venerdì 2 giugno 2017

Venerdì di Poesia del 2 giugno


Per la Community  AMAMIPIÙCHEMAI per il venerdì di poesia del 2 giugno la parola è


                      #Unione


 mai come in questo ultimo periodo abbiamo bisogno di stare uniti. Di sedersi ad un tavolo e parlare ma soprattutto ascoltarsi.
Perchè solo la comprensione delle idee altrui, degli altrui stili di vita, modi di pensare, di agire ci possono portare ad un’unione reale e concreta. Unione che potrebbe essere di beneficio per tutti se fosse vera.
D’accordo… ognuno dovrebbe rinunciare a qualcosa ma potrebbe “prendere” dagli altri e gli altri da altri ancora.

E allora perchè non iniziare da casa nostra? Dall’Italia?

Buona Festa della Repubblica

                  “L’essenza del bello è l’unità nella varietà”
                                         Felix Mendelsshon

Con questo post partecipo all’iniziativa

#LovePoetry #VenerdìdiPoesia #Unione

Myrtilla



12 commenti:

  1. Risposte
    1. Dicono così Ste, purtroppo noi italiani siamo ancora al punto in cui ci lasciò Goffredo Mameli "noi siamo da secoli calpesti e derisi perchè non siamo popolo, perchè siamo divisi".
      Quando le persone di una stessa nazione arrivano ad ammazzarsi per presunta tifoseria calcistica, non si può pretendere che siano d'accordo su altre cose ancora più importanti. Legalità, giustizia, processi equi e in tempi brevi... che ne so... cacciare dal Parlamento i condannati o gli indagati.... magari non mandarli in pensione con cifre da favole e pochi anni di contribuzione quando mio marito forse e dico forse ci andrà con metà stipendio e 42 anni e quanti mesi, non ricordo più, di contributi e 62 di età...

      Elimina
  2. Cara Patrizia, dici bene come oggi dobbiamo sentirci uniti e capire gli altri coloro che anno bisogno proprio dello stato, spero che oggi che si festeggia la nostra Repubblica coloro che anno il potere di farlo incomincino proprio oggi ad aiutare tutti coloro che soffrono.
    Ciao e buon pomeriggio con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Temo sia una speranza vana, Tomaso!
      Quelli chd dovrebbero pensano a mettere in tasca e basta.
      Bacio!

      Elimina
  3. Festa della Repubblica Italiana... Ho saputo della data di oggi appena cinque minuti fa! (non la sapevo, questa celebrazione).

    podi-.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È una ricorrenza storica.il 2 giugno 1946si tenne il referendumche decise tra monarchia d repubblica.
      Vinse la Repubblica e i nostri reali dovettero andarsene.

      Elimina
  4. Hai sempre parole di speranza...ed è per questo che mi piaci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non voglio perderla, Lorenza. Senza un briciolo,di speranza non si ha più neanche voglia di combattere

      Elimina
  5. Unione? Si uniranno certamente per fregarci di nuovo. Si chiama inciucio, presa per il culo...e noi tutti lì a chiappe denudate in aria come musulmani, aspettando che il gran cazzaro ed il fornicatore nazionale si diano una mano per affossare ancora di più questa nostra nazione.
    E allora Grillo e Salvini che faranno? Scissione, emulsione, espulsione, porcazione e tutte le "zione" che restano nel vocabolario.
    Si può fare, Podemos anca nos. NON VOTARE MAI PIÙ.
    C'è una "ZIONE" che mi piace tanto ma tanto tanto: RIVOLUZIONE!
    Siamo capaci di farla noi pappamolli?
    La vogliamo cominciare ad organizzare? Facciamo come fecero i cileni: blocco delle nostra autostrade, blocco della benzia e del diesel. Niente consumi niente soldi nella casse dello stato; niente generi alimentari nei supermrket. Gente in piazza disperata. Sassi scaraventati contro vetrine delle banche. Molotov contro tutto. E poi, finalmente, granate. Fuori i kalashikov. Fuori le Browing 12 millimetri. Fuori le budella di chi ci ha ingannato fino a ieri. Cosa sono un milione di morti se il premio sará la liberaZIONE da tutti costoro?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amore bello, sei un po' incazzato vero? Lo sai che potrebbero prendere questo tuo commento come istigazione alla violenza, al golpe, ... a ... a... a tutto quelo che vuoi?
      Comunque non credo che sarà mai rivoluzione e da una parte ci spero. Voglio sempre credere che ci siano sistemi meno sanguinari 😊

      Elimina
    2. Incazzato è una parola innocua.
      Furibondo.
      Ed essere inquisito per istigazione al golp e alla violenza non mi preoccupa.
      Sistemi meno sanguinari? Certo che ci sono, ma poi lo schifo sale fino alla gola.

      Elimina
    3. Che sei un tipo sanguigno lo avevo capito ahahahahhaha

      Elimina