mercoledì 24 maggio 2017

Idee/foglie


Si alzò all’ennesimo colpo delle persiane che sbattevano. Erano ore che il vento ululava nel mondo esterno, quello dal quale aveva deciso di prendersi una pausa per poter scrivere quello che le rimbalzava nel cervello.
Un presentimento opprimente però le diceva che quel giorno non l’avrebbe fatto. Era fuggita dalla città troppo rumorosa proprio per lavorare in pace e quella piccola casetta di campagna le era parsa l’ideale. Due stanzette, il bosco intorno, nessun vicino ma non aveva fatto il conto con gli imprevisti.
Il vento per lei era un grande imprevisto.
Era… eolopatica? Ventopatica? Che ne sapeva come si diceva. Di certo c’era solo che lo soffriva in modo originale. Niente nervosismo o mal di testa. No! Il vento a lei scompigliava le idee. Ma nel vero senso della parola. Le sue idee erano foglie. Foglie secche e leggere. Le cadevano sul pavimento del cervello come appunto fanno le foglie ai piedi dell’albero fino ad ammucchiarsi in un tappeto frusciante e generoso. Lei le raccoglieva ad una ad una e riempiva pagine su pagine di word. Senza pausa.
In giornate ventose però, quelle piccole parole/foglie non si lasciavano afferrare. Le scappavano da sotto le dita, ribelli ad ogni ordine. Tentare di acchiapparle per rimetterle in ordine era un lavoro immane.
Con una smorfia sconsolata guardò per terra. Sospirò, si chinò e incominciò a raccogliere le sue idee da sopra il pavimento.
L’aspettava una lunga giornata.
Myrtilla



16 commenti:

  1. A me, invece, piace il vento; chissà se mi porta le idee altrui.

    podi-.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io mi innervosisco, non so perchè.
      Ciao Carlos

      ps se trovi idee mie me le rimandi por favor? ahahahahahah
      Bacio!

      Elimina
  2. BRA VI SSI MA !!
    serena giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tissi!
      Ottima giornata anche a te!

      Elimina
  3. Vivo in una città di mare e so quanto il vento possa essere fastidioso, in certe uggiose giornate invernali...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al mare il vento è... pazzesco! Io poi personalmente lo trovo irritante sempre e comunque :)

      Elimina
  4. Brava brava brava brava!!!!! Anche se io amo il vento, ora poi quando mi scompiglia i capelli riccissimi, lo adoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie grazie grazie grazie! :)
      Non amo il vento. Quando poi lo vede maltrattare quelle povere piante... grrrrrr
      Ti sto vedendo con i ricci scompigliati e sento anche il tuo brontolio continuo ahhahahahahaha

      Elimina
  5. Il vento a me fa riflettere mi fa raccogliere in me stesso non mi spaventa il suo sibilo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spaventare no ma mi disturba. Lo soffro.

      Elimina
  6. Se non si lasciano raccogliere è perché non sono ancora mature per esporre a pieno un'idea, ci vuole pazienza, girano, volano, ma non scappano mai anche se può sembrare. Che strepitosa fantasia hai mia cara Patricia, una vera delizia; abbraccio grande!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahahh ti ringrazio molto Sciarada.
      Confesso che dopo aver letto il racconto di Poe di cui ho parlato ieri la mente ha incominciato a lavorare. Mi sono detta se Zenobia perde gli occhi uno per uno, i non potrei perdere le idee una per una?

      Comunque è vero. Quando non si riesce ad afferrarle è perchè sono ancora in gestazione. Non sono anora mature al punto giusto.
      Bacio stella!

      Elimina
  7. Quando è leggero non è fastidioso soprattutto d'estate.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, con l'afa una brezza fresca è piacevole senz'altro .9

      Elimina
  8. Bella Patri.
    Il vento mi da energia. Soltanto quello in montagna, in quota, mi ha fatto paura.
    Quello simbolico, del cambiamento, delle idee che sorgono, mi mantiene vivo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Max!
      Il vento forte mi irrita. Mi innervosisce.
      Quello simbolico mi fa bene ma a volte è troppo forte e mi rende impossibile fermarmi su un'idea precisa

      Elimina