mercoledì 26 luglio 2017

Venerdì di poesia del 21 luglio

Per la community AMAMIPIUCHEMAI e per ilvenerdì di poesia del 21 luglio, pure parecchio in ritardo ma le amiche della community son braverrime 😊 e mi sopportano....

Io partecipo all'iniziativa

#lovepoetry    #venerdidipoesia   #infermento


Sempre #infermento la mia mente
Fucina di pensieri irrequieti
Possa la notte dar loro riposo
E pace
E che le spine si ammorbidiscano
Per non pungere più
Patricia





12 commenti:

  1. Cara Patrizia, brevi versi ma bellissimi.
    Ciao e buona giornata se anche è piovosa con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Bella questa iniziativa se riesco anche questa volta pustero qualcosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa il ritardo, Daniele... tu sai che la porta è sempre aperta. Quando vuoi e puoi noi siamo qua :)

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vincenzo SCUSAAAAAAAAAAAAAAAA!!!!!!
      Ha cnacellato il tuo commento per sbaglio però per fortuna ho la notifica e lo riscrivo qua sotto....


      Pat, solo per te

      #infermento

      Ha fermentato a lungo questa idea,
      se non controllavo in tempo inacidiva,
      invece è qui fresca come un gelato
      in una serata di luglio.
      La lascio evaporare, mi fido
      del mio istinto, tengo solamente sollevato
      il coperchio del pentolone
      dove fermentava in solitudine;
      adesso la lascio libera di scegliere
      il tempo di scivolare fuori
      infettando lo monno infame, avviluppandosi
      all'asse terrestre,
      perché tutti debbano usufruire di lei,
      chi vorrebbe malgrado tutto
      sopravvivere e chi vorrebbe amputarsi la testa
      senza nemmeno lordarsi del proprio sangue
      oramai marcito e inefficace;
      a nessuno riuscirà a pieno quel che più agogna,
      a nessuno sorriderà la sorte.
      Un infame destino ha già segnato le rotte
      da seguire, le curve dove tirar dritto senza frenare,
      i rettilinei chiusi da boschi gravi e oscuri
      che le rendano impenetrabili,
      ma in tutti sale l'ansia di provare, il desiderio
      di farsi iddio per una volta,
      l'arsura di chi già gusta da lontano
      il gorgoglio dell'acqua dentro la cavità orale.
      Illudiamoci pure di avere scoperto
      una moderna pietra filosofale,
      filosofeggiando con brevi fischi a mezza bocca
      facciamo l'ultimo balzo verso l'ignoto.
      Cosa c'è di più appagante
      di un breve volo con schianto finale?
      Cosa c'è di più morboso
      di un fatale abbraccio con una morte fanciulla,
      ancora inesperta
      che magari si lascia sfuggire la preda,
      voi, dalle sue giovani mani?
      Fatelo. Dio non voglia ci ripensiate
      sarete condannati a cercare in eterno la soluzione
      a tutti i vostri mali
      senza trovarla.

      VINCENZO IACOPONI MALAVISI

      Della categoria "cotta e mangiata".
      Non la riguardo nemmeno, lasciandovi intonsi i miei sicuri e molteplici refusi.
      Ciao Pat. È dedicata a te.

      Elimina
  4. Anche la mia mente è sempre in fermento ma vista la mia giovane età mi sembra giusto così! Sai che noia fare la mummia :-)
    Baci, Luzia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se fai la mummia tu io che faccio???? Il T rex??????
      ahhahahaahhahaha
      Fermento è vita! Ciaoooo

      Elimina
  5. Mi manca molto la tua mente fermentosa!!! :DDD Intanto ti lascio un bacio ed un immenso abbraccio, Pat adorata <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al momento, in fermento ho pure i cabasisi montalbaneschi ahhahahaha poi quando il marito sarà in ferie e magari riusciremo a riposarc un po' si fermeranno
      Bacioooooooooooooooo

      Elimina
  6. Sono sempre splendidi i tuoi versi.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Vincenzo e scusa il ritardo nel rispondere!

      Elimina