lunedì 15 maggio 2017

Regalo d'amore

Era in auto da sola. Stava andando in montagna a trovare degli amici. La radio accesa trasmetteva musica rock a intermittenza. Pessimo segnale.
“Sei pronta?” si sentì chiedere. Suo padre era seduto accanto a lei. Ma se era morto trent’anni prima come…
“Quante domande! Non esistono il tempo, lo spazio. Siamo noi stessi lo  spazio e il tempo e il tuo purtroppo sta per scadere. Ricordi che lo hai barattato, vero? Hai offerto il tuo al posto del suo.  Bene, la proposta è stata accettata. Lei guarirà ma tu devi venire con me. Sei pronta?”
No! Non sono pronta pensò. Non ancora!
Ripensò alla sorella più giovane, ai suoi tre figli piccoli, alla sua malattia… alla preghiera che aveva recitato  a suo padre. Lasciala  vivere! Ha solo trent’anni! Alla sua proposta. Lei in cambio della sorella. Lei, la zia single. Nessun amore, nessun impegno.
Si arrese. “Ok, ma fa che sia veloce. Non voglio soffrire.”
Si sentì prendere per mano. Chiuse gli occhi. Li riaprì. Stava camminando tra nuvole argentate che sapevano di miele.
Myrtilla


25 commenti:

  1. Chissà, potendo davvero scegliere un "baratto" simile, quanti lo farebbero!
    Molto struggente e delicato questo mini-racconto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Glò!
      Sono figlia unica a dire la verità quindi non so per una sorella ma se si trattasse della figlia ad esempio...

      Elimina
    2. Dimenticavo... certo che, al di là del baratto, se a venirci a prendere fosse una persona cara che ci ha preceduti non sarebbe male!

      Elimina
    3. Sai... io ho avuto esempi non brillantissimi tra i parenti ;) Su questioni concrete che avrebbero imposto un gesto di generosità, che non c'è stato...

      Elimina
    4. A casa mia si dice parenti serpenti fratelli coltelli... o in alternativa, i parenti sono come gli stivali, più sono stretti e più ti fanno male :)
      Doloroso ma vero.
      Quando mi riferisco ai parenti decisamente parlo di noi: marito figlia mamma e io. Mia suocera poverina ormai non è più lei e quindi è fuori dal discorso I due nonni non ci sono più da anni. Altri... solo cugini alla lontana che stando "alla lontana" ci fanno stare bene ahahahahh

      Elimina
  2. Particolare il tuo racconto perché di solito questi scambi in altri film o racconti non li si chiede a Dio o ad un caro estinto, ma sono più legati a Satana. Tu invece hai nobilitato e reso lieve e pulito un momento ed un gesto d'amore per uno scambio che è altruismo e non egoismo. Bel passo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero! Dorian Gray con il suo ritratto, il Faust e quanti altri che non ricordo in questo momento.... normalmente si pensa a se stessi, ad ottenere qualcosa per sè.
      Non so... sarà che in queti giorni abbiamo parlato di mio papà che morì quasi 31 anni fa ma ho pensato, baratto a parte, che andarsene per mano di una persona amata che ci ha preceduto non sarebbe affatto male.
      Non ho intenzione di morire eh... :) si mettessero in ferie le ernie magari gradirei ma poi come dieva mia nonna, meglio comperare il pane di qui che venderlo di là! ahahahahhah

      Elimina
  3. Davvero bello e con una chiusa toccante. Un bell'inizio di settimana, grazie, Pat.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cristina. Ne sono felice.
      Ho voluto chiudere in fretta. Non mi piace troppo pensare alla morte.

      Elimina
  4. Un po' triste, devo ammetterlo.
    A me piace sempre pensare che tutti possano salvarsi. Senza scambi...
    Bel racconto, comunque, eh^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Complice l'umore non proprio gioioso di questi giorni visto il mal di schiena :))
      Sarebbe bello ma se ci salvassimo tutti tutti, bisognerebbe allargare il mondo! :)
      Grazie Miki!

      Elimina
  5. Anche tu con il mal di schiena? Teniamoci per mano cara... ma stando di qua perchè ci sono ancora persone che hanno bisogno di noi qua. Chi sta di là sono sicura che capirà e ci aiuterà ad assolvere ai nostri compiti di qua. Baciobacio cara
    PS è per farti sorridere un pò che ho fatto un pò la scema! Perdonami. <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' che ieri andava meglio sai... oggi invece...

      AAA ernie offresi.
      Pochissimo usate, praticamente nuove.
      Prezzo scontato!!!

      Massì dai, ridiamo un poco altrimenti... Baciooooooo

      Elimina
  6. Triste ma commovente!!! Mi toccherà andare a prendere i fazzoletti.
    Mi presento: sono Penelope, recensisco libri per hobby e perché adoro leggere e ti ho scoperta attraverso il blog I libri di Francesca.
    Quindi mi spiaggio qui come le cozze sullo scoglio.
    Baci e complimenti per la fantasia,
    Penny

    ps: mi trovi qui se ti va!
    https://lagiostradeilibri.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sugar Free, benvenuta.
      No, non piangere :) è solo un racconto! Però se ti ho intristita i sono anche le filastrocche che fan sorridere :) :) :)
      Spiaggiati pure che il posto c'è. Prendiamo ombrelloni, bibite, tramezzini e gelato e facciamo anche merenda.
      Grazie e ciaoooooo

      Elimina
  7. Mamma mia che bello è che triste. Significativo.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sinforosa e grazie.
      Sì è triste però è un bel "partire" mano nella mano di una persona amata.
      Ciao carissima

      Elimina
  8. Bellissimo. Scusami se non aggiungo altro. Non sai quanto profondamente mi ha toccato il tuo racconto.
    Un bacio.

    RispondiElimina
  9. andarsene da questa vita senza soffrire... bello!

    RispondiElimina