giovedì 5 aprile 2018

Sonno profondo


Questo libro partecipa alla SFIDA ALL’ULTIMA PAGINA – READING CHALLENGE 2018



Sonno profondo
di Banana Yoshimoto
Uniiversale Economica Feltrinelli (2007)




Tre racconti un filo conduttore. La notte che col suo buio rende silenzioso il mondo, sfuma i contorni perché l’animo umano entra in una dimensione diversa dove tutto è bloccato in un fermo immagine che si sbloccherà al mattino.
Ma ci sono anime come quelle delle protagoniste di questi tre racconti così sensibili e diverse da non vedere sfumato ma meglio. Le cose reali e le altre.
Anime così sensibili da sentire rumori che la maggior parte della gente non ode. Cantilene dolcissime, voci che tornano da un passato ormai lontano.

In queste lunghe notti, le protagoniste affrontano un viaggio nei ricordi, in un passato fatto di persone che non ci sono più, di amori, di liti. Di solitudine forte nonostante la compagnia. Come se Yoshimoto cercasse di scandagliare il fondo dell’intimità di ognuna di loro come fa un sonar negli abissi.

Hanno anche in comune la morte di persone care. Fratelli, amiche… come a dare un senso a quella sensazione di solitudine che si portano dentro Terako, Shibami e Fumi. Morte come mancanza, come privazione di una parte di sé. Come perdita che sanguina ma che va cicatrizzata.

Racconti bellissimi, intrisi di malinconica nostalgia e dolore che affiora parola dopo parola senza che nemmeno le protagoniste se ne accorgano. Non se ne rendono conto ma questo venire a galla del dolore vissuto le porta tutte sulla via della “guarigione”, cioè del ritrovare le se stesse più forti, quelle che vedono chiaramente il loro futuro e decidono di andare avanti. Di non arrendersi.

Scrittrice molto introspettiva, Yoshimoto, con una lieve vena poetica forse tipicamente giapponese. L’apprezzo molto e son ben felice di averla scoperta.
Patricia

9 commenti:

  1. Cara Patrizia, leggendo il titolo mi sono detto andrebbe bene a me che non dormo bene.
    Ciao e buon pomeriggio con un forte abbraccio.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AHHHHHHSHH peccato che non faccia dormire, Tomaso!
      bacio stella!

      Elimina
  2. Questo forse fu il libro che, all'epoca, mi piacque meno della produzione della Yoshimoto (oggi non la leggo più, sono fermo alle sue opere dei primissimi anni 2000), ma poi col tempo ho rivalutato Sonno Profondo, almeno uno dei tre racconti. Dovrei rileggerlo oggi^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho scoperta per caso e quando ho detto alla figlia che mi piaceva come scrittrice mi ha portato su tutti quelli che ha e ne ha tanti, forse tutti. ahhahahahah
      Sarà che i racconti mi piacciono ma il libro mi ha dato soddisfazione.

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Tematiche profonde che toccano tutti e tu che le recensisci sempre con la sensibilità che ti contraddistingue.

    PS: tutto bene? Non stai più rispondendo ai commenti sul tuo blog di solito lo fai. Spero sia tutto ok.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del complimento Daniele! Quando un libro piace però è facile parlarne :)

      ps tutto bene, grazie! Ho solo avuto impegni fuori casa ieri e qunado son tornata era troppo tardi per collegarmi

      Elimina
  5. Sempre ottimi consigli.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina