sabato 3 febbraio 2018

Le molliche del commissario, la prima indagine di Vivacqua

Questo libro partecipa alla SFIDA ALL’ULTIMA PAGINA – READING CHALLENGE 2018
DI Kly e Denny del blog http://tucc-per-tucc.blogspot.it che ci hanno sfidato con questo POST http://tucc-per-tucc.blogspot.it/2017/12/sfida-allultima-pagina-reading.html
  
Le molliche del commissario, la prima indagine di Vivacqua
C. F. DeFilippis
Giunti editori (2015)





Girovagando su amazon ho trovato un titolo che mi ha incuriosito.
Le molliche del commissario.

Le molliche…. 

Frammenti minuscoli che possono aiutare proprio come le briciole di pane di Pollicino.
Questa però non è una favola a lieto fine. E’ un vero e proprio noir italiano. Un bel noir. E il lieto fine inteso come giustizia che trionfa e colpevoli in gattabuia c’è ma lascia l’amaro in bocca. La cupidigia, l’avidità, la cattiveria di spiantati e mostri con l’abito della festa la fanno da padrone. Non vincono a lungo andare ma lasciano nel loro percorso una scia di sangue e dolore.
Nel miglior stile noir.


De Filippis è stato una vera e piacevole sorpresa.

La vicenda è complicata. A dire il vero sono due solo all’apparenza distinte. Complicata ma avvicente. Omicidi strani e incomprensibili che coinvolgono insospettabili che molto hanno da nascondere per salvare la faccia. Ma l’autore non fa sconti a nessuno nel dichiarare pregi e difetti, l’omertà, il cerotto pulito che nasconde pus. E non lo fa da bigotto ma da persona con appunto una precisa etica morale.

I personaggi sono sanguigni e reali, ben disegnati; ognuno col suo carattere ma comunque in simbiosi l’uno con l’altro. Da vera squadra.
Il commissario, il suo vice, gli ispettore fino agli agenti, tutti uniti dallo stesso punto di vista e dalla stessa professionalità.
Si respira aria di rispetto e stima e quasi un rapporto di amicizia.
Una piccola pecca forse è la descrizione fisica dei vari personaggi man mano che entrano in scena. Peso, altezza, corporatura… ma è una sciocchezza. Si legge una volta e basta.
Ecco! Forse è unpo’ scontata la poca stima di Vivacqua e dei suoi nei confronti delle alte sfere, dei superiori, ma è un libro d’esordio. Perdonato!
Patricia

10 commenti:

  1. Cara Patrizia, ogni tuo argomento lo sai rendere sempre molto interessante.
    Ciao e buon fine settimana con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Questo libro spero esista anche sul Kobo, perché promette molto bene.
    Ciao bella!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho trovato su amazon Poi non so dirti. Io sono arecchio soddisfatta della lettura
      Ciaoooo

      Elimina
  3. Uhm, conoscendomi, dici che mi piacerebbe?
    Abbraccio del sabato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uhm... a me è piaciuto e devo dirti che scorre bene come lettura.
      Dimentica però Ricciardi. Come commissario burbero forse assomiglia più a Montalbano ma nemmeno troppo. Ha con Montalbano alcune somiglianze tipo il non sopportare i superiori ed avere una squadra con la quale ha quasi un rapporto di amicizia. E' comunque meno scontroso di Salvo.
      Tutto sommato direi di sì, che potrebbe piacerti :)

      Elimina
  4. Mai letto, ma provvederò......
    un abbraccio, scopritrice di bei libri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C iao Flo, tu poi sei buona cliente di amazon se non sbaglio ahahahahahah
      Bello. Non stupendo ma mi ha lasciato soddisfatta della lettura.
      Buona domenica

      Elimina
    2. Eh si il signor Amazon mi vede come cliente perché le librerie mi deludono, poi dare soldi a lui o a Mondadori, che differenza fa? vorrei le piccole librerie dove si entra, si parla e si diventa amici, ma sono scomparse, purtroppo

      Elimina
    3. Ti capisco Flo. Anche a me manca il mio "vecchio" libraio. Potevo parlare di libri e farmi un'idea più ampia. Chiedere di un titolo o di un autore... ormai...

      Elimina

Chi commenta su questo sito lo potrà fare solo loggandosi a Blogger o Google. Deve quindi essere consapevole che il suo username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile. Potrà portare al Profilo di Blogger o a quello di Google+ a seconda della impostazione che si è scelta.
Leggere qui la POLICY PRIVACY