venerdì 7 luglio 2017

Jim Morrison


Io amo e vivo in silenzio ma dietro ogni sorriso nascondo una lacrima di dolore.
Jim Morrison.

Siamo capaci a trovare qualcuno che dietro al sorriso nasconda sempre un altro sorriso allegro e solare? Sempre, dico.

La maggior parte delle volte quell'atteggiar le labbra ad un sorriso  è  un'arma di difesa nei confronti del mondo esterno. Un sorridere per non far vedere che dentro si sta male.

Quando vogliamo  giudicare qualcuno, pensiamoci sopra un attimo prima. Cerchiamo di capire se il sorriso è veramente sorriso interiore o se è soltanto una maschera da Pierrot.

E poi, perchè giudicare?

Patricia



https://pixabay.com/en/jim-morrison-music-art-1214251/

27 commenti:

  1. Perché in questo modo non si fanno i conti con sé ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O forse perchè si è stufi di farne.
      O ancora perchè si ritiene che non val la pena far vedere il proprio dolore a chi non capirebbe

      Elimina
    2. Intendevo che chi giudica non sta molto bene con se stesso ;) (rispondevo alla domanda "perché giudicare")

      Elimina
    3. Porta pazienza Glò! Ormai il mio punto di.... fusione è ampiamente superato😂😂😂😂
      Sono pienamente d'accordo su quello che hai detto. Giudicare gli altri impedisce di pensare a se stessi e così non si vedono i propri difetti e problemi.

      Elimina
    4. Pat, tra caldo e altre cose (da quanto ho capito), alla faccia della fusione!
      Un abbraccione! <3

      Elimina
    5. Sì, infatti vorrei cantare come Finardi. Extraterrestre portami viaaaaaaa
      ahahhahahahahahhahahah

      Elimina
  2. E questo sorriso, a chi vuole ingannare? A "voi" oppure a "noi"?

    podi-.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli altri credo. Vuol forse dimostrare che va tutto bene quando non è così.
      In parte però anche a se stessi. Si sorride di fuori per non pensare troppo

      Elimina
  3. Una frase che deve far riflettere.
    Sereno giorno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vincenzo.
      VEro! Mi piace tantissimo queta frase di Morrison.
      Buon pomeriggio a te

      Elimina
  4. I testi e le riflessioni di Jim Morrison sono sempre stati poesia pura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh.. è stato uno dei tanti poeti che la musica di ha regalato

      Elimina
  5. Concordo con Daniele. Sovente un sorriso nasconde una pena, per un senso di pudore.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sorridere per un senso di pudore... anche! Magari pure per farsi coraggio

      Elimina
  6. Il mondo non ama la gente triste, così spesso si sorride per default...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La gente triste per alcuni è ridicola, da prendere per i fondelli.
      E' la grande umanità di oggigiorno

      Elimina
  7. È come nell'aria "Ridi pagliaccio", si ride per non dare agli altri il "fardello" di tendere una mano per aiutarci.
    Ma intanto, dietro un sorriso, c'è tanto dolore.
    Baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero! La gente paga e ridere vuole...
      E allora diamo spettacolo.
      In fondo, meglio pagliacci che fan ridere volutamente piuttosto che persone compatite.
      Ciaooooo

      Elimina
  8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  9. Cara Patrizia, un grossolano errore mi a costretto a cancellare il primo commento.
    Ora posso affermare che succede a tutti che per mascherare qualcosa di sgradevole si ricorre a questo stratagemma accennando in pallido sorriso.
    Ciao e buona giornata, è tornato il caldo! un abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquillo, Tomaso. Oggi ho fatto un lavoro sul blog e ho scoperto che mancavano due commenti a vecchi post. Io sono sicuri di averli scritti ma probabilmente invece di publicarli li ho annullati... :)
      Sì, succede a tutti di indossare questa maschera. Come se fosse uno scudo che può difenderci
      Bacio

      Elimina
  10. Perché giudicare? Cara... non si può non giudicare. Dire che la Gioconda è un bel quadro (per esempio) è un giudizio. La nostra cultura attuale non ci "permette" di non giudicare. Sono un 65' e da adolescente ho avuto JDM come modello di riferimento. A 15 anni iniziai a farmi di eroina. Credo che il giudizio sia parte di me. Non ne posso fare a meno. Articolo interessante. Ti seguo con piacere. David

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao DAvid, benvenuto e grazie.
      Mi spiace per quello che devi aver passato però la vita ci mette sempre di fronte a problemi disparati. Al momento ci paiono anche insormontabili. Poi, magari, si rivelano più fragili di quello che sembrano e si riesce ad uscirne.

      Giudicare un quadro è un conto, Si parla della tecnica, della bravura di un pittore. Lo stesso per un libro o un'automobile.
      Dicendo giudicare io intendevo le persone come individui. E' facile in fondo fare i sapientoni quando non si conosce il vissuto degli altri. Quando non si indossano gli stessi abiti.
      Poi, se pensassimo un attimo quanto può far male ricevere un giudizio frettoloso e irrispettoso....
      A presto!

      Elimina
  11. ...perchè indagare. Che sia maschera o difesa o vera felicità è un atto voluto o spontaneo da accettare. Amen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. VEro anche questo.
      Ognuno decide se mostrare un sorriso e le lacrime e quallunque sia la sua scelta va rispettata.
      Bacio

      Elimina
  12. ridere fà bene a chi lo fà e a chi lo riceve.
    Peccato che questo vale solo per le risate sincere ... quelle finte, fanno solo male.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poi, è anche facile capire quando una persona ride di cuore o di convenienza...

      Elimina