sabato 16 settembre 2017

Gli amici di Myrtilla scrivono 17

RICORDO CHE LE POESIE PUBBLICATE SOTTO QUESTA ETICHETTA SONO DI ESCLUSIVA PROPRIETÀ DEGLI AUTORI. 
IO LE POSTO DIETRO LORO AUTORIZZAZIONE.
L'USO NE È VIETATO SENZA IL LORO BENEPLACITO.


In questo POST avevo pubblicato una filastrocca e le foto recenti dei miei tre discoletti miagolanti. Oddio! Miagolanti no, non si sentono quasi mai. Affamati, morti di fame e combinai guai sì. Senz'altro!

A questo  ppost, nei commenti il "terribile" VINCENZO IACOPONI MALAVISI
ha aggiunto il suo commento in versi.
Questa volta si è cimentato con grande successo in una filastrocca carinissima.

Siamo mici, siam micini
dei topini gli assassini,
siamo belli siamo gatti,
sempiternamente matti
siamo quello che volete
noi di gloria abbiamo sete,
siamo quello che vi pare
noi vogliam sol fornicare
con la micia del vicino
mettiam corna a profusione
ce ne freghiamo del guardone,
lui non puote pobrecito,
lo han castrato e ben fregato
può soltanto come un porco
ingrassare che a Natale
dovrà mettere al sicuro
il suo culo contro un muro.
Maledetti che viltade
io le palle ho consegnate
e per questo mi è cresciuto
sto culone strafottuto,
me lo attappo col codone
me ne scappo in un portone
me ne resto mogio mogio
tanto ormai lo sanno tutti
che io son diventato frocio.

Ciao Pat te la dedico sta cotta e mangiata.
Hai gatti evirati? Porelli, poracci
l'hai ridotti come stracci,
ma io spero che tu almeno
li hai lasciati cacciatori
de li sorci del quartiere
de le sorce dei vicini.
che ogni botta sia una tacchia
e che occorrano i pompieri
per salvarvi dai micetti
prossimi pompatori mai sazietti.

Vincenzo Iacoponi Malavisi


In quest'altro POST invece aveva nuovamente tentato con un haiku  il numero 74 e il nostro Vincenzo nonchè Iacoponi nonchè Malavisi :) :) mi ha scritto il seguito.

Un istante dopo
ritorna giù dal camino tappato
il fumo bellicoso
e turbolento,
ci riempie la casa...

spalanca tutte le finestre
che moriamo soffocati...

Che ne dite?


La poesia che segue invece è di OFELIA DEVILLE.
Oltre che nei commenti a questo mio POST la trovate sul suo blog. Basta linkare sul nome.

Terra martoriata,
devastata, che accogli
nel tuo ventre i figli caduti,
sei corpo, sangue, polvere.
Terra di pietre,
arida, crudele
sei sudore della fronte,
pane di fatica.
Terra fertile, generosa
che doni dolci frutti
dove fioriscono primavere.
Terra matriarca
antico canto di donne,
alchimia della natura,
sei l’essenza della vita.
(© Ofelia Deville)

12 commenti:

  1. PAT, sei una delle poche persone che capisca qualcosa di poesia, che quando è burlesca fa bene al cuore. Son curioso di vedere come tu abbia reagito all'ultima mia cotta e mangiatae...vado a controllare.
    Ciauuuuuuuuuu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo buono, Vincenzo!
      Scusa anche il ritardo ma mi sono appena collegata. Adesso vado a leggere ma so già che non sarò delusa.
      ciaooooooooooo

      Elimina
  2. Cara Patrizia, fai bene a ripeterlo spesso tutto questo!!! Purtroppo ce che le copia.
    Ciao e buon fine settimana con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E senza chiedere il permesso...
      Grazie stella e buon sabato

      Elimina
  3. Bella carrellata di poesie, le apprezzo sempre tanto!
    Baci, Penny :-)

    ps: leggi qui!

    https://lagiostradeilibri.blogspot.it/2017/09/liberi-i-miei-versi.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono bravi vero? Molto!
      È un piacere ospitarli!

      A te dico grazie di cuore! Un bacio!

      Elimina
  4. Complimenti a Vincenzo per le sue poesie ironiche e graffianti, complimenti a te che sei una perfetta padrona di casa e complimenti anche a me.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da parte mia cerco di fare il possibile 😊 ma voi tutti meritate pubblicità.
      Bacio e comolimenti a voi!

      Elimina
  5. Oh, che bei versi, soprattutto la poesia di Ofelia mi ha colpito in particolar modo!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero beli Luzia!
      Vincenzo è più ironico e sarcastico. Ofelia profonda e seria.
      Entrambi però sanno sempre qualicorde toccare.
      bacio!

      Elimina
  6. Complimenti a tutti per gli ottimi versi.
    Serena domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a nome di tutti, Vincenzo!
      Buona domenica a te!

      Elimina

Chi commenta su questo sito lo potrà fare solo loggandosi a Blogger o Google. Deve quindi essere consapevole che il suo username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile. Potrà portare al Profilo di Blogger o a quello di Google+ a seconda della impostazione che si è scelta.
Leggere qui la POLICY PRIVACY