venerdì 9 marzo 2018

VERSEGGIANDO 3

             VERSEGGIANDO 3         
   
Eccoci al 9 del mese per dare inizio alla terza puntata di

             VERSEGGIANDO
il fratellino minore di INSIEME RACCONTIAMO, ultimo nato nel myrtilla'shouse e che invita tutti i poeti e poetesse e aspiranti tali a cimentarsi in una composizione in versi.
Come sapete non ci sono regole che prevedano uno stile particolare  e nemmeno una certa lunghezza. Massima libertà su questo.
L'unica regola severisssssssssima ahahhhah è quella di usare tutte e cinque le parole che vi segno sotto.
Nell'ordine che preferite magari ma dovete usarle tutte e cinque scrivendole in grassetto o in maiuscolo come vi è più comodo nei commenti a questo post.
Avete tempo fino al 19 marzo. Il 21 io preparerò il riepilogo come le altre volte.

Ma ecco a voi le PAROLE OBBLIGATORIE.
questa volta sono state scelte da CRISTIANA MARZOCCHI
 
  fruscio
amigdala
deserto
museo
caramella
Buon componimento a tutti!
Patricia

46 commenti:

  1. L'amigdala, o corpo amigdaloideo, è una parte del cervello che gestisce le emozioni e in particolar modo la paura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusate il ritardo... pant pant.. ol fiatone ma arrivo :D)
      Grazia della spiegazione Anna

      Elimina
    2. Perfetta spiegazione, grazie.

      Elimina
    3. L'amigdala o bifacciale è anche un utensile in pietra o in legno appuntito e tagliente usato dagli uomini primitivi

      Elimina
    4. L'amigdala o bifacciale è anche un utensile in pietra o in legno appuntito e tagliente usato dagli uomini primitivi

      Elimina
    5. Davvero Fabio? Non lo sapevo. Vedi che c'è sempre da imparare :) Grazie dell'info.
      Nella mia poesia ho usato il termine nell'accezione più conosciuta. Colpa mia. Mi sono fermata alla prima informazione su internet ahahahahaha

      Ciao e se vuoi mettere una delle tue belle poesie, di quelle che sai scrivere tu, fatit avanti. Ti aspettiamo! :)

      Elimina
  2. Il fruscio del vento
    e una parola sospesa in esso: amigdala!
    Già, paura di che?
    Il tuo corpo sospira in essa.
    Forse del deserto cuore mio?
    abbassi gli occhi insicura.
    Forse del museo dei miei ricordi?
    Muovi I piedi come a volerli cacciare via.
    Forse, semplicemente, la caramella che ero e non sono più?
    Alza il capuccio ragazza,
    tira troppo vento oggi, nella tua vita
    e copriti meglio che si vede
    che la tua anima ha freddo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assai intimistica, Anna, caramella di te stessa.
      Potrei sapere di che gusto tu fossi?

      Elimina
    2. tu che gusto vi avresti dato?

      Elimina
    3. Molto intima, Anna! Bellissima! Complimenti!

      Elimina
  3. Molto stimolanti le parole di Cristiana. Non mancherò anche a questo giro ovviamente :-)))

    RispondiElimina
  4. Eccola :-)))

    "CARAMELLA AVVELENATA"

    FRUSCIO sospetto,
    Poi avverti un suono particolare
    Come uno scatto di una vecchia reflex
    Uno strano "click" d'altri tempi.

    Se sei attento e vicino
    Puoi appena coglierlo in quel breve istante di silenzio.

    Poi un devastante boato illumina il cielo
    E deflagra spargendo sangue dentro un mercato.

    E' l'ennesima CARAMELLA avvelenata
    Che travolge ed uccide vite innocenti
    In questo DESERTO di anime chiamato Afghanistan.

    AMIGDALA ormai guasta
    Per assuefazione alla paura
    Non rileva più in noi alcuna emozione
    Nè terrore
    Ma insana abitudine
    Scioccante rassegnazione
    E profondo dolore.

    Ed il nostro animo
    Come un triste MUSEO di croci
    Sepolte dentro un mare di lacrime.

    DANIELE VERZETTI ROCKPOETA®

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissima e molto attuale, Daniele.
      Hai il mio voto.

      Elimina
    2. Leopardiño amico dei dentisti 😅

      ((comunque bella;))

      Elimina
    3. Menomale che non sei mancato Dani!!!!!
      Stupenda! L'idea del vuoto cosmico che ormai gravita intorno alle persone così assuefatte al brutto, all'orrore alla morte da non farci quasi più caso...
      Solo il dolore resta ma per quanto?

      Elimina
  5. Leggerò le poesie con piacere!
    Baci :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leggi, Franny, che da quel che ho letto io meritano davvero!
      Ciaoooo

      Elimina
  6. Non sono una poetessa ma sono una lettrice, dunque aspetto :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci daremo da fare per te allora :)
      Bacio!

      Elimina
  7. Eccoti il mio contributo, Pat.

    Uno strano FRUSCIO mi inseguiva
    mentre salivo le scale del MUSEO
    faticosamente sorreggendo lo scheletro
    della mia ultima creazione,
    un due metri e quaranta per due metri
    da esporre in una delle ultime sale.
    In quel DESERTO notturno con poca luce
    quello "sciiitt, sciiitt, sciiitt" dietro
    le mie spalle sollecitava a mille
    la mia AMIGDALA, messa a dura prova
    scalino dopo scalino.

    Cosa mai sarà? Cosa avverrà adesso?
    A chi ho pestato i calli ultimamente?

    In cima alla scala mi fermai rifiatando
    e controllai: avevo agganciato una tenda
    all'ingresso e me la stavo trascinando dietro
    come il velo una sposa.
    Oh sospirone di sollievo, oh gioia non più
    repressa! Staccai il tendone e prima
    di arrivare alla sala assegnatami
    scartai una caramella di Mentolo,
    che normalizza il fiatone e l'alito profuma
    e me la succhiai avidamente.

    VINCENZO IACOPONI MALAVISI

    RispondiElimina
  8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  9. Ciao Pat, questo è il mio contributo e faccio i miei complimenti ad Anna, Daniele e Vincenzo per i bei componimenti.

    Brucio i giorni
    incagliata in questo corpo
    prigioniera delle forme informi
    dei pensieri laterali
    che mi rivestono.

    Inferno DESERTO,
    MUSEO decadente dell’effimero,
    amorfa AMIGDALA
    paura che taglia le ali dell'immaginazione
    allucinante abbaglio
    che distrugge i tasselli della mente.

    Silenzioso grido,
    sgomento vero
    che scompone le regole
    dell'apparente quieto vivere,
    nel FRUSCIO stropicciato
    io non sono più respiro,
    in questo finto lamento
    attendo la perfetta realtà
    col suo suono disuguale.

    Smembrata, dissociata,
    in questo piano sospeso
    ora nuda e inerme
    mangio una CARAMELLA,
    e con mani deformi
    brucio i giorni che mi restano
    vomitando l’anima
    cercando di udire
    la vita vibrare nel mio petto.
    (© Ofelia Deville)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sei brava, collega! Giù il cappel
      E ci metti anche il copyright.
      Ofeliaaaaaaa, ti saluto. Sono il tuo Amleto.

      Elimina
    2. Meravigliosa. Ti vengo trovare a casa per conoscerti meglio 😘💕💞❤

      Elimina
    3. Grande Ofelia!!!!!!
      Davvero stupenda e sofferta! Complimenti

      Elimina
  10. Si scartò una caramella
    dentro il museo ormai deserto
    un fruscio sospetto la fece sobbalzare
    amigdala entrò in funzione
    la paura s'impadronì di lei
    e scappò a gambe levate.
    sinforosa
    p.s. per favore non ridete di me. Ah... ah... ah...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ❤💞😘 Delicata cone te❤

      Elimina
    2. Perchè dovremmo ridere, Sinforosa?
      Sei simpaticissima!

      Elimina
  11. ​Il dormiveglia attivava l'amigdala
    piccola caramella amara
    che destava le paure.
    Avrebbe voluto che la mente fosse
    un deserto, uno spazio vuoto
    privo d'emozioni virtuali o
    vissute che fossero,
    ma quando chiudeva gli occhi
    l'assaliva il fruscio dei ricordi
    e come in museo vedeva le immagini
    delle gioie provate
    degli errori vissuti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sarebbe più pace... o forse più vuoto?
      Bella davvero! 😚

      Elimina
    2. Non c'è che dire, stai recuperando terreno a vista d'occhio. Speciali le 5 parole 5 e speciale questa poesia.
      Bravissima e complimenti.

      Elimina
  12. Un gelido FRUSCIO di ghiaccio e stelle nella notte
    Occhi dormienti svegliati improvvisamente
    Batticuore
    Nel pugno chiuso una AMIGDALA
    Tagliente pietra nella sanguinolenta mano
    Nessun dolore nel profondo taglio
    Doloroso palmo succhiato come fosse una CARAMELLA
    Un gelido fruscio di ghiaccio e stelle nella notte
    Occhi dormienti svegliati improvvisamente
    Ululati
    Batticuore
    Un DESERTO la foresta nella notte
    Ombre
    Oscure paure nei battiti del cuore
    Occhi sbarrati dentro la tenda
    Il fuoco ormai spento gelava l'erba
    Mentre il sangue continuava ad uscire dalla mano
    Pugno chiuso a stringere paure
    Nelle angosce primitive raccontate al MUSEO
    Alle genti curiose di sapere del tempo perduto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E bravissimo Fabio! E benvenuto nel gruppo.
      Ci hai portato indietro nel tempo con un'immagine viva.
      Davvero bella, complimenti! Ma io non avevo dubbi su questo leggendoti su g+ 😊
      Metto subito nel riepilogo del 21 marzo.
      Grazie!

      Elimina
    2. Grazie a te Patricia.
      Per me è stato un vero piacere.
      Non so il motivo del doppio invio.
      Comunque
      ...ciu is mei che uan 😁

      Elimina
    3. Semper 😃
      Non ci son problemi 😉 a me capita ben peggio.
      Tolgo il doppione.
      Grazie ancora! Comunque se sei interessato il 9 di ogni mese parte una nuova puntata.
      Ciaoooo

      Elimina
    4. Sì... ci sarò 😃
      Ciao Patricia
      ⚘mi piace questa tua iniziativa⚘

      Elimina
    5. Ti aspettiamo con ansia allora.
      Intanto nel riepilogo del 21, vedremo se qualcuno vorrà indicare le 5 parole per il prossimo gioco. :)

      Elimina