno dopo giorno si erano lentamente accartocciati, quasi ripiegati su loro stessi sbiadendo dolcemente verso una fine certa. Però ancora cantavano. Sfregandoli tra le dita il loro frusciare era ancora vivo.
Importante era continuare a cantare. Continuare ad emettere e sentire quel frrrrr.
Si riempì i polmoni di quel dolce profumo annusandolo a fondo, quasi a rubarlo alla rosa. Tornò in casa.
A cadere e ritornar terra c’era ancora tempo.
Myrtilla



14 commenti:

  1. Si devono godere le rose quando ancora ci sono.

    podi-.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, CArlos. E portarne il ricordo qunado son sfiorite.
      Ciaoooo

      Elimina
  2. bellissimo ..questa descrizione te ne fà sentire anche il profumo ..
    Serena giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tissi! :)
      Questa arancione è la rosa che amo di più, tra quelle che ho
      Bacio

      Elimina
  3. Il mio piccolo contributo alla tua iniziativa
    http://langolo-del-sorriso.blogspot.it/2017/03/lezioni-di-civilta.html
    Buona giornata ^__*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Guardiano!
      Hai scelto una frase eccezionale come d'altronde era stato il film.
      Buona giornata (piovosa) a te!

      Elimina
  4. Cara Patrizia, lasciandoti un saluto, affermo che la rosa è la cosa sempre sincera!!!
    Ciao e buona giornata cara amica con un abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tomaso, amo tutti i fiori ma forse questa rosa, così solare e profumata, è quella che amo di più
      Bacio stella!

      Elimina
  5. Non lasciarsi spegnere mai dall'età che avanza ma essere vivi dentro, salute permettendo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto! Vivi dentro e cioè attivi, curiosi, desiderosi di fare nuove esperienze e conoscenze.
      Salute permettendo, ovvio. Però, diciamo che nel momento in cui i dolori ci lasciano tirare un momento il fiato, si possono anche mettere in un angolo per un po' :))
      Della serie, oggi sto bene e faccio. Domani si vedrà

      Elimina
  6. Un pezzo di prosa davvero notevole. Sei una scrittrice nata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow, Ivano! Grazie!!!!
      O forse ero soltanto in luna buona? :))
      Un pensiero nato così e fermato subito sulla carta prima che se ne andasse per i fatti suoi! :))

      Elimina
  7. Che fragranza di rosa. Buona notte. sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si sente vero?
      Io non vedo l'ora che fiorisca così poi... mi faccio i suffimigi ahhahaha rosa, lavanda, ìmenta, timo... esco, scuoto le foglie e poi aspiro... :)

      Elimina