giovedì 22 marzo 2018

Vedo la pioggia


Vedo la pioggia che scivola sul vetro, La sento ticchettare sulle foglie, sulle tende. Forma possanghere. Ci cade dentro e rimbalza via come a voler tornare indietro.
Perchè seri così triste, Giove Pluvio?
Perchè piangi amare fredde lacrime?
So che il mondo non è quello che tu avresti voluto. So che la delusione è forte.
Ma noi non siamo dei. Siamo soltanto uomini fallaci. Più litigiosi di dee rivali per bellezza. Più guerrafondaio di Ares, signore della guerra. Più invidiosi di Ate, cacciata da casa.
Più aridi del deserto quando si tratta di altri.
Più stolti degli stolti perché non vogliamo capire che anche noi siamo “altri” per qualcuno.
Patricia


18 commenti:

  1. Siamo altri per qualcuno... E in un attimo, potremmo essere "nessuno" eppure essendoci. Buono che almeno siamo qualcuno per gli altri...

    Buona giornata,
    podi-.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Essere nessuno pur essendo presenti è la cosa peggiore, Carlos.
      Per qualcuno però saremo sempre altro. Sì! Sono d'accordo.
      Ciaooo

      Elimina
  2. Vedo la tua eccellente poesia e rilancio con la mia...

    Quando fuori piove

    Lacrima il cielo
    forse ha perduto un po’ della sua gioia.
    Da dietro la mia finestra scende dolcemente, scende a catinelle
    scende come tempesta, scende sempre
    Ma presto finirà e il sole tornerà.
    Lacrime dell’anima, lacrime del cuore
    Esse scendono dolcemente, dolorosamente, Sempre
    ma anche questo finirà
    ed il sole verrà
    con in dono l’arcobaleno dai sette colori
    per curarti da ogni dolore e darti amore.
    È sarà bello domani
    è ci sarà il sole domani.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellisima, Anna! Piena di speranza per il domani. Come deve essere :)

      Elimina
  3. Molto bella Patricia, fa riflettere. Buona giornata.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sinforosa. Buona giornata a te

      Elimina
  4. Cara Patrizia, anche qui ai trovato dei bellissimi versi, compimenti cara amica.
    Ciao e buon pomeriggio con un forte abbraccio e provo a sorridere:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao stellina!Ti ringrazio e ti mando un bacine grande

      Elimina
  5. Parole profondamente malinconiche e tristi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si attraversano dei momenti in cui tante cose vanno storte. Sabato, quando ho scritto questo post, pioveva. Era grigio fuori e dentro di me. Capita purtroppo

      Elimina
  6. Con tutte queste poetesse scappo via subito.
    Saluti.
    Giove Pluvio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahhhhahahah ma ti facciamo così paura? ahhahahah
      Giunone e colleghe ahahhahahahh

      Elimina
  7. Ate a dire il vero, nella teogonia, se ne va sua sponte dall'Olimpo :-)
    Bellissima poesia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sempre fuori da piedi però... ahahhhahaahahh
      GRazie stella!

      Elimina
  8. "Più stolti degli stolti perché non vogliamo capire che anche noi siamo “altri” per qualcuno"

    A volte non siamo nessuno. Può succedere!
    Per il prossimo verseggiando ti propongo queste parole:
    Cassiopea
    Mare
    Contrizione
    Siderale
    Eclittica.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Succede anche quello, purtropppo, Ofelia!

      Perfetto! Ti ringrazio delle parole. Le useremo per Verseggiando 4. Preparo subito il post altrimenti con il caos che ho intorno rischio di perderle per strada ahahhah l'età!!
      Bacio!

      Elimina
    2. Nonna diceva che quattro occhi vedono megli di due e due teste le azzeccano meglio si una sola.
      Aveva ragione nonna.

      Allora eccoti VERSEGGIANDO 4

      ECLITTICA
      è la sfera boreale
      che dardeggia sul MARE
      rubiconda,
      che sgarra l'onda
      nobile di CONTRIZIONE
      SIDERALE
      con la sua forma a W
      sta CASSIOPEA
      come scrivemmo la prima volta
      a scuola
      "W la f..a della maestra";
      sfolgoravano i nostri denti
      nella risata muta.
      Chi scrisse? Chi tanto osò?
      Io? Enrico Emme?
      Chi altri?

      VINCENZO IACOPONI MALAVISI

      È tutta tua, Pat.

      Elimina
    3. ahahhahahaahh evviva la nonna tua allora!
      La mia invece rompeva le scatole. Che fai? Tanto non sei capace sprechi tempo e roba...
      va beh! altri tempi.

      Tu invece sei un vulcano! Parte il 9 aprile Verseggiando 4 ahahhaahhaha
      Ok ok.. quando l'ispirazione viene viene... ahhahaahha e non sia mai che te la lasci scappare!

      W la.... firma, vero??????? ahahahahahahh

      Ma guarda te se prima di pubblicare il post per lanciare il giochetto devo già preparare quello di riepilogo ahahahahahaha ma mi fai lavorare!

      Elimina