sabato 8 aprile 2017

Notte d'aprile

Occhieggiar di stelle
in una notte d'aprile
Abbaiar di cani
in lontananza
Richiamar notturno
di innamorate civette

Zefiro rinfresca la notte
Rinforza le sue soffiante carezze 
mentre tralci di rose
si genuflettono
in ancora invernali rigidi inchini
Myrtilla



                  https://pixabay.com/en/dog-wolf-yelp-moon-tree-night-647528/

20 commenti:

  1. molto ,molto ben descrittiva ..una notte d'Aprile ..
    bella
    un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Cara Patrizia, credo che dobbiamo abituarci alle tue belle poezie, continua così!!!
    Ciao e buon fine settimana cara amica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Ecco la Pat che piace a me: libera, ispirata, che si dondola sul ritmo dei suoi fiati che si cristallizzano nel percorso tra lei e la luna. Nella prima strofa i soggetti sono tutte forme verbali -occhieggiar, abbaiar, richiamar- splendido ma come ti è venuta fuori l'immagine, essa stessa splendida, delle tue civette innamorate?
    Lo zefiro e i tralci di rose sono i tuoi soggetti per la seconda strofa. Lineare e precisa centri il tuo obiettivo perpendicolarmente.
    Bravissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie grazie grazie Vincenzo!!!!! :*)
      Le civette innamorate.... abitando in campagna si sentono sovente di notte. Nel silenzio uno stridìo che fa sussultare. Al di là della nomea di portatrici di morte (??????) mi piacerebbe vederle ma è quasi impossibile. In amore perchè.... è la stagione in cui la fauna selvatica inizia a riprodursi e a me piace pensare che non solo sia istinto di sopravvivenza ma che dietro a questo ci sia un sentimento.... ;)
      Bacio!

      Elimina
  4. Risposte
    1. Sì, Carlos, in campagna :)
      e tra poco arriveranno anche le zanzare coi relativi "cacciatori": i pipistrelli e allora mi incanterò a guardare quel loro volo sgangherato e veloce. Uno spettacolo!
      Un bacio!

      Elimina
  5. Splendido! Grazie Pat per questa magica poesia

    RispondiElimina
  6. Che bella Pat! Ho immaginato un bocciolo di rosa che, delicatamente, si inchina alla luna e alle stelle in una dolce notte d'aprile, aspettando di sbocciare in tutta la sua sfolgorante bellezza.
    Brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mari!
      Sulle mie rose ce n'è uno minuscolo e sì, quando c'è vento si inchina...
      Bacio!

      Elimina
  7. Meravigliosa Patri. Ma che bello. Brava.

    RispondiElimina
  8. bravissima tra le più belle!!!!!!

    RispondiElimina
  9. Brava Pat! È sempre un piacere leggerti 😊

    RispondiElimina