martedì 9 maggio 2017

Seduta, di notte


Seduta per terra sul balcone, ascolto il silenzio della notte di campagna e me ne riempio il cuore. Lo respiro come ossigeno per non soffocare.
Chiudo gli occhi e lascio che la mente navighi nel buio nell’assenza assoluta di rumore con la fresca aria di questa collinetta a farmi compagnia. Nemmeno le civette cantano per non disturbarmi, rintanate nei boschi qua attorno.
I pensieri esplodono come fuochi d’artificio silenti a colorare la mia notte interiore. E si accavallano scontrandosi e lottando per farsi notare. Ma come velocemente appaiono, altrettanto velocemente scompaiono inghiottiti nella babelica marea di idee che affolla la mia testa.
Progetti, parole che formano frasi, versi di poesie, inizi di racconti… e me li godo uno per uno, immobili perché non scappino.
Con la segreta speranza di ritrovarli domani.
Myrtilla



22 commenti:

  1. Risposte
    1. D'estate capita sovente Carlos ma è già successo in questa primavera, tra una pioggia e l'altra

      Elimina
  2. Bellissima immagine bucolica.
    Buona giornata.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sinforosa. Qualche vantaggio la vita in campagna ce l'ha 😊

      Elimina
  3. Cara Patrizia, la bella foto dice tanto!!! ma ciò che a me piace, ciò che scrivi!!!
    Ciao e buona giornata con un abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. Come ti capisco Pat. Perché io sono un notturno. Cioè vivacchio di giorno, tiro avanti aspettando la notte dove finalmente vivo alla grande. Di notte ho scritto il 95% di tutto ciò che ho prodotto. Anche i miei quadri li ho quasi interamente dipinti di notte, con la luce di due lampade di 500 watt ai due lati del cavalletto dietro le mie spalle, che esplodevano sulla tela.
    Ho bisogno del silenzio totale probabilmente, ma forse nemmeno, ho la necessità di stare nel mio ambiente vivendi per poter intendere bene quel che mi suona dentro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io dinotte dormo volentieri ma può capitare che i pensieri siano più forti e cocciuti del sonno e non se ne vadano facilmente.
      Quando capita allora mi godo il silenzio che di giorno mi manca visto che ho una "radio-umana" che non scarica mai le pile 🤐
      Comunque sì,di notte le idee arrivano prepotenti e bisogna acchiapparle al volo!

      Elimina
  5. Credo che la campagna, di notte, sia già meditazione.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo credo anch'io. Si è da soli ma in compagnia di se stessi...finalmente!

      Elimina
    2. Vero, Infatti, tra tutti gli ambienti, la campagna è sempre stata la cosa che ho amato maggiormente...^^

      Moz-

      Elimina
    3. Ma non d'inverno... freddo neve...brrrrrr 😊

      Elimina
  6. Un quadro proprio, una pennellata descrittiva. Brava.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Detto da te Luz è un immenso complimento! Grazie infinite

      Elimina
  7. Ciao Patricia, io sono Lucrezia, sono una studentessa e anche una scrittrice.
    Giungo da te grazie a Ofelia e al link party libroso.
    Il tuo post è emozionante, devi avere un'anima molto sensibile.
    Un abbraccio e se vuoi farmi visita ti aspetto qui:

    https://traunlibroelaltro.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lucrezia e benvenuta in questo salottino.
      È un piacere conoscerti.vengo subito a curiosare. Prepara il caffè 😉

      Elimina
  8. La notte ispira tantissimi, anche me anche se io scrivo soprattutto di giorno e cmq ogni situazione può essere quella buona per una poesia, ed ogni piccolo spunto che leggo, ascolto o vedo può darmi l'imput per scrivere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero! Purtroppo non sempre ci si può fermare per dare forma staticaa quei pensieri attraverso parole scritte.
      Di notte, quando tutto tace questi pensieri prendono corpo e vita propria.

      Elimina
  9. Bellissimo scorcio Pat. Anche a me piace ritrovarmi sul mio balcone sotto la luce della luna ad osservare i miei pensieri.
    Abbraccio notturno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mari! Spesso lo faccio in estate. Un momento di pace tutto per me!
      Bacio!

      Elimina
  10. Il cielo stellato... Da quanto tempo non lo vedo più! Da bimbo trascorrevo l'estate in campagna e la sera potevo ammirare le stelle, anche quelle cadenti la notte di San Lorenzo, in città invece c'è troppo inquinamento luminoso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La foto e pixabay free... ho dimentixato di mettere il link ma non e obbligatorio.
      Abitando in campagna.... sapessi quanto inquinamento luminoso c'è!
      Tutti che tengono la luce esterna accesa e in più i lampioni... uff

      Elimina