giovedì 29 giugno 2017

Spleen

« Non dirmi che hai esaurito la vita. Quando un uomo dice questo, si sa che la vita ha esaurito lui. »
Oscar Wilde



 
La vita non si esaurisce. Continua oltre la morte con  ricordi che abbiamo lasciato, con gli insegnamenti che abbiamo dato, con le risate e le lacrime di cui resta segno nell'anima di chi ci sopravvive. 
Con quella microscopica nostra molecola che abbiamo trasmesso ai figli.

La vita invece a volte ci esaurisce.
Ci stanca, ci stressa, ci sovraccarica di pensieri e problemi. Ci prepara bagagli così pesanti  da piegarci le spalle.

Però arriva sempre il momento in cui si può tirare un sospiro di sollievo. In cui voltandoci indietro ci accorgiamo che quei momenti neri sono alle spalle.


E se proprio non riusciamo a vederli questi momenti sereni, cerchiamo di farne il nostro obiettivo, la nostra meta e lottiamo per raggiungerli.
Patricia


16 commenti:

  1. Ti propongo la canzone di Fiorella Mannoia, "Che sia bendetta".
    Si affianca benissimo a questa tua considerazione!
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Franny. Bella canzone davvero quella

      Elimina
  2. La vita è semplicemente vita, dobbiamo abbracciarla, assecondarla, rispettarla, amarla. La vita non è l'inizio e neppure la fine, la vita è il ponte che ci collega all'universo.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella visione la tua. La vita che ci collega con l'universo e quindi con l'eternità o quasi. Mi piace,
      Bacio

      Elimina
    2. Ben detto, anche a me piace pensare che tutto si colleghi con l'universo e l'energia delle stelle e la canzone della Mannoia è un'inutile accozzaglia di retorica
      Cri

      Elimina
  3. Non sempre questo ottimismo è possibile e non sempre c'è la luce oltre il tunnel, e cmq la vita tecnicamente non si esaurisce se non con la morte, è il viverla che può terminare anzitempo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente no, Daniele. Voglio cercare di esserd positiva ma non è sempre facile.
      Sul terminare la vita anzitempo hai ragione. Penso ad esempio ai malati di alzeimher che sono lì, seduti, persi in una dimensione che non è spazio nè tempo. A chi è in coma.
      Per il resto voglio credere che qualcosa di noi resti sempre anche dopo la nostra morte corporea. Chiamalo spirito, anima.. chiamalo come vuoi ma si nutre del ricordo che chi resta ha di noi.
      Folle forse ma voglio crederci

      Elimina
  4. La vita... Dovremmo imparare dai bambini che vivono il presente senza tener conto del passato e senza preoccuparsi del domani. E questa che viviamo è solo la vacanza poi ritorniamo a casa e ritroviamo tutti gli altri che ci hanno preceduto nell'attesa di tutti coloro che verranno dopo di noi.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non tener conto del passato per i bambini è facile. Il loro passato è molto breve. Per noi credo non sia tanto facile e nemmeno giusto.
      In fondo il nostro passato ci dovrebbe insegnare.
      Ritrovarsi dopo sì, lo spero proprio

      Elimina
  5. La vita è l'unica cosa che abbiamo. Tutto ciò che viviamo e di cui parliamo è vita, anche il sentirsi esauriti dalla vita. Quindi in realtà quando lo diciamo stiamo dicendo una cosa "falsa" ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un po' contorto o io non sono sveglia.. ronf ronf :)

      Elimina
  6. Tutte osservazioni perfettamente condivisibili.
    Soprattutto la prima, che ho imparato dopo la scomparsa di mio padre. La vita continua dopo la morte, sì. Non solo nel ricordo ma proprio nelle azioni, nell'esempio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ci credo Luz. Gli insegnamenti che ci sono stati dati e che abbiamo dato e daremo resteranno in chi ci sopravvivrà.
      Voglio assolutamente crederci

      Elimina