lunedì 5 febbraio 2018

Come nuvole


Come nuvole,
randagi
i miei pensieri
vanno
per uno spazio
senza limiti.
Liberi
di galoppare
Nè confini
nè margini
catene
e cancelli
a costringerli
in poco spazio
E corrono
e vanno via veloci
Come è difficile
a volte riacciuffarli!
Patricia


18 commenti:

  1. Ieri sera
    tra lusco e brusco
    ho scoperto una nuvola
    che scorazzava solitaria
    e giuliva
    lungo i prati del cielo
    ancora intatti.
    Ho penato che fossi tu, venuta
    da lontano a cercarmi
    per scaricarmi addosso
    tutte le tegole
    che avevi strappato via
    dai tetti aguzzi
    delle case dei tuoi paesi
    per fare il tiro a segno
    sulla mia cabeza
    e cercare
    di farmi diventare più umano,
    più mite
    nei tuoi confronti.
    Tutta la notte
    ho tenuto un occhio aperto
    e stamattina
    prestissimo ho sollevato
    lentamente le tapparelle per vedere
    se la nuvola fosse
    sempre lì.
    Purtroppo era già andata via
    ma aveva lasciato
    per terra
    il ricordo di sé:
    un mucchietto di neve.
    Ma io non mi sono
    fidato.
    Io lo so come sei
    non sarebbe da escludere
    che tu avessi
    dipinto di bianco
    la cacca delle vacche
    che ieri pomeriggio
    pascolavano
    qui sotto.
    No, Pat, non potrai
    mai fregarmi così facilmente.

    VIN.IAC.MAL.

    Ciau, cerea, stammi ben.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahhahah sei il solito!

      Elimina
    2. E mannaggia!!!!!! Non ci sono riuscita a fregarti.. ma prima o poi..... ahhahhahahahahaha
      Haa ragione Mariella. SEi sempre il solito bimbo birichino! AHAHAHAHAHAHAH

      Elimina
  2. i pensieri sono come l'aria, non li puoi intrappolare puoi solo soffocarli nel sangue, ma se chi li ha pensati muore, loro come idea, manifesto, urlo nel vento, restano e non possono essere schiacciati.

    RispondiElimina
  3. Cara Patrizia, vedo che incominci bene la settimana complimenti per questi versi.
    Ciao e buon pomeriggio con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. Sai come si riacciuffano? Con carta e penna, ma TEMPESTIVAMENTE!^^

    Moz-

    RispondiElimina
  5. Belli i tuoi versi, belli i versi di Vincenzo. Complimenti a tutti e due.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sinforosa ma non dire a Vincenzo che i suoi versi sono belli... poi chi lo tiene più? ahahhaahhahaahah
      Grazie a nome di entrambi!

      Elimina
  6. i pensieri sono come l'aria non li puoi fermare, li puoi uccidere o meglio puoi colpire chi li immagina, ma il pensiero in quanto tale non è possibile fermarlo, è come il vento ed arriva ad ognuno di noi forte, deciso, determinato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. VEro! E' importante però che quando il portatore di certi pensieri viene messo a tacere, ci sia qualcuno che ne raccoglie l'eredità :)

      Elimina
  7. Grazie Pat,oggi mi serviva proprio un pensiero così dolce.
    Ciao!

    RispondiElimina
  8. Nè confini, né margini.
    Poesia pura.
    Smack.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie stella!
      Io credo che se ci fossero confini a cosstringere i pensieri, questi non sarebbero liberi. Forse più che pensieri sarebbero indottrinamenti :)
      Bacio

      Elimina
  9. bellissima la foto e la poesia, complimenti come sempre

    RispondiElimina

Chi commenta su questo sito lo potrà fare solo loggandosi a Blogger o Google. Deve quindi essere consapevole che il suo username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile. Potrà portare al Profilo di Blogger o a quello di Google+ a seconda della impostazione che si è scelta.
Leggere qui la POLICY PRIVACY