mercoledì 13 giugno 2018

Immaginate..... tre facce di latta

Immaginate di andare al supermercato di una città capoluogo di provincia non grandissima.  Circa settantamila abitanti, più o meno.
Immaginatevi di girare tra gli scaffali  e poi di andare alla cassa.
Immaginate ancora di trovare davanti a voi una nomade, na singra come si dice in piemontese, zingara, e mentre voi attendente ne arrivano altre due che le si avvicinano.
Poi mentre prendete la merce dal carrello per metterla sul nastro della cassa, a pochi passi da voi scorgete il vigilante con in mano due sacchetti bianchi chiusi da un'etichetta. Lo vedete che si guarda attorno e poi pare di colpo fissare voi. No! Solo un'impressione. Sta guardando le nomadi.
Loro se ne accorgono, pagano, infilano velocemente la merce nella borsa e se ne vanno.
Ora immaginate questo dialogo che il vigilante che  si avvicina ha con la cassiera: 

V - Guarda! Una delle tre  le aveva nascoste nella borsa.
C - Pane e brioches? Ma quale delle tre?
V - La più giovane.
C - E come hai fatto....
V - Stavo facendo il giro tra gli scaffali e ho visto un sacchetto spuntare da una borsa. Mi sono avvicinato e ho chiesto di farmelo vedere. Han brontolato un po' e poi lo hanno tirato fuori. "Ma cosa è sta roba qua? Pane? Ma io non lo compro mica il pane. Non è buono. Me lo faccio in casa." Chiedo come ha fatto finire nella borsa e mi hanno risposto "Ch ene so! Qualcuno me l'ha messo in borsa". E le brioches? "Ma non do mica da mangiare sta schifezza alla ragazzina.. fa male!". A quel punto l'ho sequestrato dicendo non lo avete comprato quindi non vi crea problemi se me lo prendo io vero? E loro sempre in dialetto mi hanno risposto "ma figurati! Non compro quel pane fa schifo. E quelle robe lì fanno male". Solo che poi per sicurezza...
C - Una balla più stupida non potevano contartela.
V - Va bene così! Questa merce almeno è rimasta qui. La butteranno ma è rimasta qui.

Successo stamattina davanti ai miei occhi. E non è la prima volta. Avevo già assistito ad altri fatti simili ma effettivamente la balla di stamani non l'avevo mai sentita. Da ridere per non urlare.
Poi, oltre al tentativo di furto, anche la presa per il "q"ulo...  

La faccia di latta di certe persone è terrificante!
Patricia
 


 

22 commenti:

  1. Guarda che anche gli italiani ci sanno fare. Basta scendere sullo stivale. OvvIAvviamente non tutti. È un istinto naturale di alcuni che vuoi farci?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo metto in dubbio. Però bisogna spiegarlo ai pendolari che i treni sono fermi perchè proprio gli zingari hanno rubato i cavi per prendere il rame.. o a quelli che abitano vicino al loro accampamento che la puzza che sentono e il fumo nero non è dovuto ale auto ma a loro che fondono detti cavidi plastica per prendere il rame. Sprigionano diossina ma...
      Oppure a quelli che si trovano senza portafogli perchè gli sono passati accanto.
      Non è per fare di ogni erba un fascio anche perchè non sono razzista ma quando chiedono l'elemosina per il bambino che hanno per mano e poi usano i soldi per andare a prendersi il vernut al bar?
      Ad un certo punto, tanti di loro sono i primi a rendersi odiosi.

      Elimina
  2. Storie che alimentano la voglia di Salvini, purtroppo... XD

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già! E purtroppo loro contribuiscono parecchio. Tra i taccheggi, i furti nelle abitazioni, quelli sui binari dove rubano i cavi di rame e bloccano la ferrovia... la gente non li ama qui, però...

      Elimina
  3. Purtroppo questi situazioni sono all'ordine del giorno. Vero, anche gli Italiani compiono atti del genere, ma questo non toglie che questo non debba costituire per gli zingari un alibi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già! Assolutamente nessun alibi! Anche perchè poi non sempre è cibo. Stamattina erano pane e brioches ma altre volte erano salatini o rossetti o matite per occhi. O bagnoschiuma di quelli più cari non le sottomarche.
      Il furto è sempre furto.
      Gli italiani da nord a sud se voglion rubare rubano. Fame o non fame.
      Mi fa molta pena il vecchietto che prende un pacchetto di prosciutto o un pezzo di formaggio perchè non arriva a fine mese. Gli altri no!

      Elimina
  4. Purtroppo succede, eccome se succede, però consoliamoci loro rubano pane e cornetti, noi, civilissimi, per esempio in Africa, abbiamo rubato, e continuiamo a farlo, di tutto; dall'oro all'uranio, al petrolio, all'avorio eccetera eccetera e quindi chi la fa l'aspetti.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, portavamo anche i rifiuti tossici a Port Coco :)
      Io non voglio criminalizzare tutti gli zingari però è un dato di fatto che la maggior parte prende dove trova senza chiedere se la merce ha il padrone ahhaahah come sono elegante oggi!

      Ricordo che quando la figlia andava alle elementari c'erano delle nomadi in classe con lei. Non hanno mai toccato nulla. A... prendere in prestito, diciamo così, era una bambina di una cosiddetta famiglia normale.

      Elimina
  5. Qui da noi si dice faccia di 'TOLLA', che è poi la stessa cosa. Bisogna stare alla larga dagli zingari, quella di fregare, in tutti i sensi, è la loro filosofia di vita.
    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Inizialmente avevo proprio scritto tolla, tola in piemontese ahahhaha
      Oltre a mettere in borsa senza pagare è anche la presa per i fondelli. Faccia stupita e dichiarare ma me lo hanno messo in borsa!!!

      Tempo fa, altre zingare avevano comprato i salatini al banco del pane. Ne mangiarono qualcuno e poi mollarono gli altri su uno scaffale.
      Solo che c'era un altro vigilante e c'erano pure le riprese delle telecamere.... venne fuori un caos!!!

      Elimina
  6. Cara Patrizia, certo che le immaginazioni possono essere tante questa poi è il massimo!!!
    Ciao e buon pomeriggio con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo è realtà questa Tomaso
      Bacio!

      Elimina
  7. Ma che altro sanno fare? Se i loro genitori o presunti tali non gli danno fin da piccoli altri insegnamenti? Se non portano roba a casa non mangiano. Questa è la regola fissa.
    Lavorare stanca e non porta frutti; solo rubare e rubare sempre.
    La ruspa? Il Kalaschinkov a raffica!
    E che qualcno dica che sono fascista. Io gli risponderò che lui è un froscio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poi, qualche tempo fa hanno sequestrato ad una famiglia di rom beni tra oro gioielli e immobili per un valore di un milione di euro.
      E tu che ti fai un fondello nero.... lasciamo stare!

      Elimina
  8. A me dicevano, quando ero piccola, di stare alla larga perché avrebbero potuto portarmi via con loro.
    Ho conosciuto "rom" che invece, si sono allontanati dai campi di origine, hanno cercato un lavoro e lo hanno trovato. Si sono inseriti benissimo nella società italiana, fanno studiare i loro bambini e vivono una vita civile.
    Se si vuole si può cambiare e questo, vale per tutti.
    Rom, italiani ecc...ecc...ecc...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come sempre scientifica e razionale.
      Ho conosciuto gente cui puzzavano atrocemente i piedi -anche a me a 17 anni nella conquista umorale- che li sentivi arrivare da dietro l'angolo d4lla casa.
      Io me li lavavo otto o dieci volte al giorno e non accettavo inviti. Strizza strizza con uso anche di aceto ed è passato in un anno o poco più.
      Il buono e il cattivo è dappertutto, ma poi c'è il pessimo....

      Elimina
    2. A Mariella
      Come dicevo a Sinforosa sopra, quando la figlia faceva le elementari aveva dei rom in classe. Bambine normalissime che non hanno mai toccato nulla. Le cose che sparivano, perchè purtroppo ogni tanto qualcosa spariva, venivano intascate da una bambina delle cosiddette famiglie "normali". Vale a dire non rom.

      Quanto al cambiamento son d'accordo con te. Basta volerlo e le cose possono prendere una strada diversa da quella he sembra predestinata.
      La domanda è: ma quanti lo vogliono?


      A Vincenzo
      Buono cattivo pessimo mediocre ottimo... nessuno è perfetto. In ognuno di noi c'è sempre più o meno forte, più o meno tenuto a bada, un lato negativo. Come generalizzare: i terroni e gli altri. Ma va!!! Come dice mio marito i meridionali sono nati in meridione. I terroni son quelli che non hanno voglia di far nulla e lì ci sono piemontesi, laziali, veneti, sardi, friulani... insomma provenienza italiana in generale.

      Elimina
  9. Guarda te, avevano la risposta già bella che pronta e confezionata. Sono persone furbe, sfacciate, indipendentemente da dove provengono.
    Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ce l'hanno sempre pronta! E di vergogna nemmeno un briciolo.

      Poi la provenienza geografica è sempre relativa. Su questo son d'accordo. I buoni e i cattivi ci sono dovunque. In certe etnie purtroppo ce ne sono di più e nulla fanno per cambiare.

      Elimina
  10. Beh, bisogna ammettere che sono geniali!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanto a fantasia e faccia di .... latta sì!

      Elimina

Chi commenta su questo sito lo potrà fare solo loggandosi a Blogger o Google. Deve quindi essere consapevole che il suo username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile. Potrà portare al Profilo di Blogger o a quello di Google+ a seconda della impostazione che si è scelta.
Leggere qui la POLICY PRIVACY