sabato 8 luglio 2017

Venerdì di Poesia dell'8 luglio

Per il Venerdì di Poesia dell'8 luglio  della community   AMAMIPIÙCHEMAI 
ecco l'hashtag a cui fare riferimento

                                       #DallaFinestraSulRetro




"Partecipo alla iniziativa Community #LovePoetry #VenerdiPoesia #DallaFinestraSulRetro



#DallaFinestraSulRetro 
vedo il bosco di querce.
Nel bosco vedo un sentiero
Oltre il sentiero  uno spiazzo
Sullo spiazzo vedo una coperta,
bottiglie di coca, 
una radio che suona.

Vedo il tempo che scorre 
La notte che scende

Vedo una ragazza sola che 
piange

#DallaFinestraSulRetro
vedo un sogno infranto
Un'attesa vana 
Un dolore sordo
Un corpo riverso
Occhi spenti,
a guardare il cielo,
stanchi di aspettare
inutilmente
Patricia

14 commenti:

  1. Ciao Patty,
    come sempre i tuoi versi semplici, ma carichi di sentimenti profondi, colpiscono al cuore!!
    Buon fine settimana!
    Kly

    RispondiElimina
  2. Cara Patrizia, vedo che anche da una finestra sul retro, ai saputo creare una bella poesia.
    Ciao e buona giornata se anche è molto caldo afoso, un abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tomaso!
      Bacio

      ps qui è nuvoloso sembra voglia far temporale

      Elimina
  3. Dalla finestra sul retro a casa mia vedo tigli, tigli a profusione e non passa un filo d'aria!
    Bellissima poesia, perché non pubblici ancora?
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nemmno qui filtra un filo d'aria.C'è una cappa di pioombo, un'afa pesante e soffocante.
      Nel basso Piemonte però è normalità questa.
      E chissà... agari col tempo.

      Elimina
  4. Molto bella !!!Hai saputo trarre una storia carica di emozioni. Buona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mirtillo.
      Purtroppo è basata su storia vecchia ma vera :(
      Bacio

      Elimina
  5. WORLDWATCHING

    Dalla finestra sul retro
    Vedo le vostre nefandezze
    Vedo le vostre tendine bianche tirate
    Zerbini perfettamente lavati.
    Ed i vostri luridi peccati.

    Vedo genitori pedofili
    Toccare figlie innocenti
    Osservo povertà rimestare
    Dentro cassonetti della spazzatura
    Avverto folate d'aria chimica
    Trasportate dal vento.

    Dalla finestra sul retro
    Osservo le nefandezze del mondo
    E provo a sconfiggerle

    A sconfiggerle urlando il mio sdegno
    Dalla porta principale.

    DANIELE VERZETTI ROCKPOETA®

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La porta sul retro come osservatorio. Quella principale per agire e combattere.
      Bellissima, Daniele!!

      Elimina
  6. Me l'ero persa. Questa mi viene cattivella, ma tu mi conosci...dico quel che penso

    'DALLA FINESTRA SUL RETRO

    Dalla finestra sul retro
    ho visto un uomo sgozzare una donna
    dopo averla violentata.

    Dalla finestra sul retro
    ho visto l'uomo fuggire a piedi,
    ho visto gli ultimi sussulti
    della vittima.
    Allora ho telefonato alla polizia
    ma senza dire il mio nome
    e il mio indirizzo,
    completamente anonimo.

    Se pensate che sono un vigliacco
    avrete magari ragione,
    ma io sono un italiano verace:
    bado alla mia pelle
    più che alla verità, più che
    alla giustizia.

    Io quell'uomo lo conosco
    e lui conosce me
    io non rischio la mia gola
    per fare giustizia.

    Potevo intitolarla: Canto dell'italiano medio che pensa alle proprie chiappe.
    Ciao Pat.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non potevi descrivere meglio l'italiano medio. Quello del "io per me e Dio per tutti".
      Anche tu come poeta arrabbiato stai bene con Daniele :)

      Elimina
  7. Un'immagine intensa, a colori molto accesi. Mi piacciono molto i tuoi versi, Patty! *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Clementina!
      Baio e buona domenica

      Elimina