venerdì 5 gennaio 2018

Come un Dio immortale



Questo libro partecipa alla SFIDA ALL’ULTIMA PAGINA – READING CHALLENGE 2018


Come un Dio immortale
di Maria Teresa Steri
Amazon (2017)


Primi pensieri su Maria Teresa Steri. Bravissima! Prova notevole!
Primi pensieri sul libro. Eccellente!

E ora mi spiego.

Dicono che il secondo libro sia più difficile del primo soprattutto se il primo ha ricevuto un riscontro positivo. Troppe aspettative da parte dei lettori rischiano di far cadere l’autore in banalità o forzature.
Per Maria Teresa Steri niente di tutto questo. Anzi, questa sua prova è anche superiore a Bagliori nel buio. Se possibile.
Maria Teresa si dimostra ancora una volta scrittrice completa, in grado di coinvolgere il lettore in storie incredibili ma realistiche, interessanti e attuali.
Leggendola, si “cade” nel libro. Ci si trova invischiati nella trama e nelle vicende dei personaggi. Si partecipa.

Il suo stile elegante, lineare, pieno di energia e senza fronzoli  fa capire le sue capacità. Ci fa comprendere il grande lavoro di ricerca che c’è stato dietro all’atto stesso dello scrivere. La sua continua ricerca di perfezione. E non è assolutamente un critica quest'ultima frase.  Ogni parola è dosata, calibrata, usata nel modo giusto e rende ampiamente l’idea del suo pensiero. Niente è lasciato al caso. C’è cura e amore in questo romanzo. E tutto questo riesce a rendere scorrevole il libro senza appesantirlo con nozioni inutili o in soprappiù. Non lo rende “massiccio”.

Quanto al libro… beh! La trama è complessa e molti sono i personaggi ma nonostante questo si riesce a seguirla benissimo. Prende.
Tutto parte da un’aggressione in un parco cittadino, aggressione che cambierà la vita a tutti i personaggi del libro. Ci prenderà per mano e ci accompagnerà su una rotta complessa su un mare mai calmo, spesso in burrasca, non sapendo se la prossima onda ci annegherà o se riusciremo ad avere noi la meglio.
Potrebbe sembrare una storia semplice ma non lo è affatto. E’ il capire che la vita così come se la trova davanti Flavio, il protagonista, non gli piace. E' il diventare una ricerca continua di una strada diversa. La sua strada. Senza clichè, non preconfezionata dalla morale e dalle abitudini. Fuori dagli schemi mentali della gente normale.
L’incontro tra Flavio e Lyra, la ragazza scomparsa da bambina in modo misterioso, aprirà il vaso di Pandora ma da questo vaso usciranno non solo i mali del mondo ma anche cose buone. E speranza per il domani.
Il malessere strano che Flavio prova troverà anche a causa e grazie ad esso la medicina giusta perché troverà se stesso, troverà quel coraggio e quella determinazione che non credeva di possedere. Farà finalmente pace con sè riappropriandosi del proprio io.
E sarà così anche per gli altri. Tutti passeranno attraverso peripezie che non vi voglio svelare ma tutti ne usciranno diversi e più forti. Finalmente in pace anche loro. Capaci di guardare avanti con occhi nuovi.

Anche in questo libro si respira aria di esoterismo. C’è qualcosa di occulto ma questa volta viene approfondito maggiormente e vi confesso che in alcuni punti mette brividi, non per i fatti narrati, niente di pauroso o truculento, ma al pensiero che se certe cose fossero mai possibili l’umanità sarebbe agli sgoccioli.
In mezzo alla realtà così come la conosciamo noi, al mondo che viviamo abitualmente, si mescolano una realtà e un mondo diverso. Buono e cattivo come il nostro.
E forse la lezione del libro è proprio questa. Saper scegliere tra il bene e il male,  sia in questo mondo terreno che in quello ultraterreno. Il bene non può esistere senza il male e viceversa ma noi abbiamo possibilità di scelta. Basta guardarci dentro  e cercare quali valori o disvalori scegliere.

Sarà che è il mio genere, sarà che sono abbastanza interessata a certe manifestazioni, a certe storie arcane e sovrannaturali, ma questo libro mi ha veramente coinvolto. Ho amato la trama e i  personaggi. Ho apprezzato Flavio nonostante certe sue pecche umanissime, Lyra, Milena e Rocco perché ho capito, Maria Teresa ci ha fatto capire senza fatica, il loro dolore profondo, la battaglia che sostengono contro loro stessi per ritrovarsi.
Battaglia che tutti combattiamo ogni giorno per non soccombere.

Non ho mai dato voti ai libri di cui vi parlo ma questa volta faccio un’eccezione e un bel 10 a Maria Teresa lo do molto volentieri.. Meritatissimo!
Patricia

22 commenti:

  1. Ciao Patrizia,
    grazie per questa recensione, mi hai molto incuriosito ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ste, è veramente un bel libro. Maria TEresa si conferma scrittrice notevole. Merita un pubblico più vasto
      Buona Befana!!!!!

      Elimina
  2. E complimenti a Maria Teresa :-)

    RispondiElimina
  3. Cara Patrizia, parlare di questo libro è già tanto solo il titolo già ti avvia per leggerlo.
    Ciao e buon fine settimana con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. uao credo che piacerà anche a me ... da come lo hai narrato ....mi metti curiosità ...come stai? passata influenza? bacio tanto non mi contagi a distanza ah ah ah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bel libro Giusi! Coinvolge.

      Influenza no però una tosse e un raffreddore da far luce. Sta passando comunque, grazie!
      Bacio!

      Elimina
  5. Ottima recensione. Mi hai incuriosito assai. Merito tuo se la andrò a leggere, per cui te ne ringrazio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prego, Vincenzo!
      Però ti correggo. Io non faccio recensioni, non sono una critica letteraria e non ne sono all'altezza. Quando leggo un libro e mi piace parlo delle sensazioni che mi ha regalato. Dei pensieri.dubbi o certezze che ha fatto nascere in me. Ognuno poi trova quello che gli è più congeniale. Magari se lo leggi tu scopri sensazioni e cose che non ho trovato io

      Elimina
  6. Patricia, ti ringrazio moltissimo per questa bellissima recensione, sappi che mi hai regalato delle vere emozioni nel leggere alcuni passaggi. Mi fa anche molto piacere quando hai detto che "se certe cose fossero mai possibili l’umanità sarebbe agli sgoccioli". Certo "Come un dio immortale" è principalmente un romanzo, narrativa, ma nel mio piccolo spero che possa trasmettere anche qualcosa in più a chi legge, in particolare sull'essere umano e sulla realtà che ci troviamo a vivere. Ancora grazie per aver apprezzato la storia e averne parlato qui sul tuo blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi è piaciuto così tanto che non potevo parlarne diversamente. Non è piaggeria :)
      Lo so che è un romanzo ma resta il fatto che tocca corde conosciute vistp che di sette e simili se ne sente parlare parecchio da Scientology a....
      Adesso però aspetto il prossimo ahahahhaahha

      Elimina
  7. Ah, volevo anche ringraziare tutti i tuoi lettori per aver letto e commentato! Approfitto ancora un attimo della disponibilità e dello spazio anche per far sapere che questo romanzo sarà in offerta a 0,99 euro per la festa dell'Epifania, già da oggi fino a domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te a nnome di tutti.
      Per la pubblicità hai fatto benissimo! Lo spazio è qui a disposizione.
      Un bacione e buona befana!

      Elimina
  8. Un libro da prendere in considerazione.
    Un abbraccio e ancora auguri per il nuovo anno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero un bel libro Ofelia. Maria TEresa sa scrivere. Indubbio
      Bacio e... buona befana, posso? Massì che posso son più vecchia.... ahahhahahah

      Elimina
  9. Bellissima recensione, e poi dici che non ci sai fare!
    Un abbraccione :-)

    RispondiElimina
  10. Ho letto il libro di Maria Teresa e confermo le tue impressioni, Patricia. Una storia coinvolgente scritta veramente bene. Maria Teresa si dimostra una scrittrice matura e degna del gran salto nel panorama letterario italiano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rosalia, benvenuta e scusa il ritardo ma non sono stata bene.
      Concordo con quello che dici. Maria TEresa merita un pubblico vasto!

      Elimina
  11. Bellissima recensione Patricia e, avendo letto il libro di Maria Teresa, non posso che confermare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giulia, benvenuta anche a te e scusa il ritardo nel rispondere.
      E' il secondo libro di Maria Teresa che leggo e decisamente sono entusiasta. E' grande!

      Elimina

Chi commenta su questo sito lo potrà fare solo loggandosi a Blogger o Google. Deve quindi essere consapevole che il suo username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile. Potrà portare al Profilo di Blogger o a quello di Google+ a seconda della impostazione che si è scelta.
Leggere qui la POLICY PRIVACY