giovedì 28 giugno 2018

Dal blog di Rosalia Pucci

Condivido un POST importante di Rosalia Pucci del blog http://scriverelavita.altervista.org

Argomento? Cancro.
Post? Un inno alla vita, un invito a non isolarsi sentendosi malati. 

Una frase INSIEME SI VINCE che significa molto per chi sta affrontando questa dura battaglia perchè insieme  significa tutto e di più.

Insieme ai medici infermieri e personale volontario che ci cura e ci sostiene nel duro cammino.

Insieme ai familiari e amici che ci stanno accanto quando sorridiamo e quando siamo a terra.

Insieme ai "colleghi" di malattia perchè anche facendo la terapia si può parlare di altro e magari sorridere.

Insieme soprattutto alla parte più intima e profonda di noi stessi, quella che ci sprona a non lasciarsi abbattere.
Patricia

8 commenti:

  1. Mia madre è morta di cancro quindi sono particolarmente sensibile a questo argomento, il cancro si può solo affrontare insieme agli altri senza mai isolarsi o essere isolati dagli altri.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo sapevo NIck. Mi spiace!
      Sono momenti terribili quelli... quando vedi una persona cara andarsene soffrendo così...
      Un bacione stella!

      Elimina
  2. Cara patrizia, parlare di questa tragico male spesso aiuta che lo deve sopportarlo.
    Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tomaso.
      Sai, parlarne a volte aiuta a chiarirsi. A capire cosa si prova realmente e cosa si vuol... o di cosa si ha più paura....
      Bacio stella!

      Elimina
  3. Grazie anche per questa condivisione.
    Accade che molti abbiano paura a parlare di cancro mentre altri, al sentirlo nominare, pensano ad un argomento brutto.

    Io penso si debba parlare di cancro soprattutto quando non c'è, per fare prevedenzione ed educare. Non bisogna conoscere una malattia quando c'è, ma imparare a difendersi e conoscerla anche se non la vedremo mai.

    Un abbraccione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto tutto quello che dici Dani.
      Prevenzione innanzitutto. Non averne troppa paura e affrontare l'argomento per capire. Prepararsi non proprio perchè comunque in qualunque momento capiti non si è mai pronti.

      Grazie a te per la possibilità che mi hai dato di spiegare la mia situazione e ancora più importante il mio pensiero a proposito.
      Oggi ho condiviso te :)

      Elimina
  4. Grazie cara Patricia per questa condivisione! Persino la parola cancro può far tremare qualcuno, lo capisco. Eppure questa brutta malattia si può sconfiggere, ricordiamolo sempre, con la prevenzione (fondamentale) che per una donna significa mammografia almeno alla soglia dei quarant'anni, pap test ed ecografia dell'utero. L'altra carta vincente in caso di malattia è la terapia ufficiale: chemio e radio, evitare altri metodi perché spesso fanno perdere tempo prezioso. Un altro aspetto per guarire è l'equilibrio mentale. Si può raggiungere la serenità coltivando una passione come la musica o la scrittura, oppure con le attività manuali che scaricano la mente. Fondamentale è progettare il futuro e stare insieme agli altri, socializzare e apprezzare la vita intensamente, riconoscendo che comunque vada, è un dono meraviglioso. Buona vita a tutti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovere, Rosalia! Facendo parte della "squadra" non potevo farne a meno.

      Hai scritto quasi le stesse parole che ho usato io nell'intervista che oggi Daniele Lapenna mi ha dedicato sul suo blog..
      Il domani... non pensare mai che non esisterà. Crederci assolutamente.
      Arrivarci anche zoppicando ma arrivarci. Un passo alla volta.
      SCrivere, leggere, cantare... fare quello che ci ci può dare soddisfazione.
      Mai isolarsi perchè allora i pensieri diventerebbero padroni di noi e indubbiamente non sarebbero mai pensieri gioiosi.
      Sì! Buona vita a tutti!

      Elimina

Chi commenta su questo sito lo potrà fare solo loggandosi a Blogger o Google. Deve quindi essere consapevole che il suo username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile. Potrà portare al Profilo di Blogger o a quello di Google+ a seconda della impostazione che si è scelta.
Leggere qui la POLICY PRIVACY