martedì 17 aprile 2018

La vita è un arcobaleno


La vita è un arcobaleno.
Nel momento in cui si nasce, inizia la sua fase ascendente. Tra mille colori e mille sfumature diverse. Dal nero al blu al rosso, passando per tonalità a cui nemmeno sappiamo dare un nome.
Giunto al suo apice, inizia la fase discendente, sempre più giù, fino a ritornare alle origini.
I colori, le sfumature, i luccichii però non si perdono in questo percorso.
Siamo noi che non sempre riusciamo a vederli. Che ce li lasciamo sfuggire per mille e uno motivi diversi.
Vuoi che si chiamino problemi oppure rabbia, cecità oppure egoismo, siamo incapaci di osservare la vita nella sua colorata variabilità, nei suoi molteplici cambiamenti e passiamo dal tetro nero alla luce abbagliante perdendoci tutto l’azzurro il rosa il dorato che si trova nel mezzo.
Patricia




26 commenti:

  1. Io quando vedo l'arcobaleno penso sempre che l'arcobaleno è un regalo che Dio fece all'uomo. Il patto che Dio non avrebbe più portato un diluvio sulla terra.
    (Genesi 9: 13-15)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E insomma questo mi dà speranza. Poi a livello artistico e biologico è un capolavoro. Tutte quelle particelle d'acqua che prendono luce e diventano colore. Semplicemente mwraviglioso.

      Elimina
    2. L'arcobaleno è un capolavoro!
      Poi da atea non so se è un regalo di Dio o della natura

      Elimina
  2. A me piace molto l'arcobaleno. Ricordo ancora quella volta in cui era il giorno del mio compleanno e io ero piuttosto triste per varie ragioni. Proprio quel giorno sul cielo si formò un arcobaleno. Mi sentii subito sollevato, lo considero il più bel regalo di compleanno che abbia mai ricevuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appena finisce un temporale io sono fuori col naso all'insù a cercarlo :)
      Regalo inaspettato eh.... che bello!

      Elimina
  3. Molto bella e significativa. Ciao e buona giornata.
    sinforosa

    RispondiElimina
  4. Interessante il tuo punto di vista. Io non ho mai pensato all'arcobaleno come una parabola della vita ma sempre e soltanto come una meraviglia, una bellezza della natura donataci per goderne a pieno ed in totale serenità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho pensato che quando sale verso il cielo è come l'infanzia e la fanciullezza che poi si trasformano in età adulta e mezza età. Dalla mezza età in poi... vecchiaia e la strada si fa in discesa verso il ritorno alle origini: quel luogo non luogo dove eravamo prima di nascere.

      Al di là di tutto, è uno spettacolo favoloso! La luce che si rifrange in quelle minutissime particelle d'acqua e assume colori tutti suoi :)

      Elimina
  5. Cara Patrizia, non so! Come sei riuscita a catturare questo meraviglioso arcobaleno.
    Ciao e buon pomeriggio con un forte abbraccio.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è mia la foto, Tomaso. Non sono così brava :)
      L'ho presa sul web.
      Chi l'ha scattata però è stato un mago!
      BAcio!

      Elimina
  6. Se i poeti potessero "bestimmen", decidere della propria vita e di quella degli altri sono certo che il mondo sarebbe migliore, anche il mio.
    Straordinaria la tua parabola -o che io debba ricredermi su di te, caciarona, e pensarti come creatrice di immagini, eppure mi piacerebbe- pensata spero in un momento di intima solitudine col tuo IO, magari svegliandoti di soprassalto alle quattro del mattino, l'ora del languorino, che poi si resta a letto per pigrizia.
    Io invece ogni volta che vedo un arcobaleno ci vedo l'accanito lavoro di angioletti che mettendo insieme goccioline d'acqua rimaste sospese dopo un temporale, sbavando perché loro poverini nemmeno possono respirare e quindi non rifiatano, mettono su quella mezzora di spettacolino per tutte le poetesse notturne delle quattro del mattino, pigrone e sbuffanti, che tireranno fuori tra le tante teorie del cavolozzo fritto anche questa -carinissima- della parabola della vita.

    Übrigens: dalla tua foto postata più che una parabola benefica sembrerebbe una missilata sparata da un caccia merrecano sulle chiappe del Koreano nordico o di Putin, e speriamo non lo colga altrimenti sarebbero missili nostri e non parabole.
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono idee che mi vengono prima di addormentarmi :) quando nel dormiveglia mi dico: basta pensare a Vincenzo!!!!!
      ahhahhahahahahhaha

      Ma di missili non ne abbiamo tre, uno per ciascuno di quelli nominati??? Sai che pace dopo!
      Ciaoooooooooooooo

      Elimina
  7. Bellissima immagine della vita che è una curva ascendente e poi discendente. Diciamo che pensarla come un arcobaleno mi fa sentire meno rattristata per essere già sul lato in discesa :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahhahahaha Elena, non ti preoccupare che io la fase discendente l'ho iniziata già da qualche anno...

      Elimina
  8. Che bel pensiero, Patricia. Guardare un arcobaleno è un vero incanto, mi è capitato pochissimi giorni fa di vederne uno doppio. E' durato pochi minuti, ma è stato uno spettacolo da riconciliarti con il mondo. Per usare il tuo paragone con la vita, si potrebbe dire che l'arcobaleno come la vita andrebbero contemplati dall'esterno per apprezzarne in pieno ogni sfumatura e tutta la magia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Maria Teresa.
      L'arcobaleno si può osservare dall'esterno. Per la vita non so. Forse quando saremo... trapassati. Forse è meglio guardarla dal di dentro ancora a lungo :)

      Elimina
    2. No, no per carità! Intendevo nel senso di distacco emotivo :D

      Elimina
  9. E' proprio così, siamo noi, presi da dai tanti grattacapi quotidiani, che non riusciamo più a percepire le infinite sfumature di colore della vita. Bellissimo pensiero. Un saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mirtillo.
      Io sono arrivata al punto di dire che chi dichiara di non aver problemi o conta frottole e non ne vuol parlare, o non li vede o non li capisce.
      E' che ci portano via una delle pari migliori della vita: la serenità.
      Bacio!

      Elimina
  10. Molto bello il tuo pensiero.
    Serena notte.

    RispondiElimina
  11. Una splendida metafora della vita, bravissima.

    RispondiElimina

Chi commenta su questo sito lo potrà fare solo loggandosi a Blogger o Google. Deve quindi essere consapevole che il suo username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile. Potrà portare al Profilo di Blogger o a quello di Google+ a seconda della impostazione che si è scelta.
Leggere qui la POLICY PRIVACY