sabato 1 aprile 2017

Dal blog di Cristina M: Cavaliere

https://ilmanoscrittodelcavaliere.blogspot.it/2017/04/il-memoriale-del-dolore-ebraico-milano.html

Condivido oggi un post importante... ma che dico? Importantissimo!
Per non dimenticare e non cadere negli stessi tragici errori.
Da leggere e farsi venire magone e brividi.
Patricia

9 commenti:

  1. Cara Patrizia, sono al tuo fianco per sostenere ciò che ai detto!!!
    Ciao e buon fine settimana cara amica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tomaso, il merito va tutto a Cristina :)

      Elimina
  2. S' è veramente un post da leggere e su cui riflettere !!Un saluto. Buon week end.

    RispondiElimina
  3. Scusa , ho sbagliato a scrivere, volevo dire "Sì, è veramente un post da leggere e su cui riflettere" . Ciaoo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto a posto, Mirtillo. Si era capito benissimo!
      Ciao stella

      Elimina
  4. Grazie della condivisione, Patricia. Un'esperienza di visita al Memoriale che ho fatto soltanto di recente, dopo aver rimandato a lungo. Forte, indimenticabile. Mi chiedo soltanto che cosa sia visitare un campo di sterminio. Un abbraccio fortissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Doveroso con un post del genere Cristina,
      Io non ci sono mai stata ma ti posso dire la figlia era stata ad Auschwitz con il liceo.
      Quando le abbiamo chiesto come era, cosa aveva provato ci aveva risposto che era impossibile parlarne, Che era un pugno nello stomaco. Qualcosa da vivere per capire.
      Credo di immaginare cosa intendesse.
      BAcio stella

      Elimina
  5. Un tema da me molto sentito. Non ero a conoscenza di questo luogo, penso che cercherò di andarci, la memoria storica è qualcosa che non dobbiamo mai perdere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche per me Daniele.
      Nipote di zii partigiani, nonna 24 ore in mano alle amicie nere, nonno deportato a Norimberga perchè alpino richiamato in guerra...
      Sì, è un tema he sento molto.
      Pensa che ho ancora la carte d'identità di mio nonno, quella del lager. Una reliquia!
      La puoi vedere QUI se ti interessa

      Elimina